Cerca e trova immobili

GRECIA«È stato un tragico errore umano»

01.03.23 - 20:01
È la peggiore strage ferroviaria nella storia del paese.
Reuters
Fonte Ats
«È stato un tragico errore umano»
È la peggiore strage ferroviaria nella storia del paese.

LARISSA - Uno schianto violentissimo, le fiamme, le urla. Nella notte due treni si sono scontrati frontalmente nei pressi del villaggio di Tempe, poco fuori Larissa, nella Grecia centrale, causando la peggiore strage ferroviaria nella storia del paese: almeno 41 morti, più di 130 feriti e un numero imprecisato di dispersi forse rimasti stritolati nelle carrozze 2 e 3 del treno passeggeri, carico di studenti universitari che tornavano a casa.

Quest'ultimo correva verso Salonicco quando si è trovato di fronte un treno merci destinato a Larissa: i due convogli erano finiti probabilmente per errore umano o negligenza sullo stesso binario, ma in direzione opposta.

I soccorritori si sono trovati di fronte uno scenario apocalittico: vagoni "polverizzati" e in fiamme dove non era possibile tirar fuori le persone - in sette sono morti carbonizzati, secondo l'ultimo bilancio -, cadaveri e feriti scaraventati a 40 metri dalle carrozze in mezzo alla campagna.

Enorme lo shock nel paese, le cui autorità - dalla presidente della Repubblica Katerina Sakellaropoulou al premier Kyriakos Mitsotakis - sono accorse sul luogo della tragedia e a visitare i feriti negli ospedali di Larissa, davanti ai quali si sono formate lunghe file di persone pronte a donare sangue.

Il governo ha proclamato tre giorni di lutto nazionale. «Faremo tutto ciò che è in nostro potere per garantire che nulla di simile accada di nuovo», ha detto il premier arrivando a Tempe, parlando poi in serata in tv di «un tragico errore umano».

Il treno passeggeri, un Intercity, aveva a bordo 342 passeggeri, mentre sui due convogli erano in servizio 10 ferrovieri (due di loro sul merci). Nove sarebbero morti, mentre un gran numero di vittime sull'Intercity erano studenti universitari poco più ventenni che rientravano a Salonicco da Atene dopo le festività del Carnevale greco ortodosso.

Quasi subito il dito è stato puntato sulle numerose e croniche deficienze del sistema ferroviario ellenico: carenza di personale, infrastrutture antiquate, mancanza di manutenzione, come denunciato dai sindacati. Una rete ferroviaria dove spesso non funzionano i semafori e dove il traffico è ancora in gran parte regolato dalle telefonate tra i vari capistazione che danno il via libera ai treni in transito.

Per l'esperto di sicurezza ferroviaria Anastasios Dedes, intervistato dalla tv pubblica greca ERT, il treno passeggeri «doveva vedere segnali che indicassero se la linea era libera o meno. Ma questi semafori erano fuori uso. Da quanto ne so, l'impianto esiste, sui treni e sulla linea, ma non è stato potenziato e messo in funzione, con il risultato che i treni sono lasciati agli ordini dei capistazione e si muovono alla cieca. Lo stesso vale per il traffico nell'altra direzione perché neanche i semafori dall'altra parte hanno funzionato, provocando questo incidente», ha detto, sottolineando che questi sistemi non funzionano da più di 15 anni.

Le ferrovie greche sono gestite da Trainose, la società delle ferrovie greche di proprietà dal 2017 delle Ferrovie dello Stato italiane, sulla quale corrono - due volte al giorno tra Atene e Salonicco - due Freccia Bianca ad alta velocità, non coinvolte però nella catastrofe.

L'inchiesta, scattata immediatamente, ha portato intanto all'arresto del 59enne capostazione di Larissa accusato di omicidio colposo per negligenza e lesioni personali sempre per negligenza, ma che secondo ERT si è difeso dicendo di aver premuto il pulsante per attivare uno scambio, che tuttavia non avrebbe funzionato. Secondo altre fonti avrebbe invece già ammesso le sue responsabilità.

Di fronte all'ondata di indignazione e proteste - dai lavoratori del settore agli studenti di Salonicco, fino ai partiti d'opposizione - che si è affiancata quasi subito allo strazio, si è dimesso anche il ministro dei trasporti Kostas Karamanlis.

«Sono in politica da qualche anno - ha dichiarato in una nota - ma considero un elemento necessario della nostra democrazia che i cittadini del nostro paese abbiano fiducia nel sistema politico. Questa si chiama responsabilità politica. Per questo rassegno le mie dimissioni dalla carica di ministro delle infrastrutture e dei trasporti. È quello che sento di dover fare come minimo segno di rispetto per le vittime».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Brasil63 1 anno fa su tio
Paese allo sbando come tutta la UE. La vice presidente delle tangenti non era greca....

Maria Concetta 1 anno fa su tio
stranamente il tutto gestito da italiani delle ferrovie statali italiane....

Fester 1 anno fa su tio
Risposta a Maria Concetta
Che commento inutile...

cle72 1 anno fa su tio
Risposta a Maria Concetta
Legga meglio il testo, capirà da sola che ha scritto una scemenza.

Jasonn Bourne 1 anno fa su tio
Risposta a Maria Concetta
😬

Marecalmo 1 anno fa su tio
Risposta a Maria Concetta
Maria Concetta, tipico nome che tradisce le proprie origini svedesi.... Ma a prescindere da questo, commentare un disastro del genere sputando la propria xenofobia e ignorando che ci sono vittime e persone che soffrono è di un becero che davvero fa paura. Alla redazione consiglio di bannare certi personaggi, i loro commenti privi di rispetto sono di una pochezza desolante...

Brasil63 1 anno fa su tio
Risposta a cle72
.....di proprietà dal 2017 delle Ferrovie dello Stato italiane. Più chiaro di così

cle72 1 anno fa su tio
Risposta a Brasil63
Un altro fenomeno... Di proprietà, ma gestito da chi? fenomeni. La proprietà è una cosa, la gestione d'esercizio è un'altra cosa. Poi tra l'altro si parla di tragico errore umano. L'ignoranza non ha confini vedo.

andytt 1 anno fa su tio
Rip. Purtoppo la crisi greca a fatto altre vittime. Ma quando bisogna spendere per la sicurezza molti ancora dicono che sono soldi sprecati.....
NOTIZIE PIÙ LETTE