keystone-sda.ch / STF (archivio)
STATI UNITI
02.03.2021 - 11:480

I cartellini gialli (e rossi) di Twitter contro le bufale sul Covid

I vertici del social che cinguetta hanno annunciato una nuova stretta contro le fake news

Il nuovo sistema prevede una serie progressiva di ammonimenti. Al quinto strike scatta il ban permanente.

SAN FRANCISCO - Twitter indossa i panni dell'arbitro per dare un giro di vite alla diffusione sempre più rapida di informazioni false legate all'ambito della salute pubblica e, in modo particolare, all'orbita della pandemia di Covid-19.

Il colosso social si affida ai "cartellini" gialli (e anche a quelli rossi), con un sistema progressivo di ammonimenti che può sfociare quindi in un ban permanente dalla piattaforma. Come funziona? Quando un utente pubblica un tweet che contiene informazioni false sui vaccini, il suo "cinguettio" sarà etichettato e poi rimosso.

Questo sistema di "strike" prevede cinque livelli. Il primo è considerato una sorta di avvertimento e non comporta alcuna conseguenza immediata per l'account. Il secondo e il terzo prevedono invece un blocco dell'account di 12 ore. Al quarto tweet fuorviante, il profilo viene congelato per una settimana. E al quinto strike la sospensione dell'utente diventa definitiva.

«Attraverso questo sistema, speriamo di riuscire a educare il pubblico su quelle che sono le nostre politiche e sul perché alcuni contenuti infrangono le regole, offrendo così - agli utenti - l'opportunità di considerare quale sia l'impatto di questi comportamenti all'interno della conversazione pubblica», hanno spiegato i vertici di Twitter.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Booble63 6 mesi fa su tio
Mahhh.. mi sembra che queste piattaforme siano nate per garantire la libertà di espressione. Vabbè che c’è un limite a tutto ( Trump insegna) ma poi chi decide se una notizia è vera oppure è fake? Non si rischia un’omologazione di sistema stile cinese? Tutti sorvegliati e indottrinati da un sistema che non accetta critiche e dissenso?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 01:38:08 | 91.208.130.86