Immobili
Veicoli

ATTUALITÀEcco come in tutto il mondo si sta tornando alla normalità

18.02.22 - 06:00
Lentamente ci si avvia verso allentamenti un po' ovunque. Ecco quello che accade nelle altre nazioni.
Deposit
Fonte 20 Minuten
Ecco come in tutto il mondo si sta tornando alla normalità
Lentamente ci si avvia verso allentamenti un po' ovunque. Ecco quello che accade nelle altre nazioni.

LUGANO - Proprio ieri la Svizzera ha rinunciato a (praticamente) tutte le misure Covid. Non è l'unico Paese al mondo che si sta muovendo verso l'apertura e un tentativo di normalità. Ecco una veloce panoramica della situazione internazionale, nazione per nazione e in ordine alfabetico.

Argentina

Niente obbligo di certificato e nessun limite di capacità per locali ed eventi, così anche l'Argentina torna al pre-pandemia. In generale la situazione nell'America latina non è ugualmente leggera e appare estremamente variegata. Per questo motivo vi consigliamo di consultare i siti web nazionali per una maggiore chiarezza riguardo alle misure in atto, soprattutto in vista di un viaggio.

Austria

Dopo la svolta più liberale di Kurz, l'Austria ha virato in maniera netta verso le restrizioni arrivando anche a ventilare l'obbligo vaccinale. Ora, l'attuale cancelliere Nehammer, è disposto a concedere alcuni allentamenti. A partire da settimana prossima nei locali non varrà più l'obbligo di 2G, ma ci vorrà solamente il 3G. Secondo alcuni osservatori, malgrado lo spettro dell'obbligo di vaccinazione, è prevista una rimozione di tutte le misure entro il 5 marzo.

Cina

Nella Repubblica Popolare continua ad approcciarsi al virus come a inizio pandemia, ovvero con la politica dello "zero contagi". Portata avanti con tamponi di massa e quarantene. Unica eccezione, a causa delle olimpiadi, è l'area metropolitana di Pechino che per l'occasione è stata completamente isolata. Diversamente la situazione a Hong Kong che vive in questi giorni la peggiore ondata di casi di Covid da quando è iniziata la pandemia.

Germania

La Germania inizierà a revocare alcune delle restrizioni anti-Covid in vigore. Una gran parte delle attuali restrizioni verrà tolta progressivamente con un piano in tre tappe, che si concluderà il 20 marzo, ha spiegato il capo del governo di Berlino. Tra le novità, la possibilità per i non vaccinati di tornare in negozi e ristoranti, purché abbiano un test negativo. I tedeschi dovranno continuare a indossare le mascherine. 

Italia

Fra i Paesi più severi in assoluto per quanto riguarda i requisiti per il Green Pass, anche l'Italia si sta gradualmente rilassando. Settimana scorsa è stato tolto l'obbligo di mascherina all'aperto e le discoteche hanno potuto riaprire i battenti. Si parla di abolire il Green Pass entro marzo, questo grazie all'altissimo tasso di vaccinazione (85%). Qualcosa di simile sta succedendo anche in Francia e Spagna.

Russia

Malgrado il numero sempre altissimo di casi, anche la Russia sta iniziando a pensare alla normalità. Fra le ultime misure a essere rimosse c'è la quarantena dei contatti di chi risulta positivo al tampone.

Stati Uniti

Anche gli Stati Uniti - Paese da record per quanto riguarda morti e contagi da inizio pandemia - sono indirizzati verso l'allentamento. A causa del calo importante di contagi, molti Stati hanno deciso di allentare le misure (o stanno seriamente valutando di farlo).

Sudafrica

Grazie alla spinta di Omicron, che è stata scoperta proprio in Sudafrica, il Paese ha potuto rimuovere gran parte delle misure già un mese dopo il primo caso. Al momento la situazione epidemiologica è tranquilla, si stima anche grazie al fatto che una fetta importante della popolazione (circa il 70%) si sia in qualche modo immunizzato.

Svezia

Da sempre fra i meno rigidi per quanto riguarda il Covid, facendo anche molto discutere agli inizi della pandemia, la Svezia ha rimosso praticamente tutte le misure. Come lei anche Danimarca e Regno Unito. Particolarità voluta dal governo di Stoccolma è anche lo stop ai tamponi gratuiti e le quarantene. Al momento valgono solo alcune restrizioni all'ingresso. 

Spagna
La prima è stata la Catalogna ad allentare le restrizioni sanitarie. Poi hanno fatto seguito le altre regioni spagnole. Nei Paesi Baschi dalla prossima settimana non ci sarà più nessuna misura in vigore. Restano solo quelle stabilite dalla normativa nazionale, come l'obbligo di indossare la mascherina in spazi chiusi. Nella Galizia vengono meno diversi divieti, e cadranno le restrizioni orarie per i locali. Alle Canarie viene invece tolto l'obbligo del Green Pass.

NOTIZIE PIÙ LETTE