Tipress (archivio)
Tra le proprie domande, Galeazzi chiede anche se non fosse meglio attendere la conclusione delle inchieste prima di pronunciare una decisione.
ULTIME NOTIZIE Ticino
PARADISO
7 min
Anche il Conca d'Oro getta la spugna
Il Lido di Paradiso ha deciso di non aprire quest'anno a causa dei vincoli imposti dalla pandemia.
LUGANO
8 min
Aggredì la famiglia: «incapace di intendere e di volere»
La corte delle assise criminali ha disposto una presa a carico terapeutica intensiva.
BELLINZONA
1 ora
La Città sostiene gli apprendisti
Il Municipio di Bellinzona ha deciso di creare un fondo da 200'000 franchi per la loro assunzione.
CANTONE
1 ora
Recluta muore durante una marcia
È stata ritrovata dopo una breve ricerca. Inutili i tentativi di rianimazione.
LUGANO
2 ore
Parcheggi moto a pagamento: «Ecco un altro balzello»
Interrogazione della Lega al Municipio sulla possibilità di introdurre tasse di parcheggio anche per le due ruote
CAPRIASCA
3 ore
Addio a Carlo Nobile
Classe 1938, era noto per le sue attività di attore, doppiatore e docente. Oggi i funerali a Lugano.
FOTO
FAIDO
4 ore
Incidente sull'A2, disagi verso sud
Protagonista una coppia di anziani francesi. Sul posto la Polizia con due veicoli e un'ambulanza
LUGANO
4 ore
Case anziani: un premio per l'impegno del personale durante la pandemia
Ad oggi nelle strutture cittadine sono stati registrati undici contagi, con un decesso
CANTONE
5 ore
Lavori in corso a Sorengo e Lugano
Parte lunedì 20 luglio la posa di pavimentazione fonoassorbente
Melano
5 ore
Nuova pista ciclopedonale a Melano
I lavori partiranno il 20 luglio e dureranno circa un mese.
VIDEO
CANTONE
5 ore
Alla Centrale d'Allarme, tutti insieme appassionatamente
Anche i pompieri, col 118, sotto lo stesso tetto della polizia. Una svolta cruciale. Guarda il video.
CANTONE
5 ore
In Ticino un solo nuovo contagio
Nessun decesso e nessun nuovo ricovero. I dati nelle ultime 24 ore
BREGANZONA
14.06.2019 - 17:300
Aggiornamento : 18:55

Fogazzaro riaperto: «Altri studenti a Pomigliano d’Arco per l'esame?»

Una nuova interpellanza di Tiziano Galeazzi chiede al Governo «qualche doverosa risposta» sulla riapertura dell’Istituto

BREGANZONA - La vicenda dell’Istituto Fogazzaro di Breganzona si arricchisce di un nuovo capitolo. A pochi giorni dalla riapertura della scuola da parte del Consiglio di Stato - che ha parzialmente accolto il ricorso presentato dall’avvocato Paolo Bernasconi, sospendendo la revoca dell’autorizzazione intimata lo scorso 4 aprile dal DECS - una nuova interpellanza di Tiziano Galeazzi ritiene «doveroso» da parte del Governo fornire qualche risposta in più sulla situazione attuale.

«Perché il Presidente del Consiglio di Stato ha deciso di permettere la riapertura dell’Istituto?», chiede in primis il deputato UDC, invitando l’Esecutivo a spiegare dettagliatamente la procedura adottata e a chiarire se la decisione sia stata presa «di comune accordo» anche con il numero uno del DECS, Manuele Bertoli. A fronte dell’effetto sospensivo, Galeazzi chiede inoltre se gli elementi emersi dall’inchiesta amministrativa - che avevano determinato la chiusura dell’Istituto - siano di conseguenza stati ritenuti «non sufficienti» e, soprattutto, se «non sarebbe stato meglio aspettare anche le conclusioni dell’inchiesta penale avviata dalla Procura di Lugano e da quella in Italia» prima di prendere la decisione.

Nella propria concessione, Christian Vitta ha esortato il Fogazzaro a lasciare «la totale libertà di scelta dell'Istituto d'esame» ai suoi studenti, mettendo a disposizione «una lista degli istituti più ampia possibile, escludendo l'Istituto Papi di Pomigliano d'Arco». Proprio su questo punto si sofferma anche il deputato UDC che - oltre a chiedere «quali basi oggettive e legali» abbiano condotto alla «retromarcia» - invita pure il presidente del Governo a indicare se ritenga «che in questo modo si possa scongiurare il rischio che studenti ticinesi ottengano quel diploma a Napoli».

Una domanda che si riallaccia all’attualità, secondo quanto indicato nell’atto di Galeazzi che - alla luce delle condizioni poste da Vitta - chiede infine di spiegare come mai «in questi giorni più di una cinquantina di studenti del Fogazzaro siano a Pomigliano d’Arco per sostenere l’esame di maturità».

Le domande dell'interpellanza

  1. Perché il Presidente del Consiglio di Stato ha deciso di permettere la riapertura dell’Istituto Fogazzaro?  (spiegare la procedura adottata e su quali basi legali e non)
  2. Questa decisione è stata presa di comune accordo all'interno dell'Esecutivo e anche con il direttore del DECS ?
  3. Se sì, questo significa che gli elementi sollevati dallo stesso DECS sull'inchiesta amministrativa che lo aveva portato alla decisione di disporre la chiusura dell'Istituto Fogazzaro non sono stati dichiarati sufficienti o validi?
  4. Su quali basi oggettive e legali si basano gli elementi che hanno portato a fare retromarcia e concedere quindi l'effetto sospensivo?
  5. Quale efficacia la stessa Autorità si aspetta che abbiano le condizioni imposte per la riapertura dell’Istituto di Breganzona dichiarate alla stampa per giustificare la decisione?
  6. Il Presidente del Governo ritiene veramente che in questo modo si possa scongiurare il rischio che studenti ticinesi ottengano quel diploma a Napoli e se ne servano per iscriversi alle università svizzere o alle scuole universitarie, oppure in altri istituti di formazione professionale?
  7. Come spiega il fatto che in questi giorni più di una cinquantina di studenti del Fogazzaro siano a Pomigliano d’Arco per sostenere l’esame di maturità?
  8. Questi studenti quando si sono iscritti agli esami? Prima o dopo l'apertura dell'inchiesta amministrativa del DECS? 
  9. Non sarebbe stato meglio, prima di sospendere la decisione del DECS, attendere anche le conclusioni dell’inchiesta penale avviata dalla Procura di Lugano e da quella in Italia?
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
cerea 1 anno fa su tio
La scuola che verrà...
gabola 1 anno fa su tio
Almeno potremo avere diplomati imparati...ai fast food sono sempre ben accetti
seo56 1 anno fa su tio
Il Governo ha “calato le braghe” per l’ennesima volta...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-14 16:19:40 | 91.208.130.85