Immobili
Veicoli

STATI UNITI Il divieto di abortire rende difficile alle donne ottenere medicamenti "salvavita"

08.08.22 - 20:00
I medici temono che prescrivendo farmaci che potrebbero provocare l'interruzione di gravidanza, saranno perseguiti
keystone-sda.ch (Ben Gray)
Il divieto di abortire rende difficile alle donne ottenere medicamenti "salvavita"
I medici temono che prescrivendo farmaci che potrebbero provocare l'interruzione di gravidanza, saranno perseguiti
Da quando molti Stati hanno vietato l'aborto si è creato un vuoto normativo a discapito delle malate con gravi patologie permanenti

WASHINGTON D.C - Cancro, artrite, ulcera. Molte delle donne americane che soffrono di queste malattie croniche avranno più difficoltà ad accedere alle cure. Da quando la Corte suprema statunitense ha abolito la storica sentenza "Roe contro Wade" che garantiva il diritto all'aborto a livello federale, i medici e farmacisti cercano in tutti modi di tutelare la loro professione a discapito delle pazienti, si legge in un articolo del Washington Post.

Becky Hubbard, nonostante l'età (46) e una storia d'infertilità alle spalle, ha deciso di ricorrere alla sterilizzazione, solo per poter continuare a prendere l'unico farmaco che le dà sollievo dall'artrite reumatoide. Il dolore provocato dalla malattia, che la accompagna ormai da otto anni, è invalidante. Subito dopo che la Corte Suprema ha abolito il diritto all'aborto, la donna del Tennessee ha detto di aver ricevuto un ultimatum da Il suo reumatologo.

Se volesse continuare il trattamento utilizzato negli anni passati, un farmaco chiamato metotrexato, dovrà sottoporsi a contraccettivi, per questo motivo Hubbard ha deciso di ricorrere alla sterilizzazione. «È frustrante come l’inferno», ha detto Hubbard, un ex infermiera che vive a Johnson City, in Tennessee. L’improvvisa imposizione delle leggi anti-aborto hanno lasciato pazienti, medici e farmacisti il compito di colmare vuoti normativi che si sono creati. Il risultato è un aumento considerevole delle segnalazioni di donne che si trovano in una situazione sanitaria simile a quella della Hubbard. 

Medicinali che trattano patologie come il cancro, le malattie autoimmuni o le ulcere, possono anche porre fine alla gravidanza o causare difetti congeniti al feto. Come risultato, medici e farmacisti in più di una dozzina di stati con severe restrizioni sull’aborto devono improvvisamente valutare se e quando prescrivere tali farmaci, perché potrebbero essere ritenuti penalmente responsabili e perderebbero la licenza.

Anche se vi è modo di dimostrare che i loro pazienti soffrono di condizioni come l’artrite reumatoide, alcuni medici si preoccupano di poter essere perseguiti per aver prescritto tali farmaci a una paziente non consapevole di essere incinta. Tali pazienti sono anche a maggior rischio perché non possono più richiedere l’aborto nel loro Stato di origine se accidentalmente dovessero restare incinta durante l’assunzione di tali farmaci, non importa quanto gravi le lesioni al feto in via di sviluppo.

«Il metotrexato è solo la punta dell’iceberg», ha detto Traci Poole, farmacista praticante e membro della facoltà di Belmont University College of Pharmacy di Nashville. «Se siete in età fertile, vi verranno negati farmaci che potrebbero interferire con una gravidanza?» Non ci sono stime attendibili di quante donne come Hubbard possano aver avuto problemi a ricevere i trattamenti sanitari appropriati.

«Siamo rimasti sorpresi dal gran numero di lamentele da parte di persone affette da artrite e patologie autoimmuni che stanno avendo problemi a ottenere le prescrizioni per il metotrexato dopo la decisione della Corte suprema», ha detto Steven Newmark, direttore della politica e chief legal officer della Global Healthy Living Foundation, un’organizzazione no-profit che si batte per la tutela dei diritti delle persone con malattie croniche.

Medici e farmacisti riconoscono di essere stati presi alla sprovvista dalla rapidità dei cambiamenti delle leggi statali e stanno già apportando modifiche alle loro prassi per tutelarsi da eventuali accuse. Grandi catene di farmacie come CVS e La Walgreens, per esempio, sta istruendo i dipendenti a effettuare controlli supplementari per verificare che alcuni farmaci non siano venduti a donne che vogliono utilizzarli per interrompere la gravidanza. Dovranno quindi verificare l'uso che la paziente ne vuole fare prima della vendita effettiva. 

Molti attivisti dei diritti civili e i difensori dei diritti delle donne denunciano molti di questi cambiamenti, poiché potrebbero violare le leggi federali contro le discriminazioni fondate sul sesso o sulla disabilità. I medici ritengono che la situazione attuale sia preoccupante dal momento che le donne hanno molte più probabilità degli uomini di avere malattie autoimmuni, e di dover ricorrere a trattamenti per condizioni che vanno dall’acne all’ansia e alla depressione.

«Stiamo vivendo le ripercussioni che ha avuto l'abolizione della Roe», ha detto Usha Ranji, direttore associato per la politica sanitaria delle donne presso la Kaiser Family Foundation, un’organizzazione no-profit che si concentra sulla politica sanitaria. «La maggior parte delle conseguenze si abbatteranno pesantemente sulle donne.» Gli attivisti contro l’aborto, dal canto loro, dicono di essere turbati dai racconti come quelli di Hubbard.

Katie Glenn, direttore della politica statale di Susan B. Anthony Pro-Life America, un gruppo di difesa contro l’aborto, ha detto che medici e farmacisti non devono preoccuparsi di prescrivere questo tipo farmaci ai loro pazienti, a condizione che non lo stanno facendo per interrompere una gravidanza. «L’intenzione è la chiave qui», ha detto Glenn. «Se sei un reumatologo, non devi far abortire le tue pazienti. Se non le ha mai prescritto il metotrexato per l’aborto, è libero di continuare a prescriverlo come prima.»

 

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO