Cerca e trova immobili

ITALIASostiene di essere erede di Berlusconi, indagato imprenditore

23.10.23 - 14:00
Si tratta del piemontese Marco Di Nunzio, su di lui si indaga per falsità in testamento
Reuters
Fonte ats ans
Sostiene di essere erede di Berlusconi, indagato imprenditore
Si tratta del piemontese Marco Di Nunzio, su di lui si indaga per falsità in testamento

MILANO - L'imprenditore piemontese Marco Di Nunzio, che sostiene di essere tra gli eredi di Silvio Berlusconi per via di un testamento non olografo e sottoscritto in Colombia poco più di due anni fa, è indagato dalla Procura di Milano.

Il pm Roberta Amadeo e il procuratore Marcello Viola, titolari del fascicolo, dallo scorso luglio hanno iscritto Di Nunzio per falsità in testamento (art. 491 codice penale) in seguito a una segnalazione delle autorità diplomatiche colombiane.

La vicenda.
Da quanto si è appreso, Di Nunzio, subito dopo la morte del leader di Forza Italia avrebbe cercato, senza riuscirvi, di fare pubblicare a Milano, attraverso l'ordine notarile e il notaio della famiglia Berlusconi (parte lesa nell'indagine), l'integrazione di quello che lui dice essere un testamento speciale con cui il Cavaliere lo avrebbe designato tra i suoi eredi: a suo dire, gli avrebbe lasciato il 2% delle quote di Fininvest, 26 milioni di euro, tutte le azioni della società proprietaria delle ville ad Antigua, la nave "Principessa VaiVia" e anche le altre imbarcazioni.

Dopo il tentativo andato a vuoto di farlo pubblicare a Milano - è una delle circostanze che radica la competenza nel capoluogo lombardo, assieme ai riflessi milanesi delle eventuali conseguenze del fatto «commesso al fine di recare a sé o ad altri un vantaggio» -, lo scorso 3 ottobre il testamento è stato depositato e pubblicato dall'imprenditore torinese 55enne presso uno studio notarile di Napoli.

Si tratta di un atto su cui sono in corso accertamenti in quanto inquirenti e investigatori ritengono sia stato falsificato.

«C'è un procedimento».
La conferma del procedimento arriva anche da Giorgio Perroni, uno dei legali della famiglia Berlusconi: «C'è un procedimento».

L'avvocato - secondo un'Ansa di oggi - non ha aggiunto altro rispetto alla lettera inviata a Report e resa pubblica nella trasmissione di ieri.

«Facciamo seguito alla sua richiesta di informazioni - scrive il legale che assiste i figli dell'ex premier - per rappresentarle quali legali degli eredi del dottor Berlusconi che riteniamo l'asserito testamento di cui chiedete conto assolutamente non veritiero e che innanzi alla Procura di Milano è pendente un procedimento penale che farà sicuramente luce sulla vicenda».

Come detto, il racconto del presunto testamento, che Silvio Berlusconi avrebbe lasciato a un imprenditore torinese residente in Colombia, è andato in onda ieri sulla Rai.

 

 

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Ascot 8 mesi fa su tio
Da ricoverare al più presto 😂
NOTIZIE PIÙ LETTE