IMAGO / AGB Photo
ULTIME NOTIZIE Agenda
CANTONE
19 ore
La Notte del Cortometraggio ritorna a Massagno questo venerdì 22 ottobre
Con un menu ricchissimo fra delicatezze nostrane e manicaretti presi dritti dritti dal Festival del Film di Locarno
CANTONE
22 ore
Con “Largo ai giovani” l'OSI abbraccia il Conservatorio della Svizzera Italiana
Per una serata al Lac, il prossimo 21 ottobre, che proporrà due grandi classici di Ravel e Stravinskij
VIDEO
LUGANO
2 gior
“As I want”: se dalle violenze nasce una rivoluzione femminile
La nostra scelta per l'ultimo giorno del Film Festival Diritti Umani Lugano è proprio quello che lo conclude
VIDEO
LUGANO
3 gior
Come l'ospedale sotterraneo di “The Cave” salva i bambini vittime dalle bombe
Il fortissimo documentario del siriano Feras Fayyad è la nostra scelta di oggi del Film Festival Diritti Umani
LUGANO
3 gior
“Collective”, se l'inchiesta corre sul filo della fotocamera
Il documentario candidato agli Oscar di Alexander Nanau è la nostra cosa da vedere del Film Festival Diritti Umani
LUGANO
4 gior
Dal piano all'elettronica... allo Studio Foce
Il 16 ottobre a Lugano vi aspetta una vera e propria immersione visuale-sonora, con cui l'artista lancerà "Finding You"
VIDEO
LUGANO
5 gior
“Numbers”, quando l'uomo è ridotto a un numero
L'incredibile opera di Oleg Sentsov è la pellicola di non perdere di oggi al Film Festival Diritti Umani Lugano
ASCONA
5 gior
La tromba di Leroy Jones al Jazz Cat Club in un concerto gratuito
L'ottimo trombettista di New Orleans torna sul Lago Maggiore per una serata nel nome del jazz del Delta
FOTO E VIDEO
LUGANO
6 gior
In fuga dalla Corea del Nord, la boxe la salva: “Fighter” apre il Film Festival Diritti Umani
Che si protrarrà fino al 17 ottobre e noi lo seguiremo giorno per giorno con un film consigliato da Antonio Prata
LUGANO
6 gior
PiazzaParola ritorna nel segno di Robinson Crusoe
Nell'edizione 2021 un viaggio oltre il viaggiatore con tanti oratori illustri e temi tutti da scoprire
FOTO
LUGANO
1 sett
Quattro film (più uno) da non perdere al Film Festival Diritti Umani Lugano
Storie di città fantasma, di intelligenze artificiali razziste, di un'inchiesta incredibile e di una Srebrenica inedita
BELLINZONA
17.08.2021 - 11:300

Dal crollo della Torre di Babele a quello delle Torri Gemelle

Il Festival di letteratura e traduzione andrà in scena dal 10 al 12 settembre

BELLINZONA - Dal 10 al 12 settembre a Bellinzona ritorna Babel, il Festival di letteratura e traduzione, con un’edizione senza precedenti: a vent’anni esatti dall’11 settembre 2001 la rassegna sarà dedicata alla Torre di Babele, il mito che ci parla della perdita della lingua unica e della confusione di tutte le lingue. Istantaneamente ogni cosa e ogni idea assunsero una pluralità di nomi: Babel/Babele ascolta la nascita delle diverse lingue, delle contaminazioni tra le lingue, e la nascita della traduzione.

«Babel/Babele osserva le più alte costruzioni dell’immaginazione, i loro crolli e le macerie mirabolanti: la torre sovradimensionata, simbolo della nostra visione e della nostra arroganza, venne abbandonata e gli uomini si dispersero sulla faccia di tutta la terra» spiegano gli organizzatori del festival. «L’impero babilonese si estendeva da Babele a un gran numero di stati moderni, tra cui l’Iraq, l’Iran, il Libano, la Siria, la Palestina e la Turchia, paesi che oggi conoscono fortissime diaspore, in buona parte connesse a un altro crollo, quello delle Torri gemelle a New York. Babel/Babele segue la dispersione e la diaspora delle popolazioni e delle lingue, e lungo i loro tragitti indovina il nostro presente».  

Il programma in sintesi - Venerdì 10 settembre, nella corte del Convento di Monte Carasso, la serata d’apertura con Renata Colorni, traduttrice dell’intera opera di Freud e direttrice dei Meridiani, e due concerti: gli strumenti tradizionali e i ritmi ipnotici e disco del percussionista iraniano Mohammad Reza Mortazavi e le scintille elettroniche di Camilla Sparksss.

La mattina di sabato 11 settembre, Rete Due trasmette in diretta dal Teatro Sociale: ai microfoni di Moby Dick, le diaspore linguistiche di André Naffis-Sahely, Ribka Sibhatu e Maria Nadotti. Nel pomeriggio tre dialoghi tra scrittori straordinari e babelici nelle lingue, nelle provenienze e nei percorsi: Usama Al Shahmani e Yusuf Yeşilöz, Mathias Énard e Sinan Antoon, Kader Abdolah e Goffredo Fofi. La sera, la proiezione in anteprima svizzera di "Notturno" di Gianfranco Rosi. Domenica 12 settembre, la lettura elicoidale e plurilingue degli svizzeri cosmopoliti Elisa Shua Dusapin, Stella N’Djoku, Vanni Bianconi e Pascal Janovjak; la scrittrice siriana Dima Wannous con le sue traduttrici Elisabetta Bartuli e Cristina Dozio; i percorsi paralleli da e verso il Libano, con Hoda Barakat e Charif Majdalani; l’eccezionale finale tra-le-lingue con il filosofo, grecista e sinologo François Jullien.

Oltre i confini del festival - Accanto ai suoi workshop di traduzione, da ben cinque lingue diverse dall’italiano, quest’anno Babel lancia L’altra lingua, un progetto di laboratori di scrittura rivolti alle comunità d'immigrati nelle varie aree linguistiche della Svizzera, tenuti da Usama Al Shahmani, André Naffis-Sahely e Ribka Sibhatu, scrittori che hanno dovuto loro stessi imparare a raccontare il proprio mondo in una lingua adottiva.

Babel/Babele ha contribuito alla scoperta e alla traduzione di nuovi autori, e lanciato gli esordi narrativi in italiano di Usama Al Shahmani, Charif Majdalani, Pascal Janovjak, Vanni Bianconi, Elisa Shua Dusapin. La rivista plurilingue www.specimen.press ha creato un premio di scrittura creativa in lingua seconda, e pubblica un maxi-dossier sui temi di Babel/Babele con testi in tutte le lingue, su tutte le lingue.

Nel corso dell’anno Babel collabora strettamente con un gran numero di partner in Ticino, in Svizzera e nel mondo, come Storie Controvento che cura gli incontri con gli illustratori il giovedì 9 settembre a Bellinzona e gli incontri con le scuole, TESS che ha organizzato e continua a organizzare eventi in tutto il Ticino, e il CiCiBi e il Festival dei diritti umani per Notturno, l’Associazione Baobab e le Giornate letterarie di Soletta per L’altra lingua, l’Arts Council, il Poetry Translation Centre e l’English PEN.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 08:57:37 | 91.208.130.86