Cerca e trova immobili

CANTONEDue interpellanze sull'attuazione del diritto penale in materia sessuale

14.06.24 - 09:22
Sono state inoltrate dal PS al Governo ticinese.
Deposit Photos
Fonte PS Ticino
Due interpellanze sull'attuazione del diritto penale in materia sessuale
Sono state inoltrate dal PS al Governo ticinese.

BELLINZONA - Il prossimo primo luglio entrerà in vigore il nuovo diritto penale sui reati sessuali. Ecco che Lisa Boscolo e Laura Riget, per il gruppo parlamentare PS/FA/GISO, hanno presentato due interpellanze indirizzate al governo rispettivamente per chiedere come Polizia cantonale e magistratura intendano implementarlo. L'occasione è data dallo sciopero femminista in programma per il 14 giugno.

Secondo la revisione, si legge nel testo dell'interpellanza, «lo stupro o l'aggressione sessuale e la coercizione sessuale si considerano ora avvenuti se una persona mostra all'autore del reato, attraverso parole o gesti, di non essere consenziente all'atto sessuale e l'autore non tiene conto della volontà espressa dalla vittima o approfitta di uno stato di shock. Inoltre, la definizione di stupro è stata ampliata. Il reato è ora formulato in modo neutro dal punto di vista del genere e comprende non solo i rapporti sessuali, ma anche gli atti simili ai rapporti sessuali. Inoltre, i condannati possono essere obbligati a frequentare un programma di apprendimento per i reati contro l'integrità sessuale».

«I Cantoni - proseguono - sono responsabili dell'organizzazione della magistratura e della polizia», dunque hanno un «ruolo importante da svolgere nell'attuazione della riforma della legge sui reati sessuali».

Interpellanza sull'attuazione della revisione del diritto penale in materiale sessuale nella magistratura del Cantone Ticino
1. Qual è lo stato di attuazione della revisione del codice penale in materiale sessuale presso la Polizia
cantonale?
2. Quando, in quale contesto e in quale forma il corpo di polizia riceverà una formazione sulla
revisione della legge sui reati sessuali? Quali sono i contenuti e i temi specifici trattati in queste
sessioni di formazione?
3. Come verranno adattati i processi all'interno delle forze di polizia per affrontare i reaH contro
l'integrità sessuale (ad esempio negli interrogatori) in linea con la revisione?
4. Come valuta il governo le risorse finanziarie disponibili per un'adeguata attuazione e applicazione
della riforma?
5. in che modo la polizia cantonale utlizza le possibilità tecniche, come le registrazioni e le
trasmissioni video, per proteggere le vittme dal trauma attraverso ulteriori interrogatori?

Interpellanza sull'attuazione della revisione del diritto penale in materiale sessuale nella magistratura del Cantone Ticino
1. Qual è lo stato di attuazione della revisione della legge sui reati sessuali nella magistratura del
Canton Ticino?
2. Quando, in quale contesto e in quale forma la magistratura viene formata sulla revisione della
legge sui reati sessuali? Su quali contenuti e temi specifici si svolgeranno queste sessioni di
formazione?
3. Come verranno adattati i processi all'interno della magistratura per attuare la riforma della legge
sui reati sessuali?
4. Come valutate le risorse finanziarie disponibili per un'adeguata attuazione e applicazione della
riforma?
5. In che modo la magistratura utilizzano le possibilità tecniche, come le registrazioni e le trasmissioni
video, per evitare che le persone che hanno subito una violenza di vivere un ennesimo trauma
durante gli interrogatori?

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE