Depositphotos (archivio)
MONDO
20.08.2020 - 13:250

Facebook, un "super diffusore" di bufale

Tra giugno 2019 e maggio 2020 i post che veicolano disinformazione sul social sono stati visti 3,8 miliardi di volte

Il 43% della disinformazione - secondo un rapporto dell'ong Avaaz - è generata da 82 pagine web, che agiscono attraverso una rete di 1'000 pagine Facebook.

NEW YORK - I post su Facebook che diffondono la disinformazione sulla salute, compreso il Covid-19, sono stati visti nell'ultimo anno, in tutto il mondo, 3,8 miliardi di volte. Lo afferma uno studio dell'ong Avaaz, secondo cui i dieci siti che hanno propagandato più bufale negli ultimi mesi hanno avuto quattro volte più visualizzazioni dei dieci migliori siti "ufficiali", come quello dell'Organizzazione mondiale della sanità.

Il rapporto prende in considerazione il periodo tra giugno 2019 e maggio 2020. Il picco delle visualizzazioni per pagine e siti di disinformazione si è avuto ad aprile, durante la fase acuta della pandemia, con 460 milioni. Solo nel 16% dei casi i post con le fake news sono stati contrassegnati come fuorvianti, mentre gli altri sono rimasti online senza nessuna etichetta.

Un po' come avviene con il Covid-19, anche le bufale circolano in rete soprattutto grazie a "super diffusori": il 43% della disinformazione è generata infatti da 82 pagine web, che agiscono a loro volta attraverso una rete di 1'000 pagine Facebook.

Attive da tempo - «In media queste pagine Facebook sono state create sette anni fa - scrivono gli esperti - una conferma che molti di questi attori sono attivi sui social da tempo. Le pagine non sono esclusivamente dirette alle persone che cercano informazioni sulla salute, metà hanno anche interessi politici o nelle news "alternative"».

La singola notizia che ha raggiunto più visualizzazioni riguarda (non a sorpresa), il Covid-19, riporta il documento, ed è un articolo che afferma che la American Medical Association ha incoraggiato i medici a sovrastimare i morti per la malattia, letta oltre 160 milioni di volte.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
sedelin 10 mesi fa su tio
chi e in base a che cosa si decide cosa é fake e cosa no?
pillola rossa 10 mesi fa su tio
@sedelin Eheheh...
curzio 10 mesi fa su tio
@sedelin Molto semplice. Leggo i commenti. Se la notizia è approvata da te o dal Miba, allora è fake. Se tu e il Miba cominciate ad agitarvi e a inveire contro i media, non è fake. :-p
sedelin 10 mesi fa su tio
@curzio wow, ci hai attribuito un ruolo importante! chiedo a miba se é d'accordo di inoltrare la nostra candidatura presso un'agenzia di stampa :-)
pillola rossa 10 mesi fa su tio
Tio non ha nemmeno smentito la morte del giovane di Berna a cause del virus. Ma tanto la gente dimentica in fretta.
Summerer 10 mesi fa su tio
ed i giornali, giornalisti o giornalai? lo stesso...
miba 10 mesi fa su tio
Accidenti! Sono arrivati finalmente te a scoprire l'acqua calda! :):):)
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-22 08:37:51 | 91.208.130.89