Cerca e trova immobili

RUSSIANobel per la pace russo: «Il Cremlino mi ha chiesto di rifiutare il premio»

10.12.22 - 18:37
Yan Rachinsky, direttore dell'organizzazione Memorial: «Naturalmente non abbiamo tenuto conto di questo consiglio»
AFP
Fonte ATS ANS
Nobel per la pace russo: «Il Cremlino mi ha chiesto di rifiutare il premio»
Yan Rachinsky, direttore dell'organizzazione Memorial: «Naturalmente non abbiamo tenuto conto di questo consiglio»

MOSCA - Il co-vincitore russo del premio Nobel per la pace di quest'anno ha detto che le autorità del Cremlino gli hanno detto di rifiutare il premio. Yan Rachinsky, che dirige l'organizzazione Memorial, ha riferito che gli è stato detto di non accettare il premio perché gli altri due co-vincitori - un'organizzazione ucraina per i diritti umani e un difensore dei diritti bielorusso incarcerato - sono stati ritenuti "inappropriati".

In un'intervista esclusiva con la Bbc, Rachinsky ha affermato che alla sua organizzazione era stato consigliato di rifiutare il premio, ma «naturalmente, non abbiamo tenuto conto di questo consiglio». Nonostante le minacce alla sua sicurezza, Rachinsky ha affermato che il lavoro di Memorial è rimasto essenziale.

«Nella Russia di oggi, la sicurezza personale di nessuno può essere garantita", ha detto. "Sì, molti sono stati uccisi. Ma sappiamo a cosa porta l'impunità dello stato... Dobbiamo uscire da questa fossa in qualche modo».

Rachinsky ha definito "straordinaria" la decisione della commissione di assegnare il premio a vincitori di tre paesi diversi, una prova «che la società civile non è divisa dai confini nazionali».

La decisione di includere un russo tra i vincitori del Nobel è stata controversa. Oleksandra Matviychuk, che dirige il Centro ucraino per le libertà civili - altro vincitore del premio - ha rifiutato di essere intervistata dalla Bbc insieme a Rachinsky, anche se ha elogiato il lavoro del russo e ha descritto Memorial come «un nostro partner».

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE