LUIGI BURRONI
Mario Perrotta aprirà il 21esimo Festival internazionale di narrazione con "In nome del padre".
ULTIME NOTIZIE Agenda
LOCARNO
1 min
La versione acustica di Antonello Venditti
Il cantautore sarà il 23 ottobre al Palexpo Fevi
LOCARNO
5 ore
"Le vie del cinema" portano da Locarno a Milano
Per tre giorni il pubblico potrà scoprire una ricca selezione dei film presentati al Festival quest'anno
MONTECENERI
5 ore
Annullato il Monte Tamaro Music Day
«Non è escluso che si possa riproporre l’appuntamento la prossima stagione», spiegano gli organizzatori
LOCARNO
8 ore
Loredana Bertè in concerto per l'infanzia
È la tappa finale del "Figlia di... Summer Tour 2021"
MENDRISIO
9 ore
Il battesimo di Adastra Festival
Si terrà ogni anno l'evento che propone musica techno, reggae e molto altro
CANTONE
1 gior
CalendarPeople si presenta questo sabato al Lido di Maroggia
La piattaforma ticinese per le attività e il benessere propone una giornata al lago ricca di cose da fare.
LUGANO
1 gior
I vincitori dei Premi svizzeri di musica e dove ascoltarli
Venerdì sera la cerimonia di consegna, sabato e domenica i concerti a Lugano
LOCARNO
2 gior
Plamena Mangova a Locarno con l’Orchestra sinfonica di Basilea
In programma musiche di Mozart, Eötvös e Brahms
LOCARNO
2 gior
Un tuffo nell'universo dei Pink Floyd
L'appuntamento è per venerdì 8 ottobre al Teatro Kursaal
LOCARNO
3 gior
La magia del mago Fantasios e di Sylvie torna sul palco dello Stella
Un appuntamento al mese da settembre fino a Natale per uno spettacolo d'illusionismo adatto a grandi e piccini
CANTONE
4 gior
A ottobre si torna in sala con il Film Festival diritti umani
Il regista Alexander Nanau verrà insignito del premio per l'Autore con il suo film di denuncia “Collective”
MENDRISIO
03.08.2021 - 09:300

Il Festival di narrazione conquista Meride e Tremona

La rassegna diventa "diffusa" e non limitata solamente ad Arzo

MENDRISIO - Dal 19 al 22 agosto avrà luogo la ventunesima edizione del Festival di narrazione “Racconti di qui e d’altrove”. Una kermesse che quest'anno si "diffonde" e che conquista, oltre al borgo di Arzo che tradizionalmente la ospita, anche quelli di Meride e Tremona.

Un'edizione aperta sul territorio, decisa a valorizzarne i luoghi e le tradizioni, tramite spettacoli, incontri, musica e installazioni in programma. Molte le voci presenti, alcune nuove e altre già conosciute, pronte a intrecciarsi nella loro libera ed eterogenea ricerca. Anche quest’anno - nelle corti, nei giardini, negli spazi – si metteranno in dialogo una varietà di temi, spunti e sguardi: il confronto tra culture, il desiderio di sperimentazione, la ricerca di sé, l’indagine dei propri limiti, la leggerezza della fantasia... Queste sono solo alcune delle tematiche che troveranno corpo e spazio in scena.

Ad aprire l’edizione, giovedì 19 alle ore 21.30, sarò Mario Perrotta, con "In nome del padre". Lo spettacolo, nato da un intenso confronto con lo psicanalista Massimo Recalcati, riflette sulla figura del padre, sulla sua crisi e sulle sue possibilità. La sera di venerdì, sempre alle 21.30, sarà la volta di Saverio La Ruina e Chadli Aloui, che in "Mario e Saleh" affrontano l’incontro e lo scontro tra culture differenti: in scena un italiano cristiano e un arabo musulmano si trovano a convivere forzatamente, in una tenda, a L’Aquila, dopo il terremoto. Allo spettacolo, nella giornata di sabato, seguirà un incontro di approfondimento aperto al pubblico, sostenuto dal Programma integrazione cantonale del Dipartimento delle Istituzioni del Cantone.

La programmazione pensata per il pubblico adulto continua poi nelle giornate di sabato e domenica. Lo spettacolo, in lingua francese, di Albert García Sánchez, è una surreale piroetta, con cui un uomo e una donna si ritrovano nel corpo l’uno dell’altra: lo scambio dei punti di vista sarà occasione per una riflessione, ironica e lucida, sulla condizione della donna. Il tentativo di evadere i confini riguarderà anche i linguaggi della narrazione, come nella performance di Marco d’Agostin, in cui l’artista reinterpreta, sotto forma di danza, una celebre gara di sci.

Una nuova ricerca sul corpo è presente anche nel lavoro con cui Giuliana Musso, sabato alle ore 21.30, torna al Festival: "La Scimmia", uno spettacolo che dà corpo alle strategie di sopravvivenza di un animale vissuto sempre libero, ma ora, improvvisamente, prigioniero.

Durante il weekend, come sempre, ad andare in scena saranno anche gli spettacoli dedicati al pubblico più giovane, con proposte pensate a partire dai quattro anni di età. Con le loro storie, i narratori e le narratrici trasporteranno i più piccini in mondi altri, fatti di magia, fantasia e strane avventure. Teatro, infine, ma non solo: nel corso del Festival sarà infatti possibile partecipare ad alcuni incontri di approfondimento, gratuiti e aperti al pubblico, in cui si confronteranno artisti e ospiti esterni.

Sponsor del Festival sono Repubblica e Cantone Ticino - DECS - Swisslos, Città di Mendrisio, Coop cultura e Programma integrazione cantonale. A sostenere la manifestazione anche numerose aziende e organizzazioni raccolte sotto la denominazione di Imprese della cultura e i ristoratori della regione che garantiranno accoglienza ad artisti e spettatori.

L’intero programma è consultabile sul sito ufficiale della manifestazione, attraverso il quale si accede al sistema per la prenotazione e l’acquisto online dei biglietti e sul quale vengono fornite le indicazioni necessarie ad accedere agli eventi o servizi gratuiti. La prevendita dei biglietti è già in corso su Biglietteria.ch.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-17 19:01:04 | 91.208.130.89