Immobili
Veicoli

UNIONE EUROPEAOmicron è diventata dominante in Europa

21.01.22 - 19:33
La variante, secondo l'ultimo rapporto dell'Ecdc, ha una prevalenza aggregata del 78% nel continente.
AFP
UNIONE EUROPEA
21.01.22 - 19:33
Omicron è diventata dominante in Europa
La variante, secondo l'ultimo rapporto dell'Ecdc, ha una prevalenza aggregata del 78% nel continente.
La valutazione dell'impatto sulla gravità di Omicron passa invece a «ridotta» per via dei minori rischi di ospedalizzazione.

BRUXELLES - Omicron è diventata la variante dominante della pandemia di Covid -19 nell'Unione europea. Lo afferma il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) nel report settimanale. «La categoria di trasmissione di Omicron nell'Unione europea e nello Spazio economico europeo è cambiata da 'di comunità' a 'dominante, a seguito dei dati di sorveglianza e dei report nazionali», scrive l'Ecdc parlando di una «prevalenza aggregata del 78%» di Omicron, che è «ormai dominante nella maggioranza dei Paesi Ue e dello Spazio economico europeo».

Passa invece a «ridotta», secondo l'aggiornamento dell'Ecdc, «la valutazione dell'impatto sulla gravità di Omicron, perché ci sono ora più prove disponibili che dimostrano un rischio ridotto di ospedalizzazione associato a Omicron». L'agenzia indipendente sottolinea comunque che non è ancora chiaro in quale misura questa valutazione sia applicabile a tutti i gruppi della popolazione, sulla base dello stato di vaccinazione, precedenti infezioni, età, comorbidità e altri fattori.

Omicron e la"sorella" sotto osservazione
Le autorità sanitarie britanniche nel frattempo stanno approfondendo le segnalazioni sulla comparsa di una potenziale"sorella" della variante Omicron del Covid-19, di cui è apparsa traccia in alcuni Paesi del mondo a partire da inizio dicembre. Lo riportano alcuni media. La sotto-variante in questione - il cui codice di riferimento è indicato con la sigla BA.2, essendo Omicron BA.1 - non sembra tuttavia avere effetti più gravi sui pazienti né una maggiore potenziale resistenza ai vaccini, stando ai primissimi dati elaborati in alcuni dei primi Paesi in cui è comparsa (India e Danimarca) e ora sotto esame di medici e scienziati d'oltre Manica.

Inoltre non risulta aver assunto un ruolo predominante rispetto al ceppo originario in nessuna area del pianeta. «Sembrano poter esserci differenze minime nell'efficacia dei vaccini su BA.1 o BA.2», si è sbilanciato via Twitter in queste ore il professor Tom Peacock, virologo all'Imperial College di Londra, aggiungendo che «dati più solidi sono attesi nelle prossime settimane»; ma sottolineando comunque di dubitare «personalmente che questa (mutazione) possa avere un impatto significativo sull'andamento dell'ondata di contagi Omicron», al momento in fase di ridimensionamento nel Regno Unito.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO