Immobili
Veicoli
AFP
UNIONE EUROPEA
21.01.2022 - 19:330

Omicron è diventata dominante in Europa

La variante, secondo l'ultimo rapporto dell'Ecdc, ha una prevalenza aggregata del 78% nel continente.

La valutazione dell'impatto sulla gravità di Omicron passa invece a «ridotta» per via dei minori rischi di ospedalizzazione.

BRUXELLES - Omicron è diventata la variante dominante della pandemia di Covid -19 nell'Unione europea. Lo afferma il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) nel report settimanale. «La categoria di trasmissione di Omicron nell'Unione europea e nello Spazio economico europeo è cambiata da 'di comunità' a 'dominante, a seguito dei dati di sorveglianza e dei report nazionali», scrive l'Ecdc parlando di una «prevalenza aggregata del 78%» di Omicron, che è «ormai dominante nella maggioranza dei Paesi Ue e dello Spazio economico europeo».

Passa invece a «ridotta», secondo l'aggiornamento dell'Ecdc, «la valutazione dell'impatto sulla gravità di Omicron, perché ci sono ora più prove disponibili che dimostrano un rischio ridotto di ospedalizzazione associato a Omicron». L'agenzia indipendente sottolinea comunque che non è ancora chiaro in quale misura questa valutazione sia applicabile a tutti i gruppi della popolazione, sulla base dello stato di vaccinazione, precedenti infezioni, età, comorbidità e altri fattori.

Omicron e la "sorella" sotto osservazione
Le autorità sanitarie britanniche nel frattempo stanno approfondendo le segnalazioni sulla comparsa di una potenziale "sorella" della variante Omicron del Covid-19, di cui è apparsa traccia in alcuni Paesi del mondo a partire da inizio dicembre. Lo riportano alcuni media. La sotto-variante in questione - il cui codice di riferimento è indicato con la sigla BA.2, essendo Omicron BA.1 - non sembra tuttavia avere effetti più gravi sui pazienti né una maggiore potenziale resistenza ai vaccini, stando ai primissimi dati elaborati in alcuni dei primi Paesi in cui è comparsa (India e Danimarca) e ora sotto esame di medici e scienziati d'oltre Manica.

Inoltre non risulta aver assunto un ruolo predominante rispetto al ceppo originario in nessuna area del pianeta. «Sembrano poter esserci differenze minime nell'efficacia dei vaccini su BA.1 o BA.2», si è sbilanciato via Twitter in queste ore il professor Tom Peacock, virologo all'Imperial College di Londra, aggiungendo che «dati più solidi sono attesi nelle prossime settimane»; ma sottolineando comunque di dubitare «personalmente che questa (mutazione) possa avere un impatto significativo sull'andamento dell'ondata di contagi Omicron», al momento in fase di ridimensionamento nel Regno Unito.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-28 08:58:56 | 91.208.130.87