TiPress
CANTONE
11.01.2019 - 17:530

Docenti, trattativa in vista sulle 40 ore settimanali

L'incontro fra sindacati e Consiglio di Stato è stato fissato per il 30 gennaio

BELLINZONA - Il 9 ottobre 2018, i sindacati VPOD, OCST e CCS avevano inviato al Governo una richiesta di apertura di un tavolo di trattativa su tre punti: aumento salariale del 3% degli stipendi per recuperare le importanti perdite subite negli ultimi 25 anni, uno scatto in più nell’aggancio degli impiegati e docenti che passano dalla vecchia alla nuova scala salariale e la riduzione da 42 a 40 ore settimanali (ciò che corrisponde ad 1 ora di lezione in meno per i docenti cantonali).

Con lettera del 7 novembre 2018, il Consiglio di Stato comunicava ai sindacati che «di principio è disponibile a tematizzare le richieste», limitatamente all’aumento salariale del 3% e alla riduzione del tempo di lavoro. Il Governo non tratterà infatti sulla concessione dello scatto supplementare, in quanto la misura è già stata respinta dal Parlamento al momento della discussione della nuova legge stipendi.

L’esecutivo cantonale aggiungeva che «la valutazione delle proposte dovrà evidentemente considerare gli obiettivi relativi al consolidamento delle finanze cantonali» e dovrà «tenere conto del risanamento dell’Istituto di previdenza, della proposta parlamentare per una settimana di vacanze in più tra 20 e 59 anni d’età, del consolidamento degli ausiliari e della revisione del regolamento sugli ausiliari». La trattativa sui temi sollevati veniva fissata dal Consiglio di Stato il 19 giugno 2019, data ritenuta dai sindacati «inaccettabile», i quali chiedevano quindi di anticipare l’incontro di trattativa al 30 gennaio 2019.

La proposta è finalmente accettata dal Consiglio di Stato, comunicano oggi Raoul Ghisletta, segretario VPOD Ticino e Adriano Merlini, presidente VPOD docenti.

Ad oggi hanno già espresso il loro sostegno alle rivendicazioni sindacali i Collegi dei Licei di Lugano 1, Locarno e Mendrisio. Le Scuole medie di Bellinzona 1 e Canobbio ne discuteranno.

 

Commenti
 
Evry 2 mesi fa su tio
Questi sono i risultati di molti Sindakalisti (s)parlamentari che sopportiamo, il Ticino non è povero, ma con certi (s)parloametari è un povero Ticino.
Tato50 2 mesi fa su tio
Raul, visto che sei a conoscenza, chiedi lumi su quella porcata dell'articolo 46 e seguenti, del quale probabilmente era a conoscenza solo chi l'ha scritto, per quanto concerne le assenze di malattia calcolate al 100% anche se lavori al 50% ?? Grazie !!!
Dioneus 2 mesi fa su tio
I sindacati sono la salvezza per i lavoratori, piuttosto ;) ottima iniziativa!
seo56 2 mesi fa su tio
SINDACATI....la rovina dell’economia ticinese.
Lore62 2 mesi fa su tio
@seo56 Certo... perché TUTTI gli altri partiti invece la stanno facendo galoppare...ma non vedi come HANNO conciato il Ticino dopo la "libera circolazione dei disperati"??? Ormai siamo messi allo stesso livello della schiavitù dl fine ottocento...
F/A-18 2 mesi fa su tio
@seo56 I sindacati difendono i lavoratori e le loro paghe, l'alternativa è la deregolamentazione, quindi notevole peggioramento del livello retributivo per un po' tutti, questo fatto lo ritieni un aiuto all'economia ticinese?
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-03-25 05:37:08 | 91.208.130.85