Immobili
Veicoli

UCRAINA«Danneggiate o distrutte», 200 strutture sanitarie nel mirino

07.03.22 - 13:04
Non c'è spazio e manca personale. Rischio di focolai di malattie infettive, dal Covid-19, al morbillo, alla poliomielite
Keystone
UCRAINA
07.03.22 - 13:04
«Danneggiate o distrutte», 200 strutture sanitarie nel mirino
Non c'è spazio e manca personale. Rischio di focolai di malattie infettive, dal Covid-19, al morbillo, alla poliomielite

KIEV - Più di 200 strutture sanitarie dell'Ucraina si sono trovate lungo le linee di conflitto o in aree di controllo modificate nel corso della prima settimana di conflitto con la Russia. Lo riferisce l'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) nel primo bollettino elaborato per fare il punto sulla situazione sanitaria in Ucraina.

L'Oms evidenzia come la possibilità di offrire assistenza ai malati e ai feriti in Ucraina sia diventata molto difficile. In certe aree «si rischia l'interruzione dei servizi sanitari». Ci sono segnalazioni, «alcune già verificate», di strutture sanitarie «danneggiate o distrutte».

Almeno tre importanti impianti di ossigeno sono stati chiusi e le forniture sono «pericolosamente basse»; questo «ostacola il trattamento di una serie di condizioni, incluso il Covid-19». Raggiungere le strutture sanitarie è difficile, a causa degli attacchi armati, dei danni alle strade e ai mezzi di trasporto, della mancanza di carburante e delle difficoltà di spostamento nelle zone dove c'è la presenza di militari. Ci sono «molti insediamenti isolati, che non hanno farmacie o centri medici».

Le catene di approvvigionamento di farmaci, forniture mediche e altri beni sono state interrotte e, spiega l'Oms, «vengono già segnalati problemi legati alla scarsità di medicinali salvavita ed essenziali, come ossigeno e insulina, dispositivi di protezione individuale, forniture chirurgiche, anestetici ed emoderivati». Inoltre, ci si prepara a una grave carenza di personale sanitario, «sia per questioni di sicurezza che per gli spostamenti, all'interno del Paese o nei Paesi vicini».

Tutti gli sforzi ora sono focalizzati sui feriti. «Ci sono già allarmi sulla disponibilità di posti letto», fa sapere l'Oms. Il ministero della Salute, riferisce ancora l'Oms, ha sospeso tutti i ricoveri programmati e le procedure elettive per fare spazio alle emergenze. I call center istituiti per il Covid-19 sono stati riadattati per gestire la crisi sanitaria legata ai conflitti.

Preoccupazione anche per le condizioni degli sfollati e dei rifugiati, con un aumento del rischio di focolai di malattie infettive (non solo Covid-19, ma anche morbillo o poliomielite) a causa delle condizioni precarie e del sovraffollamento nei centri e nei luoghi ritenuti sicuri.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO