Immobili
Veicoli

CANTONEContratto dell’edilizia: «Scendiamo in piazza con gli operai»

20.06.22 - 08:21
L'invito del Partito Comunista ai propri membri: «Scendete in piazza il prossimo 25 giugno»
tipress
Contratto dell’edilizia: «Scendiamo in piazza con gli operai»
L'invito del Partito Comunista ai propri membri: «Scendete in piazza il prossimo 25 giugno»

LUGANO - Nell’ambito delle trattative per il rinnovo del Contratto nazionale mantello (CNM) dell’edilizia che riguarda circa 80mila lavoratori e che scadrà a fine 2022, il Partito Comunista sostiene le posizioni degli operai edili e dei loro sindacati e invita i propri membri e la cittadinanza a scendere in piazza con loro il prossimo 25 giugno a Zurigo.

«Sui cantieri edili - sottolineano i Comunisti in una nota stampa - le pressioni dovute ai tempi di consegna sono sempre più forti a scapito della qualità del lavoro, ma soprattutto lo stress crescente può arrivare a provocare incidenti (spesso anche letali) e compromettere così la sicurezza sui posti di lavoro: i casi di invalidità dopo i quarant’anni di età sono in effetti elevati. Non è un caso se un muratore qualificato su due rinuncia alla professione e il numero di apprendisti si è dimezzato».

In questo contesto, si legge ancora nel comunicato stampa -, alcuni impresari costruttori minacciano addirittura di abolire il CNM qualora i sindacati non accettino tagli salariali e un aumento delle ore supplementari con la settimana di 50 ore. Stiamo parlando, in quel caso di un drastico peggioramento delle condizioni di lavoro: un ricatto che non va accettato. È quindi importante dimostrare solidarietà ai lavoratori dell’edilizia e scendere in piazza per rafforzare una linea combattiva del movimento sindacale».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO