Reuters
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
7 ore
Ergastolo? El Chapo ha richiesto un nuovo processo
La difesa del narcotrafficante si sta battendo in particolare contro le condizioni di detenzione ai tempi delle udienze
MONDO
7 ore
«La pandemia è lungi dall'essere finita»
Le considerazioni emerse durante l'incontro del comitato d'emergenza dell'Organizzazione mondiale della sanità
REGNO UNITO
8 ore
Niente CoP26 per la Regina Elisabetta
Sua Maestà invierà però un messaggio registrato in video ai delegati in assemblea
Stati Uniti
10 ore
Ecco perché transizione green non è sinonimo di sicurezza sul lavoro
Dalle miniere di cobalto agli impianti di riciclaggio, passando per i pescatori: i diritti umani nell'economia verde
REGNO UNITO
12 ore
Danni fino a 18 miliardi di sterline da nuove misure anti-Covid
Per questo motivo il governo Johnson non prende in considerazione il Piano B (nonostante quello A non stia funzionando)
FOTO
GERMANIA
14 ore
Il Bundestag ha una nuova presidentessa
Si tratta della socialdemocratica Bärbel Bas
ITALIA
15 ore
Si cerca una mamma in fuga che potrebbe aver ucciso le due figlie
Le piccole sono state trovate prive di vita in una casa famiglia, la dinamica non è ancora chiara
STATI UNITI
15 ore
«È uno sforzo coordinato per dipingere una falsa immagine di Facebook»
Per il Ceo della piattaforma social, l'azienda ha una «cultura aperta» e accoglie le «critiche in buona fede»...
ITALIA
17 ore
Attacco hacker alla San Carlo
L'azione è già stata rivendicata, l'azienda non ha intenzione di pagare
SUDAN
17 ore
«Tornare al passato non è un'opzione», 10 morti nelle proteste
I manifestanti contro il golpe sono nuovamente scesi in strada, tra scontri e barricate
CINA / STATI UNITI
24.05.2021 - 11:160

Wuhan, tre ricercatori ammalati e un dibattito che si riaccende

Secondo documenti dell'intelligence americana, erano stati ricoverati nel novembre del 2019.

I tre lavoravano presso l'Istituto di virologia di Wuhan. Al momento non si sa da cosa fossero stati contagiati. Ma le carte hanno innescato nuove schermaglie tra Washington e Pechino sullo scenario, già definito «improbabile» dall'Oms, della fuga del coronavirus da un laboratorio.

WUHAN - Mentre la fine dell'emergenza sanitaria inizia gradualmente a prendere forma, i contorni della sua origine restano ancora oggi avvolti nella nebbia. Una nebbia un po' meno spessa - le principali ipotesi sul tavolo sono ormai note, con il "salto" del virus sull'uomo ritenuta l'innesco più probabile della pandemia - ma non a sufficienza da permettere di escludere del tutto anche l'improbabile teoria della fuga del virus da un laboratorio. E alcune carte ottenute dal Wall Street Journal promettono ora di alimentare nuovamente le discussioni.

Stando a quanto riporta il quotidiano statunitense, che cita documenti esclusivi dell'intelligence a stelle e strisce, tre ricercatori dell'Istituto di virologia di Wuhan si sarebbero ammalati nel novembre del 2019 e le loro condizioni sarebbero state tali da necessitare il ricovero in ospedale.

Ammalati, ma non si sa di cosa
Il Dipartimento di Stato degli Usa aveva già pubblicato un'informativa nelle ultime settimane dell'amministrazione Trump in cui venivano riportati diversi casi di contagio nel laboratorio durante l'autunno del 2019 con «sintomi compatibili con il Covid-19 e con l'influenza stagionale comune». A oggi però, è necessario puntualizzarlo, non è ancora dato sapere di cosa si fossero effettivamente ammalati quei ricercatori.

Pechino, lo ricordiamo, ha sempre negato che il "nuovo" coronavirus abbia avuto origine in un laboratorio cinese, trincerandosi però dietro una nebulosa carenza di trasparenza che ha reso difficile il lavoro degli esperti incaricati di tracciare il cammino a ritroso del virus da Wuhan, il primo grande focolaio di Covid-19. E una schermaglia in tal senso era sorta proprio all'indomani della spedizione dell'Oms, quando il direttore generale Tedros Adhanom Ghebreyesus aveva parlato di uno scenario «improbabile» ma che «richiedeva ulteriori indagini», auspicando per il futuro una condivisione «più trasparente e tempestiva» delle informazioni.

Schermaglie continue tra Washington e Pechino
Lo stesso approccio è sposato dall'amministrazione Biden, che pur evitando di commentare il contenuto delle carte sostiene la necessità di approfondire ogni pista possibile. Un portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale statunitense ha affermato al Wall Street Journal che Washington «continua a nutrire grossi interrogativi in merito ai primissimi giorni della pandemia, inclusa la sua possibile origine all'interno» dei confini cinesi. Il ministero degli Esteri di Pechino però non ci sta e punta il dito contro gli Stati Uniti «che continuano a fomentare la teoria della fuga da un laboratorio» del virus. «Sono realmente interessati a tracciare l'origine del virus o stanno cercando di sviare l'attenzione?».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Wunder-Baum 5 mesi fa su tio
Chiaramente se si crede a tutto quello che raccontano i cari cinesi (niente contro di loro perché c'è anche brava e povera gente), passeranno anni prima che sapremo cosa è realmente successo. E' importante che, concretamente (senza embarghi e altre diavolerie del genere), a livello mondiale si chieda formalmente una chiara e netta spiegazione anche per prevenire altri disastri che potrebbero succedere in futuro.
Peter Parker 5 mesi fa su tio
Solo tanti giri di parole per dire che non si come sia stato originato il virus. Inutile dire „improbabile“ fuga dal laboratorio cercando di dare sempre e comunque supporto alla tesi del mercato. E‘ passato un anno e mezzo ed ancora non è stato confermato nulla. Quindi le 2 teorie menzionate sono entrambe ancora valide (d’altronde anche OMS dice che ci vogliono nuove ispezioni ed indagini).
Ro 5 mesi fa su tio
Se anche la scienza diventa irresponsabile allora il futuro sarà un non futuro. Per i governi invece No Comment
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 05:11:52 | 91.208.130.86