Cerca e trova immobili

TURCHIALa polizia ferma il corteo delle donne a Istanbul

25.11.23 - 17:52
Centinaia di attiviste si sono viste sbarrare la strada dagli agenti in tenuta antisommossa
Keystone-Sda
Fonte Ats Ans
La polizia ferma il corteo delle donne a Istanbul
Centinaia di attiviste si sono viste sbarrare la strada dagli agenti in tenuta antisommossa

ISTANBUL - La polizia in tenuta antisommossa ha fermato un corteo con qualche centinaio di attiviste che stavano marciando nel centro di Istanbul in occasione della giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne.

Le forze dell'ordine hanno bloccato la strada alle attiviste che, con cartelloni e slogan femministi, avevano iniziato a marciare dal quartiere di Mecidiyekoy verso la centrale piazza Taksim, già da ieri completamente transennata. Per decisione della prefettura di Istanbul, sono state chiuse le fermate della metropolitana nei quartieri più centrali, sorvegliati da molti agenti di polizia.

Trovandosi davanti agli agenti che bloccavano la strada, le donne si sono fermate ma hanno continuato a gridare slogan, esponendo striscioni e cartelloni con i nomi di varie donne uccise da uomini negli ultimi anni in Turchia. Dimostrazioni in occasione della giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne si sono tenuto o sono in corso anche in molte altre città della Turchia, come Tunceli, Eskisehir, Izmir, Antalya e nella capitale Ankara.

Le manifestazioni si sono tenute nel contesto di almeno 205 femminicidi nel Paese a partire da gennaio, come denuncia l'organizzazione Bianet nei suoi rapporti secondo cui lo scorso anno le donne uccise da uomini sono state 327, nella maggior parte dei casi per violenza subita dai propri partner o da membri della famiglia e conoscenti.

Le manifestazioni sono anche state un'occasione per criticare nuovamente l'uscita della Turchia dalla Convenzione di Istanbul, il più importante trattato internazionale per combattere la violenza contro le donne che Ankara aveva ratificato nel 2012 ma nel 2021 il presidente Recep Tayyip Erdogan ha deciso di ritirare la firma turca. Tanti gli slogan per difendere la legge numero 6284, il provvedimento principale in Turchia "per proteggere la famiglia e impedire la violenza contro le donne". Approvata nel 2012, recentemente la legge è stata contestata da alcuni partiti islamisti, Yeniden Refah Partisi e Huda Par, che fanno parte della coalizione con cui Erdogan ha vinto le elezioni in maggio e hanno già chiesto che venga rimossa, sostituita o cambiata.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Honghy 4 mesi fa su tio
E il bello è che il presidente dittatore predica x i diritti umani

Keope1963 4 mesi fa su tio
Proprio un bel paese.. vorrebbe entrare anche nell’UE.. e purtroppo lo abbiamo militarizzato per scopi NATO.. male male!

Tirasass 4 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Concordo con te

Peter Parker 4 mesi fa su tio
Risposta a Keope1963
Erdogan si è giocato la carta Svezia (accettazione di entrare nella NATO) per oliare Bruxelles e far ripartire le discussioni per l’adesione della Turchia. Già vedere la Turchia nella NATO fa venire i brividi…pensare che Bruxelles possa riavviare i colloqui per l’adesione nella UE e’ da fuori di senno. Altro esempio di ipocrisia mascherata.

Keope1963 4 mesi fa su tio
Risposta a Peter Parker
Molto vero
NOTIZIE PIÙ LETTE