tipress
BELLINZONA
03.05.2021 - 12:250

Ballottaggio: la Lega si chiama fuori

Nessuna indicazione di voto dal Movimento per la votazione di domenica 16 maggio

BELLINZONA - «Non ci interessa il meno peggio». Si potrebbe riassumere così la posizione della sezione Lega-Udc di Bellinzona nei confronti del prossimo ballottaggio per l'elezione del sindaco della capitale. 

Nel duello tra Mario Branda (Ps) e Simone Gianini (Plr) il Movimento di via Monte Boglia e gli alleati democentristi si chiamano fuori. Nessuna indicazione di voto. La decisione è stata comunicata oggi «dopo un'attenta riflessione comune» in una nota che punta il dito contro «il comprovato inciucio» tra liberali radicali e socialisti.

«Hanno gestito in modo deficitario la Città, senza mai ascoltare le voci delle altre realtà politiche» scrivono Lega e Udc nel comunicato. «Per rispetto del nostro elettorato, riteniamo fuori luogo pronunciarci. Lo si farebbe, forse, se tra i due contendenti uno fosse indiscutibilmente più virtuoso. Francamente il sostegno al “meno peggio” ci sembra un esercizio poco sensato e soprattutto non coerente». L'assenza del voto leghista-democentrista andrà a favore di uno o dell'altro candidato? Lo sapremo domenica 16 maggio.  

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 08:42:33 | 91.208.130.86