Depositphotos
COSTA RICA
10.08.2020 - 21:580

Molestie di strada? Da oggi è un reato

Il Presidente Carlos Alvarado: «È un grande cambiamento per il Paese»

ROMA - Il presidente del Costa Rica, Carlos Alvarado, ha promulgato oggi una legge che definisce il reato di molestie sessuali di strada e punisce i trasgressori con multe e pene detentive.

Dopo aver firmato la legge, il presidente Alvarado ha affermato che si tratta di un grande cambiamento normativo per il Paese, che aiuterà a proteggere principalmente le donne, in modo che viaggino libere da molestie sessuali, che si sentano sicure e libere come avrebbero sempre dovuto essere.

«Per gli uomini è un segnale a esercitare una nuova mascolinità che rispetti l'integrità delle donne», ha detto. Questa legge definisce il crimine di molestie sessuali di strada come «tutte le condotte con connotazione sessuale e di natura unidirezionale, senza il consenso o l'accettazione della persona a cui è diretta, con il potenziale di causare fastidio, disagio, intimidazione, umiliazione, insicurezza, paura e offesa, che generalmente proviene da una persona sconosciuta al destinatario e che si svolge in spazi pubblici o di pubblico accesso».

La legge prevede che la "persecuzione" in spazi pubblici o in un mezzo di trasporto con connotazioni sessuali venga punita anche con una pena detentiva da 8 mesi a 1 anno. La masturbazione o esibizionismo in luoghi pubblici sono sanzionati con multe o il carcere da 6 mesi a un anno.

È prevista inoltre una condanna da 10 mesi a un anno di reclusione a chiunque registri un video di un'altra persona con connotazioni sessuali, e la pena è estesa a tre anni di reclusione se quel materiale audiovisivo viene distribuito.

In base alla legge, sono considerati aggravanti le situazioni in cui la vittima sia minorenne, anziana o disabile, o se l'autore del reato è recidivo. Le forze dell'ordine avranno il dovere di intervenire d'ufficio in situazioni di molestie sessuali di strada, e avranno la funzione di garantire l'integrità delle vittime e il loro diritto all'accesso alla giustizia, nonché quello dei loro accompagnatori e testimoni se ce ne sono.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Maxy70 1 anno fa su tio
Hai! Tempi duri per il macho latino!!!
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Mah...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-02 10:06:56 | 91.208.130.86