Tipress (archivio)
Tra le proprie domande, Galeazzi chiede anche se non fosse meglio attendere la conclusione delle inchieste prima di pronunciare una decisione.
ULTIME NOTIZIE Ticino
CHIASSO
8 ore
Un corteo contro le frontiere che uccidono
Dal Palapenz fino alla dogana, diversi giovani hanno voluto dire basta a un modello di società «sempre più spietato, disumano e schiavista»
CANTONE
8 ore
Rosso di sera... bel tempo si avvera
Le prossime giornate saranno contraddistinte da cieli generalmente sereni. In montagna ci sarà qualche nuvola in più e non mancherà il vento
CANTONE
10 ore
Per le Comunali nasce "TIResidenti. Il Movimento"
L'obiettivo del fondatore Stefano Introzzi è risolvere all'interno delle istituzioni i problemi «con soluzioni concrete e senza la propaganda che accomuna gli altri partiti politici»
MENDRISIO
12 ore
Processioni storiche, la prossima è la settimana decisiva
In Colombia verranno valutate le candidature per entrare a far parte del Patrimonio immateriale dell'Unesco. Due quelle che provengono dalla Svizzera
LUGANO
12 ore
«Lo stabile ARL passi in mani pubbliche»
A chiederlo è l'Associazione cittadini per il territorio di Viganello: «È un luogo storico, da proteggere»
POSCHIAVO (GR)
14 ore
Rubò orologi, fermato quattro mesi dopo
Il 35enne romeno è stato fermato dalle Guardie di confine a Castasegna
FOTO
MESOCCO (GR)
15 ore
In galleria uno scontro frontale
A causa del violento impatto, un'auto con targhe ticinesi si è rovesciata sul tetto
FOTO
RIVIERA
16 ore
Va a fuoco una ruota dell'auto
Le fiamme sono state spente dai poliziotti con un estintore
MESOCCO (GR)
16 ore
Incidente in galleria, disagi sull'A13
Il tunnel è stato chiuso in entrambe le direzioni. Gli automobilisti sono invitati a seguire la deviazione
LUGANO
18 ore
C’è un nuovo Movimento in città
Due ex Ppd alla base: Domenico Barletta presidente, Giovanni Albertini vice
FOTO E VIDEO
ACQUAROSSA
1 gior
Schianto a Motto, lo salva il guardrail
Ha rischiato tantissimo l'automobilista protagonista dell'incidente avvenuto in Valle di Blenio: se la protezione avesse ceduto, il suo veicolo sarebbe precipitato nel fiume Brenno
FOTO E VIDEO
TESSERETE
1 gior
Esce di casa e precipita in un burrone, ferito un anziano
L'uomo è stato recuperato dell'Unità di Intervento Tecnico dei pompieri di Lugano
BREGANZONA
14.06.2019 - 17:300
Aggiornamento : 18:55

Fogazzaro riaperto: «Altri studenti a Pomigliano d’Arco per l'esame?»

Una nuova interpellanza di Tiziano Galeazzi chiede al Governo «qualche doverosa risposta» sulla riapertura dell’Istituto

BREGANZONA - La vicenda dell’Istituto Fogazzaro di Breganzona si arricchisce di un nuovo capitolo. A pochi giorni dalla riapertura della scuola da parte del Consiglio di Stato - che ha parzialmente accolto il ricorso presentato dall’avvocato Paolo Bernasconi, sospendendo la revoca dell’autorizzazione intimata lo scorso 4 aprile dal DECS - una nuova interpellanza di Tiziano Galeazzi ritiene «doveroso» da parte del Governo fornire qualche risposta in più sulla situazione attuale.

«Perché il Presidente del Consiglio di Stato ha deciso di permettere la riapertura dell’Istituto?», chiede in primis il deputato UDC, invitando l’Esecutivo a spiegare dettagliatamente la procedura adottata e a chiarire se la decisione sia stata presa «di comune accordo» anche con il numero uno del DECS, Manuele Bertoli. A fronte dell’effetto sospensivo, Galeazzi chiede inoltre se gli elementi emersi dall’inchiesta amministrativa - che avevano determinato la chiusura dell’Istituto - siano di conseguenza stati ritenuti «non sufficienti» e, soprattutto, se «non sarebbe stato meglio aspettare anche le conclusioni dell’inchiesta penale avviata dalla Procura di Lugano e da quella in Italia» prima di prendere la decisione.

Nella propria concessione, Christian Vitta ha esortato il Fogazzaro a lasciare «la totale libertà di scelta dell'Istituto d'esame» ai suoi studenti, mettendo a disposizione «una lista degli istituti più ampia possibile, escludendo l'Istituto Papi di Pomigliano d'Arco». Proprio su questo punto si sofferma anche il deputato UDC che - oltre a chiedere «quali basi oggettive e legali» abbiano condotto alla «retromarcia» - invita pure il presidente del Governo a indicare se ritenga «che in questo modo si possa scongiurare il rischio che studenti ticinesi ottengano quel diploma a Napoli».

Una domanda che si riallaccia all’attualità, secondo quanto indicato nell’atto di Galeazzi che - alla luce delle condizioni poste da Vitta - chiede infine di spiegare come mai «in questi giorni più di una cinquantina di studenti del Fogazzaro siano a Pomigliano d’Arco per sostenere l’esame di maturità».

Le domande dell'interpellanza

  1. Perché il Presidente del Consiglio di Stato ha deciso di permettere la riapertura dell’Istituto Fogazzaro?  (spiegare la procedura adottata e su quali basi legali e non)
  2. Questa decisione è stata presa di comune accordo all'interno dell'Esecutivo e anche con il direttore del DECS ?
  3. Se sì, questo significa che gli elementi sollevati dallo stesso DECS sull'inchiesta amministrativa che lo aveva portato alla decisione di disporre la chiusura dell'Istituto Fogazzaro non sono stati dichiarati sufficienti o validi?
  4. Su quali basi oggettive e legali si basano gli elementi che hanno portato a fare retromarcia e concedere quindi l'effetto sospensivo?
  5. Quale efficacia la stessa Autorità si aspetta che abbiano le condizioni imposte per la riapertura dell’Istituto di Breganzona dichiarate alla stampa per giustificare la decisione?
  6. Il Presidente del Governo ritiene veramente che in questo modo si possa scongiurare il rischio che studenti ticinesi ottengano quel diploma a Napoli e se ne servano per iscriversi alle università svizzere o alle scuole universitarie, oppure in altri istituti di formazione professionale?
  7. Come spiega il fatto che in questi giorni più di una cinquantina di studenti del Fogazzaro siano a Pomigliano d’Arco per sostenere l’esame di maturità?
  8. Questi studenti quando si sono iscritti agli esami? Prima o dopo l'apertura dell'inchiesta amministrativa del DECS? 
  9. Non sarebbe stato meglio, prima di sospendere la decisione del DECS, attendere anche le conclusioni dell’inchiesta penale avviata dalla Procura di Lugano e da quella in Italia?
Commenti
 
cerea 5 mesi fa su tio
La scuola che verrà...
gabola 5 mesi fa su tio
Almeno potremo avere diplomati imparati...ai fast food sono sempre ben accetti
seo56 5 mesi fa su tio
Il Governo ha “calato le braghe” per l’ennesima volta...
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 03:46:31 | 91.208.130.86