TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
6 ore
Tramonta il posto fisso, decolla l'interinale
I dati sono incoraggianti e il mondo del lavoro interinale è in continua espansione, tanto che fino al 20% delle persone che (ri)trovano un posto fisso vengono proposte dalle agenzie specializzate
CUGNASCO-GERRA
7 ore
È nata la nuova Associazione Anziani Cugnasco-Gerra
Eletta la presidenza e il comitato. Lo scopo? Prevenire e combattere l’emarginazione delle persone anziane
CONFINE
7 ore
Lieve terremoto avvertito in Valposchiavo
La terra ha vibrato, ma non si attendono danni
CANTONE
8 ore
Caccia sì, ma non stressiamo gli animali al gelo
Si apre la caccia tardo autunnale. Cervi, caprioli e cinghiali sono le prede. Ma con dei limiti: «Le condizioni sono estreme, bisogna evitare che gli animali disperdano le loro energie»
CANTONE
9 ore
La legge "Fogazzaro" si è arenata. Bertoli: «Il Parlamento decida»
Da febbraio la modifica della legge scolastica è in Commissione, dove si sta tentando l'operazione di unire due rapporti antitetici. Il direttore del Decs: «È un'operazione impossibile»
CANTONE
11 ore
Uccise la moglie: condannato a diciotto anni di carcere
È colpevole di assassinio il 57enne macedone comparso alle Criminali per il delitto di Ascona
ROVEREDO (GR)
11 ore
Equilibri in Municipio di nuovo in discussione
Il Tribunale federale ha accolto in parte il ricorso della sezione Liberale democratica sul conteggio delle schede dell'elezione dell'ottobre 2018
CANTONE
11 ore
Un anno impegnativo per il sindacato dei docenti
Dalla pausa per i docenti di scuola dell’infanzia, all’ottimizzazione dei consigli di classe, fino alla riforma del liceo
CANTONE / URI
11 ore
Scontro nel San Gottardo, circa 40mila franchi di danni
L'impatto contro un pullman è costato un bello spavento all'automobilista, che ha effettuato un testacoda prima di andare a sbattere contro la parete della galleria
LUGANO
12 ore
«Ma quale conflitto d'interessi?», Valenzano Rossi risponde alla Lega
La capogruppo PLR sottolinea come la collaborazione, legale, fosse nota da tempo. E rilancia: «Attaccata per indurre al silenzio le voci critiche e per mancanza di argomenti validi»
FOTO
CANTONE
12 ore
Sos Infanzia premia quattro associazioni
Consegnato il riconoscimento in onore di Federico Mari a Malattie Genetiche Rare Svizzera Italiana, Shark Team 2000, Illy e la Sindrome di Goodpasture e ATKYE
FOTO E VIDEO
CENTOVALLI
12 ore
Operazione mozzafiato: cinque campane in volo a Rasa
Video spettacolare sui monti innevati. Claudio Simoni, segretario della “parrocchia”: «È un momento storico per noi»
CANTONE
12 ore
Il prof. Giovanni Pedrazzini in conferenza a Massagno
L'evento, aperto a tutti, permetterà al pubblico di conoscere un luminare del suo ramo, unico ticinese a ricoprire la carica di Presidente della Società Svizzera di Cardiologia
CANTONE
12.09.2018 - 13:350
Aggiornamento : 15:33

Un procuratore straordinario ora sembra più vicino

Il direttore del DI ha spiegato che il Governo è «meno scettico» nei confronti della richiesta di potenziamento. Il Procuratore generale Pagani su Argo 1: «L'inchiesta è agli sgoccioli»

BELLINZONA - È stato un confronto «franco, trasparente» quello che si è tenuto questa mattina tra il Consiglio di Stato e la direzione del Ministero pubblico. Lo hanno definito in questo modo sia Norman Gobbi che il procuratore generale Andrea Pagani.

Argomento di discussione è stata la richiesta di un procuratore straordinario quale misura di potenziamento del Ministero pubblico. Andrea Pagani ha precisato che questa persona si occuperebbe con un mandato di cinque anni dei procedimenti penali pendenti che rischiano di cadere in prescrizione: «Procedimenti che non permettono di ossequiare al principio della celerità e che, cadendo in prescrizione, rappresenterebbero soldi persi per il Cantone».

Il candidato ideale - Il procuratore generale ha proposto il disegno del candidato ideale alla posizione di procuratore straordinario: «Dev’essere una figura che il giorno che arriva in ufficio è immediatamente operativo. Dobbiamo cercare nel nostro mercato degli avvocati più o meno di peso nel diritto penale applicato. Persone pronte a gettarsi cinque anni nella mischia in un ufficio nel quale devono credere, magari a fine carriera». A chi gli ha chiesto se avesse qualche figura in mente, Pagani ha risposto: «Nemmeno sotto tortura potrei darvi dei nomi».

Cambio di rotta al Ministero pubblico - Il Pg ha fornito al Governo un documento che è una “fotografia” della situazione attuale e ha implementato un sistema di monitorizzazione delle entrate e delle pendenze: «Il Consiglio di Stato potrà decidere con grande serenità» ha precisato. Un gesto apprezzato dal Governo ticinese, che si è detto ora «meno scettico»: «Il Ministero pubblico ha dato un chiaro segnale - ha confermato Gobbi -. Rispetto al passato, si è vista la volontà di una gestione attiva, un cambio di regime anche a livello organizzativo».

La tempistica - Nell'eventualità di una risposta positiva da parte del Governo, l'iter prevede la creazione di un Messaggio, sottoposto prima al Gran Consiglio, poi alla Commissione della legislazione, poi ancora al plenum, fino alla messa in vigore della norma. «Ma siamo nell'anno elettorale - ha commentato scherzosamente Pagani rivolgendosi a Gobbi - e le cose potrebbero andare più lente o più velocemente». L'eventuale nomina di un procuratore straordinario viene intesa dal Consiglio di Stato come «una misura d’urgenza per recuperare gli incarti di carattere finanziario datati e evadere quanto lasciato in eredità dal precedente procuratore generale» ha però precisato il direttore del DI.

I numeri - A chi chiedeva perché non nominare un procuratore permanente, modificando la legge, ha risposto Pagani: «Il Consiglio di Stato dovrebbe poter nominare un magistrato in caso di comprovato sovraccarico dell’ufficio. I tempi per mettere a posto un ufficio giudiziario non sono quelli della politica». Fornire un numero certo di incarti pendenti non è invece possibile: «Ad esempio Luraschi è un mese che sta leggendo i dossier per capire cosa gli è caduto sulla testa» ha precisato il procuratore pubblico .

Il dossier Argo 1 - Uno degli incarti "scottanti" è sicuramente quello sul caso Argo 1. «Quello “di natura istituzionale” (ipotesi di reato corruttivo, concessione di vantaggi, infedeltà della gestione pubblica) sta per essere chiuso» ha assicurato Pagani. Alla fine del mese di settembre ci sarà ancora un interrogatorio. «Se lo faccio è perché è necessario» ha precisato. «Se non emergesse nulla di trascendentale, l’inchiesta potrà essere considerata agli sgoccioli».

Una decisione su quell’incarto potrebbe quindi arrivare «tra fine ottobre e metà novembre». Ma «non vi dirò mai cosa ho in testa di decidere» ha concluso.

Commenti
 
vulpus 1 anno fa su tio
Hanno continuato a tagliare sulla giustizia. Ora sono nella ca... e avanti, dopo un colloquio chiarificatore arriva il procuratore straordinario.Ma se hanno anni di ritardo, è mai possibile che i politici debbano sempre e solo cercare di risparmiare dove è necessario spendere?
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Se i procuratori invece che scassare i maroni per delle bagatelle si occupassero di mandare avanti la giustizia il ministero pubblico non necessiterebbe di potenziamenti...
seo56 1 anno fa su tio
Procuratore straordinario in carica per 5 anni....ennesima buffonata!! Sarà un amico degli amici.... di male in peggio!!
KilBill65 1 anno fa su tio
Dopo tanto....Sarebbe ora di avere un po' risposte a riguardo!!!....Sperando di avere una verita' un po' piu' cristallina!!....
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-21 05:45:10 | 91.208.130.89