Cerca e trova immobili

LUGANOIn Ticino mancano le occasioni per suonare dal vivo? Ora c'è "Rêverie"

08.02.23 - 06:30
Giovani artisti locali e provenienti dall'Italia si esibiranno sabato 11 febbraio allo Studio Foce di Lugano
REVERIE
Due degli artisti che prenderanno parte alla serata di sabato 11 febbraio.
Due degli artisti che prenderanno parte alla serata di sabato 11 febbraio.
In Ticino mancano le occasioni per suonare dal vivo? Ora c'è "Rêverie"
Giovani artisti locali e provenienti dall'Italia si esibiranno sabato 11 febbraio allo Studio Foce di Lugano

LUGANO - Una vetrina per i giovani artisti ticinesi, un'opportunità per mettersi in mostra e presentare al pubblico la propria musica. Ma anche l'occasione per allacciare relazioni e creare una rete che, sull'onda delle note, lega il Ticino con altri luoghi, anche all'estero.

Dall'etichetta al palco - È questo, in estrema sintesi, lo scopo di "Rêverie", l'evento in programma sabato 11 febbraio allo Studio Foce di Lugano, a partire dalle 20. Ne abbiamo parlato con Luca Bellesi, che nel 2018 ha fondato l'etichetta indipendente Koolbeat e che ha organizzato questa serata ricca di talento. «Con Koolbeat ci occupiamo moltissimo della parte creativa: scriviamo testi, melodie e via dicendo. I progetti che abbiamo lanciato con gli artisti locali sono stati in parte sovvenzionati dal Cantone e hanno portato alla realizzazione di Ep con tanto di videoclip». Ora, però, è venuto il momento di portare queste canzoni dal vivo, «ovvero nella loro vera dimensione».

Una vetrina e ponte verso l'esterno - Della cronica mancanza di occasioni per suonare dal vivo, in Ticino, si è già parlato moltissimo. Bellesi ha quindi deciso di provare a cambiare le cose e di organizzare un evento «per iniziare a dare più respiro agli artisti». Ecco come nasce "Rêverie", che ha il duplice scopo di vetrina e «di ponte con l'Italia». E qui veniamo alle collaborazioni con l'esterno già accennate in precedenza. «Io vengo da Roma e mi sono reso conto che qui c'è una sorta di soggezione verso gli artisti italiani, che sembrano sempre più forti e sul pezzo di quelli locali. Mentre io penso esattamente il contrario».

Le collaborazioni - Alla serata di sabato prenderanno parte quindi dei giovani artisti italiani. «Facciamo esibire insieme i ragazzi, creiamo una serata con diversi tipi di musica». Una mescolanza di generi e ispirazioni, che può essere senz'altro arricchente per chiunque. E non finisce qui: sono nate collaborazioni con il collettivo di artisti luganese argent d' poche - che presenterà una linea di abbigliamento - e con il Centro Artistico MAT, che porterà in scena il suo coro. L'obiettivo è di «far parlare tra di loro tutte queste figure e diventare una sorta di punto d'incontro: se dei ragazzi ticinesi vogliono far musica e arrivano a questo grande gruppo, poi possono realizzare il loro sogno».

La prima di molte serate? - Non solo: la speranza è che una serata come "Rêverie" sia replicata in Lombardia, magari a Milano, e veda la presenza di una pattuglia proveniente dalla scena musicale ticinese. Oppure, senza voler uscire dai confini cantonali, che sia possibile allestire un altro evento in primavera o estate. «A Mendrisio, a Locarno, in altri locali o all'aperto... Noi siamo disponibili e, se ci fosse bisogno, abbiamo un nostro impianto». Bellesi conclude: «Il mio vero obiettivo non è quello economico: è la creazione di un movimento finalizzato allo scambio di serate con altre realtà musicali, così da dare una possibilità ai ragazzi - che hanno già dei pezzi o fanno dei dischi - di avere un orizzonte anche dopo la pubblicazione».

La scaletta - La scaletta di "Rêverie" prevede: Mix Tale Choir del Centro Artistico MAT, Gaja Schultess, Moly, Nicole Bullet, Monesenzaccento, CLER, Alike, Jelo + Guests. In conclusione un Dj Set in una atmosfera di dialogo tra pubblico, organizzatori, artisti e persone interessate.

Apertura porte e cassa serale alle 20. Dopo le ore 23 le persone di età inferiore ai 16 anni devono essere accompagnate da un maggiorenne responsabile del loro comportamento. Prevendita in corso su Biglietteria.ch.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE