tipress
CANTONE
18.06.2020 - 19:180

Apprendistati: «Lo Stato assuma di più»

L'Mps si dice insoddisfatto delle misure adottate dal Consiglio di Stato per far fronte alla crisi post-Covid

BELLINZONA - Gli incentivi non bastano. Oggi il Decs ha presentato un pacchetto di misure per far fronte alla carenza di apprendistati causata dal Covid-19. Ma le novità - 2000 franchi per ogni nuovo contratto di tirocinio, un allentamento dei criteri per i maestri - non piacciono a tutti. 

In particolare a insorgere è il Movimento per il Socialismo (Mps), che giudica «insufficiente» l'intervento del Cantone. In una lunga presa di posizione, il Movimento critica la scelta del Decs di «continuare a puntare su un monopolio dell'offerta da parte di imprese private». La politica dei sussidi «è vecchia di anni e non ha permesso di migliorare l'offerta di posti di tirocinio» scrive il partito. «Occorre piuttosto potenziare l'offerta pubblica di tirocini e rafforzare le scuole professionali, introducendo nuovi curricula». 

In realtà, il Cantone si è impegnato a portare gradualmente gli apprendisti in seno all'amministrazione pubblica al 5 per cento del personale totale. E ha aumentato il numero di posti disponibili in alcune scuole. Ma questo «potrà portare magari qualche contratto di tirocinio in più forzato da propaganda e incentivi» secondo il Movimento, «non risolve certo il problema». La crisi innescata dal Covid «rischia di peggiorare ulteriormente la situazione». 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-24 01:37:15 | 91.208.130.87