Ti Press
CANTONE
25.06.2020 - 18:350

Viticoltori in difficoltà: «Serve un sostegno concreto»

Una mozione chiede di aiutare finanziariamente un settore importante per il nostro Cantone

BELLINZONA - La chiusura di bar e ristoranti, l’annullamento di diverse manifestazioni (tra cui diversi carnevali) e l’assenza di turismo nel primo semestre di quest’anno hanno penalizzato di molto il mercato del vino, con conseguente ripercussione negativa per le cantine e i produttori, che non possono garantire il ritiro dell’intero raccolto della vendemmia 2020.

In sostanza il quantitativo di produzione per le uve rosse sarà ridotto da 1 kg/m2 a 800 g/m2 e le cantine si impegneranno a ritirarne 500 g. Sono ancora all’esame delle associazioni di categoria e del Cantone le diverse varianti su come utilizzare i 300 g rimanenti. Tra le differenti opzioni si parla di distillazione per produrre alcool disinfettante (molto richiesto in questo periodo) come pure di produzione di succo e marmellata. È però molto probabile che il prezzo dell’uva per questi impieghi non possa essere quello applicato per le uve che sono utilizzate per la produzione di vino.Si prospettano pertanto delle importanti perdite per i viticoltori.

Il rischio è che in troppi potrebbero perdere entusiasmo, decidendo di abbandonare i vigneti (qualche segnale in questo senso e già stato manifestato). Le conseguenze negative per il nostro paesaggio e in generale per il Cantone sarebbero gravi. Qui pensiamo soprattutto alle zone di collina e le fasce pedemontane delle valli, che, se perdessero questo bene prezioso, vedrebbero, con buone probabilità, avanzare il bosco e l’incolto, con un impatto negativo anche sul turismo.

Al fine di assicurare ai viticoltori un reddito dignitoso per l’importante, appassionato e gravoso impegno che la coltivazione della vigna richiede, anche a livello finanziario (impianto, macchinari, prodotti fitosanitari, concimi, ecc.), Aron Piezzi (PLR), Sem Genini (LEGA), Fabrizio Garbani-Nerini (PS) e Lorenzo Jelmini (PPD) hanno quindi presentato una mozione per chiedere un sostegno finanziario concreto, da quantificare e definire dopo la vendemmia. Questo perché solo allora si potranno valutare le reali perdite. Non è infatti ancora stabilito il prezzo delle uve e non si sa ancora con certezza la quantità che le cantine effettivamente ritireranno.

«Un aiuto che permetterebbe di dare un po’ più di sicurezza e rinnovato entusiasmo a viticoltori che, negli ultimi anni, sono confrontati con la difficile situazione del vino sui mercati cantonali e federali», sottolineano i mozionanti.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-10 03:10:55 | 91.208.130.86