ULTIME NOTIZIE Ticino
ARBEDO-CASTIONE
11 ore
Officine: «I terreni per il compenso agricolo ci sono?»
CAMORINO
11 ore
Asilanti in sciopero, l’appello a De Rosa: «Chiudete il bunker»
CEVIO
11 ore
Troppo caldo per la funivia San Carlo-Robiei
MURALTO
12 ore
Un telo nero per oscurare la scena del presunto delitto
CANTONE
13 ore
«Biometria 2020», quasi un milione per il progetto
BELLINZONA
13 ore
Con lo striscione in Parlamento per il diritto allo studio
CANTONE
14 ore
Sette milioni per sentieri e percorsi per mountain bike
CANTONE
14 ore
Il Fogazzaro fa scuola: stop alle autorizzazioni "infinite"
LUGANO
15 ore
«Altro che allarmismo, la canicola può uccidere»
CANTONE
16 ore
Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»
TENERO
17 ore
Campofelice Camping Village entra nei migliori campeggi d'Europa
CANTONE
17 ore
Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
LUGANO
17 ore
Nuovi defibrillatori a Carabbia e Viganello
LOCARNO
17 ore
Droni, arrivano le nuove regole
LUGANO
18 ore
Lo IUFFP sarà alta scuola pedagogica
CANTONE
26.10.2012 - 17:320
Aggiornamento : 20.11.2014 - 11:45

"Non sono stato condannato per diffamazione, calunnia e ingiuria"

Marco Cagnotti precisa i termini del decreto di accusa, e annuncia opposizione. "Sarà un processo prettamente politico"

BELLINZONA - "Sono stato condannato per mancata opposizione a una pubblicazione punibile, e non per diffamazione, calunnia e ingiuria". Abbiamo raggiunto telefonicamente Marco Cagnotti, a pochi minuti dal comunicato della Lega dei Ticinesi che riferiva della condanna del direttore della rivista socialista Confronti per il famoso articolo "10 domande al carpa" indirizzato a Boris Bignasca

Cagnotti è apparso sereno, e ha specificato che la pp Borelli ha preso due decisioni, riguardo alla pubblicazione dell'articolo sul figlio del patron della Lega. "Sulle accuse di diffamazione, calunnia e ingiuria il decreto è stato di non luogo a procedere" ha tenuto a specificare. Cagnotti è stato condannato per violazione dell'articolo 322bis del Codice penale, il quale recita testualmente: "Chiunque intenzionalmente non impedisce una pubblicazione con la quale è commesso un reato è punito con una pena detentiva sino a tre anni o con una pena pecuniaria. Se ha agito per negligenza, la pena è la multa".

 

"Prendiamo atto della decisione della Procuratrice pubblica" ha dichiarato il direttore del foglio socialista. "Io sono molto tranquillo e ho completa fiducia nel corso della giustizia. Ho il sostegno del Partito socialista, nella persona del suo Presidente Saverio Lurati". Il dibattimento pubblico che seguirà, auspica Cagnotti e lo stesso PS, sarà "l'occasione per riaprire la questione dell'imbarbarimento della comunicazione politica in Ticino".

 

Sarà quindi un processo prettamente politico, quello che si terrà quando la Procura fisserà i termini del dibattimento. Il Partito socialista, in una nota, manifesta il suo appoggio a Cagnotti e sostiene la sua scelta.

 

 

 

6 anni fa "10 domande al carpa", condannato Marco Cagnotti
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-27 05:13:23 | 91.208.130.86