keystone-sda.ch / STF (Elaine Thompson)
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
4 ore
L'inchiesta: soldi agli amici di Trump per ottenere la grazia?
I retroscena dell'accoglimento delle domande di perdono sono al centro di un'inchiesta del New York Times
MONDO
4 ore
Arresto di Navalny, le prime reazioni internazionali
Anche Joe Biden ha denunciato il fermo dell'oppositore
ITALIA
4 ore
Stellantis: nominato il cda, Elkan presidente, Tavares Ceo
Da domani, la società sarà quotata a Parigi e Milano
STATI UNITI
4 ore
«Con Biden la politica seguirà la scienza»
Lo ha dichiarato l'esperto immunologo Anthony Fauci
GERMANIA
5 ore
Ricovero forzato in strutture centralizzate per chi non rispetta la quarantena
Diversi Länder tedeschi stanno valutando questa opzione.
RUSSIA
6 ore
Navalny arrestato all'arrivo a Mosca
Gli agenti di polizia erano già pronti, in attesa dell'oppositore al controllo passaporti
UNIONE EUROPEA
7 ore
Passaporto vaccinale: «Un tema delicato»
Il Consiglio europeo si chinerà sulla questione il prossimo 21 gennaio
ISRAELE
7 ore
Netanyahu corteggia gli arabi israeliani: «Fate parte d'Israele a pieno titolo»
Il primo ministro israeliano: «Vado fiero di voi». Il suo slancio pre-elettorale, però, suscita perplessità.
STATI UNITI
8 ore
È morto Phil Spector
Il famoso produttore aveva 81 anni. Stava scontando una condanna per assassinio
STATI UNITI
8 ore
Gli ultimi giorni di Trump: cresce la tensione
Le autorità preoccupate da possibili disordini. Mercoledì 25mila militari a Washington
PAESI BASSI
9 ore
In migliaia alla protesta anti-lockdown
Gli agenti sono dovuti intervenire con gli idranti per disperdere i manifestanti
GERMANIA
10 ore
Navalny in viaggio verso la Russia: «Non temo l'arresto»
L'oppositore è partito da Berlino per fare ritorno in patria: «Sono innocente».
REGNO UNITO
10 ore
«Ricoveriamo un paziente Covid ogni 30 secondi»
Parla il direttore dell'Nhs. Il sistema ospedaliero britannico è sottoposto a una «pressione estrema»
ITALIA
08.06.2020 - 15:170

«Il virus si sta rapidamente adattando all'uomo»

Il virologo Guido Silvestri critica l'inadeguatezza dei modelli matematici per prevedere l'evoluzione della pandemia

Per il virologo la marcata omoplasia del virus è una prova scientifica «indiretta ma solidissima» di un «rapido, progressivo e convergente adattamento di SARS-CoV-2 all’ospite umano».

ATLANTA / ROMA - Oggi, 8 giugno, è il giorno segnato con una grossa “x” rossa nelle previsioni tracciate lo scorso aprile dall’Istituto superiore di sanità, che nel peggior scenario di riaperture ipotizzava una situazione con 151'000 ricoveri in terapia intensiva negli ospedali italiani. Su questa previsione è tornato a esprimersi Guido Silvestri, virologo e docente alla Emory University di Atlanta, che non ha mai fatto segreto delle sue posizioni critiche nei confronti degli scenari nefasti disegnati da alcuni modelli matematici.

«Oggi è il fatidico 8 giugno, quello che se non stavamo attenti avremmo avuto 151'000 malati in terapia intensiva (invece sono 286). E dopo 34 e 20 giorni dalle "aperture" di maggio non c'è alcun segno di quel ritorno della pandemia che certi esperti davano per scontato», ha scritto oggi Silvestri sulla propria pagina Facebook, aggiungendo che la situazione attuale «mostra come questi modelli siano stati inadeguati a prevedere l’andamento reale dell’epidemia» e che sarebbe doveroso promettere agli italiani che «tali modelli non saranno più usati per prendere decisioni politiche».

«Prima del 4 maggio», ha ricordato il virologo, «certi esperti, basandosi su modelli matematici, hanno detto al Paese: “Sappiate che non appena si riapre i casi sicuramente saliranno – di poco se riapriamo un po’, e tantissimo se riapriamo molto”». In altre parole, disegnavano i contorni di un «disastro» che invece non è avvenuto.

La prova nell'omoplasia - Parlando della «ritirata» del Covid-19, Silvestri cita inoltre uno studio effettuato da un team dell’Istituto di Genetica dell’University College di Londra, che suggerisce la possibilità che la virulenza del SARS-CoV2 possa essersi attenuata. «L’evoluzione di SARS-CoV-2 nelle diverse parti del mondo è caratterizzata da alti livelli di omoplasia», ossia il fenomeno «per cui un virus muta in modo “indipendentemente simile” in diverse aree geografiche, e senza avere un progenitore comune».

La presenza di omoplasia «così marcata e in così breve tempo porta evidenza scientifica - indiretta ma solidissima - a favore dell’ipotesi di un rapido, progressivo e convergente adattamento di SARS-CoV-2 all’ospite umano», afferma il virologo. «Siccome i dati globali sulla letalità cruda di COVID-19 indicano che questa diminuisce col tempo in ogni sito epidemico, e siccome la maggior parte degli adattamenti virus-host vanno nella direzione di una ridotta patogenicità solo degli analfabeti della virologia possono tacciare di “pseudo-scienza” l’ipotesi secondo cui tale robusto pattern di mutazioni omoplasiche possa risultare in un fenotipo virale a virulenza attenuata».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 7 mesi fa su tio
Primo un virus a RNA, è una molecola molto instabile rispetto al DNA. Questo vuol dire che durante la replicazione, questo genoma a RNA è soggetto ad errori di copiatura. Statisticamente parlando, è molto più probabile che un errore di copiatura, e quindi una mutazione risulti sfavorevole, piuttosto che favorevole. Secondo l'interazione del virus con l'essere umano ne influenza moltissimo l'evoluzione, accelerandone l'indebolimento.
tazmaniac 7 mesi fa su tio
possa...possa...evidenza indiretta...a favore dell'ipotesi... insomma, niente di sicuro, niente di certo e tutto ancora da valutare, quindi di cosa sta parlando questo fenomeno che pensa di essere meglio di chi paventava scenari peggiori? Se devo scegliere, preferisco passare dove l'acqua è bassa, piuttosto che nuotare dove ti dicono che forse non c'è corrente, ma non è sicuro...
pillola rossa 7 mesi fa su tio
@tazmaniac "porta evidenza scientifica - indiretta ma solidissima - a favore dell’ipotesi"
Heinz 7 mesi fa su tio
Non lo dice solo Zangrillo, i suoi omologhi di Genova e Brescia confermano che chi viene trovato infetto oggi ha sintomi molto piu lievi di 2 mesi fa e non necessita piu di finire in cure intense. Quello che è successo al virus non è chiaro ma i fatti dicono che il decorso è completamente diverso.
Andrea Giuliano 7 mesi fa su fb
Ci sarà un’altra ondata e poi ancora e ancora. Le ondate ci sono da secoli ma nn affogano mai le persone sbagliate.
pepsip 7 mesi fa su tio
Luc Montagnier l'ha detto già il 21 aprile e il Prof. Didier Raoult ha curato 4'000 pazienti con l'idrossiclorochina e l'azitromicina con un tasso di mortalità di 0,5% ovvero il più basso al mondo. Ma nessuno li ha ascoltati sono solo premi Nobel, cosa volete che sia rispetto a 4 incompetenti che fanno calcoli matematici. I politici hanno preferito ascoltare " The lancit" e l'OMS.
sedelin 7 mesi fa su tio
@pepsip clap clap ;-)
fromrussiawith<3 7 mesi fa su tio
La sfiducia verso la scienza sta aumentando grazie alla politicizzazione non solo della scienza stessa ma anche dell’Academia; se si pensa che "the lancit", rivista peer-review rinomata nel mondo scientifico è arrivata addirittura a pubblicare un articolo sull’ idrossiclorichina di una compagnia con 4 impiegati, uno di questi era uno scrittore sci-fi, un altro un “adult content model” https://video.foxnews.com/v/6162059826001#sp=show-clips. Questo proprio quando Trump dichiarava dell’efficacia del medicamento. Pure l’OMS aveva sospeso la ricerca in base a questo studio fittizio, ciò che suonava strano dato che nello stesso momento l’Australia aveva deciso di incrementare lo studio sul medicamento. Questo è quanto la sinistra è disposta a fare pure di togliere di mezzo Trump, rafforzare la globalizzazione e favorire i ricchi di sinistra (Amazon, Microsoft, EU, etc) che hanno bisogno della Cina. Un paradosso se si pensa che i socialisti sparlano dei ricconi quando questi sposano la loro ideologia pur di far soldi a palate e sponsorizzano gli stessi partiti e media.
Dante Caielli 7 mesi fa su fb
Qualcuno che viene considerato "eretico" lo aveva già detto tempo fa!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-18 02:14:20 | 91.208.130.87