La polizia di Hong Kong ha arrestato il direttore e altri cinque dirigenti dell'Apple Daily
keystone-sda.ch
500 poliziotti hanno fatto irruzione nella sede dell'Apple Daily.
+7
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
43 min
È morta Lina Wertmüller
La grande regista italiana aveva 93 anni
MONDO
LIVE
La dose "booster" riduce la mortalità negli over 50
Nuove restrizioni nel Regno Unito, ha annunciato il primo ministro Johnson.
REGNO UNITO
1 ora
Boris Johnson è di nuovo papà
È il secondo figlio per il leader conservatore e la moglie Carrie
FINLANDIA
3 ore
Primo ministro in discoteca dopo un contatto con un positivo
Non si era accorta di aver ricevuto un messaggio che la invitava a non avere contatti con altre persone
STATI UNITI
3 ore
Dagli USA un voto a favore degli uiguri
È stato approvato un disegno di legge per contrastare i prodotti realizzati sfruttando le minoranze dello Xinjiang
HONG KONG
4 ore
Veglia su Tienanmen: il magnate Jimmy Lai giudicato «colpevole»
Nel 2020 aveva partecipato alla commemorazione, seppur vietata dalla polizia
ITALIA
6 ore
«I nuovi cyberbulli diventano violenti già a 7 anni»
La senatrice Elena Ferrara racconta la sua battaglia per una legge europea contro il bullismo online
ITALIA
12 ore
Quegli italiani che non vogliono Moderna
Si segnalano casi di rifiuto del booster eterologo in chi ha avuto le prime due dosi di Pfizer
ITALIA
16 ore
Cardiochirurgo con sintomi causa un maxi focolaio
Il professionista ha continuato a visitare e a operare, ora tutti i contagiati sono in isolamento
EGITTO
20 ore
Rilasciato Patrick Zaki
Lo studente dell'Università di Bologna è stato accolto dai suoi famigliari
GIAPPONE
21 ore
Un miliardario alla conquista della ISS
Yusaku Maezawa ha finanziato totalmente il viaggio turistico nello spazio.
CINA
17.06.2021 - 09:020
Aggiornamento : 11:00

La polizia di Hong Kong ha arrestato il direttore e altri cinque dirigenti dell'Apple Daily

L'operazione di polizia è stata possibile grazie alla controversa "legge sulla sicurezza nazionale"

HONG KONG - Ben 500 poliziotti hanno fatto irruzione questa mattina nella sede dell'Apple Daily, il principale tabloid pro-democrazia di Hong Kong. Cinque persone sono state arrestate, compreso il direttore Ryan Law.

Il blitz - Gli agenti si sono presentati alle 7.30 (l'1.30 in Svizzera), hanno circondato l'edificio e impedito ai giornalisti di rimettersi al lavoro. L'operazione è stata trasmessa in diretta Facebook sulla pagina dell'Apple Daily. L'irruzione è stata resa possibile dalle "legge sulla sicurezza nazionale" introdotta un anno fa dalla Cina e che ha suscitato un'enorme mole di discussioni e proteste. In concomitanza sono state perquisite le abitazioni di alcuni degli arrestati e congelati beni per un valore pari a 18 milioni di dollari di Hong Kong (2,1 milioni di franchi svizzeri).

Legge controversa - La "legge sulla sicurezza nazionale" dà la possibilità alla polizia chiunque sia accusato di compiere atti contrari all'integrità dello Stato e attività terroristiche. L'accusa nei confronti dei cinque arrestati è «collusione con forze straniere», reato punito dalla legislazione in oggetto. La prova? «Oltre 30 articoli» pubblicati dall'Apple Daily, nei quali i governi stranieri sono stati invitati a imporre sanzioni contro Cina e Hong Kong per la repressione delle manifestazioni e delle libertà. Non si tratta di un attacco alla libertà di stampa, ci ha tenuto a precisare il ministro della Sicurezza di Hong Kong John Lee: «Dobbiamo differenziare ciò che queste persone hanno fatto dal normale lavoro giornalistico. Il normale lavoro giornalistico si svolge liberamente e legalmente a Hong Kong».

Lee ha aggiunto che l'accusa contro l'Apple Daily è di aver usato il giornalismo «come strumento per mettere in pericolo la sicurezza nazionale». Il ministro ha invitato i reporter a «tenersi lontani dal crimine». Secondo il giornale, invece, la libertà di stampa «è appesa a un filo» e l'Apple Daily «sta subendo una stretta mirata da parte del regime», come comunicato dal tabloid tramite la propria app. «Tutti i membri di Apple Daily rimarranno saldi e fermi» al loro posto di lavoro.

Jimmy Lai - L'Apple Daily è stato fondato nel 1995 da Jimmy Lai, magnate dei media che sta scontando una pena di 14 mesi di reclusione per il suo ruolo nelle manifestazioni pro-democrazia del 2019 e altri 14 mesi per la partecipazione a due dimostrazioni non autorizzate nell'agosto dello scorso anno. Anche il suo arresto era stato possibile grazie alla "legge sulla sicurezza nazionale".

keystone-sda.ch / STF (JEROME FAVRE)
Guarda tutte le 11 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-09 12:58:28 | 91.208.130.86