Cerca e trova immobili

CANTONELuce verde ai 29 milioni per il Palazzo degli studi

19.06.24 - 21:30
Il Parlamento ha approvato lo stanziamento del credito per ristrutturare la sede storica del liceo di Lugano 1.
Ti-Press
Luce verde ai 29 milioni per il Palazzo degli studi
Il Parlamento ha approvato lo stanziamento del credito per ristrutturare la sede storica del liceo di Lugano 1.

BELLINZONA / LUGANO - Il Gran Consiglio, senza voti contrari, ha approvato lo stanziamento di un credito di 29'085’000 franchi per il restauro interno del Palazzo degli studi di Lugano e per opere infrastrutturali del comparto delle scuole di Lugano centro. «L’approvazione - spiega il Governo nel messaggio licenziato - consentirà di realizzare l’atteso rinnovamento necessario per ridare lustro allo storico edificio e conferire ambienti e strutture didattiche consoni al liceo 1 di Lugano».

Il restauro - Il Palazzo degli studi è stato oggetto di un primo intervento di restauro concluso nel 2008. In quel frangente, la priorità è stata data al risanamento e alla riqualificazione dell’involucro dell’edificio, che denotava cedimenti nell’apparato decorativo e l’esigenza di un restauro conservativo delle facciate.

Il ripensamento - Terminata questa prima fase è stato indetto un concorso di progettazione che ha decretato vincitore il progetto “Discrete intrusioni” elaborato dagli architetti Leuzinger e Vicari. La progettazione è iniziata nel corso del 2012 ed è stata sospesa nel 2015 a seguito del ripensamento della pianificazione del comparto delle scuole di Lugano centro e degli istituti liceali del luganese.

I lavori - Il progetto proporrà «un restauro conservativo delle finiture originali ancora esistenti e il recupero delle dimensioni originali degli spazi». Si prevede, fra le altre cose, «lo scrostamento e poi il rifacimento di una fascia di circa due metri di altezza». Le pareti saranno interamente ritinteggiate. «I colori saranno scelti in base alle indagini stratigrafiche, eseguite d’intesa con l’Ufficio dei beni culturali, che hanno permesso di risalire alle tonalità dei tinteggi originari».

Nuova scala - I pavimenti in legno esistenti delle aule verranno in parte recuperati, restaurati e in parte sostituiti con dei nuovi pavimenti in legno industriale. Sarà necessario l’inserimento di controsoffitti in cartongesso di pochi centimetri, per rispondere a esigenze tecniche legate alla distribuzione dell’impianto elettrico e a una esigenza di protezione delle strutture al fuoco. Il progetto prevede inoltre l’inserimento di una nuova scala antincendio che conduce agli spazi accessibili al quarto piano.

Un nuovo ingresso - Ci sarà un nuovo ingresso facilmente accessibile ai disabili. Sarà sostituito l’impianto di riscaldamento per renderlo compatibile con i futuri impianti di teleriscaldamento a bassa temperatura.

I tempi - Per quanto riguarda i tempi di realizzazione, la fine dei lavori è prevista per maggio 2026. La consegna dell’edificio e la messa in funzione è fissata nell’estate dello stesso anno.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE