Immobili
Veicoli

UCRAINA / GIAPPONEUn video su Twitter, un incidente diplomatico

27.04.22 - 16:30
Disporre l'imperatore giapponese accanto a Hitler e Mussolini ha incollerito Tokyo
Keystone / Deposit / Twitter(@Ukraine)
Un video su Twitter, un incidente diplomatico
Disporre l'imperatore giapponese accanto a Hitler e Mussolini ha incollerito Tokyo
Presto sono arrivate le scuse di Kiev: «Non avevamo alcuna intenzione di offendere l'amichevole popolo giapponese»

KIEV/TOKYO - Per realizzare un video ad effetto, è stato sfiorato un incidente diplomatico tra Ucraina e Giappone.

È successo negli scorsi giorni, quando in un video postato su Twitter contro l'invasione russa, le autorità di Kiev l'hanno paragonata ai tempi della Seconda Guerra Mondiale. In una sezione del filmato, gli ucraini hanno scritto che «il fascismo e il nazismo sono stati sconfitti nel 1945», con a corredo una foto di Adolf Hitler, di Benito Mussolini e dell'Imperatore giapponese di allora, Hirohito.

«Una rappresentazione deplorevole»
Un paragone che ha fatto infuriare i giapponesi, che si sono scaraventati contro il Governo ucraino. Una reazione partita dai social (dove in molti sono arrivati persino a chiedere al Giappone di smettere di sostenere l'Ucraina), arrivata presto fino alle alte sfere della politica. Come riporta l'agenzia di stampa AP, il vicesegretario di gabinetto Yoshihiko Isozaki l'ha definita una rappresentazione «completamente inappropriata e deplorevole», ma che non precluderà il «continuo sostegno agli ucraini che stanno difendendo il loro Paese».

Un sostegno che continuerà anche, probabilmente, viste le rapide scuse del Governo di Kiev, che appena ha colto l'irritazione di Tokyo - che ha inoltrato una protesta formale - ha rimosso il video, riproponendolo senza la presenza dell'imperatore Showa. 

In allegato, un messaggio: «Le nostre più sincere scuse al Giappone per aver commesso questo errore», ha twittato domenica il governo ucraino. «Non avevamo alcuna intenzione di offendere l'amichevole popolo giapponese». Anche l'ambasciatore ucraino in Giappone, Sergiy Korsunsky, si è scusato in un tweet pubblicato lunedì, dicendo che colui che ha realizzato il video «mancava di comprensione» della storia di quegli anni.

Un ruolo controverso
Durante la Seconda guerra mondiale, il Giappone era sotto la guida dell'imperatore Hirohito (conosciuto in Giappone come imperatore Showa), che era venerato come un dio (almeno fino a quando non rinunciò al suo Status di divinità, dopo la sconfitta del Giappone). Il suo ruolo nell’alleanza con il nazifascismo rimane però ancora oggi un tema fortemente controverso. 

L'alleanza con la Germania di Hilter viene infatti storicamente imputata a Hideki Tojo, il primo ministro giapponese del periodo bellico (che fu poi condannato per crimini di guerra e impiccato), e molti sostengono che la sua presenza sarebbe stata una scelta migliore per il video. Hirohito è invece rimasto al potere fino alla sua morte, nel 1989, ed è ricordato più per la ripresa post-bellica del Giappone.

C'è però anche un'altra faccia della medaglia: c'è chi ha sollevato il dubbio che la richiesta del Giappone possa essere considerata una forma di censura, che potrebbe essere vista anche come un precedente per spingere i giapponesi a riscrivere la loro versione della storia della guerra.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO