TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
32 min
«Perché i mesi freddi sono il periodo più infuocato dell'anno»
I numeri dicono che gli incendi nei boschi si verificano soprattutto tra inverno e primavera. Il responsabile della valutazione dei rischi: «La protezione della neve si ritira a quote sempre più alte»
LUGANO
32 min
«Ci sentiamo frustrati e impotenti»
Il disagio dilaga: Michele Bertini, capo dicastero sicurezza, commenta la fiaccolata per Matteo Cantoreggi. L’organizzatrice Sara Beretta Piccoli: «Si può fare di più»
FOTO E VIDEO
LUGANO
7 ore
«Serve un nuovo Skate Park, altre pezze non hanno senso»
Le anime di ieri, Yari Copt, e di oggi, Daniele Stamerra, evidenziano i pesanti acciacchi della struttura. Alla Città, da sempre collaborativa, gli skater chiedono una nuova "area street"
BELLINZONA
7 ore
Ecco i nomi del PLR per le Comunali
L’assemblea straordinaria della Sezione PLR di Bellinzona ha approvato il programma di legislatura e designato i candidati per le elezioni del prossimo 5 aprile
CANTONE/SVIZZERA
7 ore
Marco Romano nel Forum per l'italiano in Svizzera
Il consigliere nazionale ticinese sostituisce così Roberta Pantani
LUGANO
8 ore
Scontro tra auto e scooter a Viganello
L'incidente si è verificato attorno alle 21.30. Il motociclista avrebbe riportato ferite
FOTO
LUGANO
8 ore
Lacrime ed emozioni: fiaccolata per Matteo
Un momento di riflessione per il trentacinquenne ucciso lo scorso 17 dicembre alla pensione La Santa di Viganello. Diverse le persone presenti
BELLINZONA
8 ore
I candidati PPD in corsa per il Municipio
Presentata la lista per le elezioni comunali nella capitale
LUGANO
9 ore
«Nella sezione PPD di Lugano c’è maretta»
Si è dimesso Luca Campana, membro dell’Ufficio presidenziale e responsabile comunicazione
CANTONE
10 ore
Per Pompeo non abbiamo pagato noi
Vitta ha risposto oggi in Gran Consiglio all'Mps: «La visita l'ha organizzata il DFAE, che si è assunto tutti i costi»
CANTONE
10 ore
«Il bunker di Camorino non si chiude»
De Rosa davanti al Gran Consiglio risponde alla richiesta sollevata questa estate, quando i giorni di canicola hanno messo a dura prova gli asilanti
CANTONE
10 ore
Via libera alla progettazione della galleria di Ascona
Il Gran Consiglio ha approvato la richiesta di credito
CANTONE
11 ore
La gestione alla Cinque Fonti entra in aula con il Gran Consiglio
Raffaele De Rosa risponde alle domande dell'interpellanza di Matteo Pronzini sulla casa anziani. Ma il Parlamento rifiuta di aprire una discussione generale
CANTONE
12.09.2018 - 13:350
Aggiornamento : 15:33

Un procuratore straordinario ora sembra più vicino

Il direttore del DI ha spiegato che il Governo è «meno scettico» nei confronti della richiesta di potenziamento. Il Procuratore generale Pagani su Argo 1: «L'inchiesta è agli sgoccioli»

BELLINZONA - È stato un confronto «franco, trasparente» quello che si è tenuto questa mattina tra il Consiglio di Stato e la direzione del Ministero pubblico. Lo hanno definito in questo modo sia Norman Gobbi che il procuratore generale Andrea Pagani.

Argomento di discussione è stata la richiesta di un procuratore straordinario quale misura di potenziamento del Ministero pubblico. Andrea Pagani ha precisato che questa persona si occuperebbe con un mandato di cinque anni dei procedimenti penali pendenti che rischiano di cadere in prescrizione: «Procedimenti che non permettono di ossequiare al principio della celerità e che, cadendo in prescrizione, rappresenterebbero soldi persi per il Cantone».

Il candidato ideale - Il procuratore generale ha proposto il disegno del candidato ideale alla posizione di procuratore straordinario: «Dev’essere una figura che il giorno che arriva in ufficio è immediatamente operativo. Dobbiamo cercare nel nostro mercato degli avvocati più o meno di peso nel diritto penale applicato. Persone pronte a gettarsi cinque anni nella mischia in un ufficio nel quale devono credere, magari a fine carriera». A chi gli ha chiesto se avesse qualche figura in mente, Pagani ha risposto: «Nemmeno sotto tortura potrei darvi dei nomi».

Cambio di rotta al Ministero pubblico - Il Pg ha fornito al Governo un documento che è una “fotografia” della situazione attuale e ha implementato un sistema di monitorizzazione delle entrate e delle pendenze: «Il Consiglio di Stato potrà decidere con grande serenità» ha precisato. Un gesto apprezzato dal Governo ticinese, che si è detto ora «meno scettico»: «Il Ministero pubblico ha dato un chiaro segnale - ha confermato Gobbi -. Rispetto al passato, si è vista la volontà di una gestione attiva, un cambio di regime anche a livello organizzativo».

La tempistica - Nell'eventualità di una risposta positiva da parte del Governo, l'iter prevede la creazione di un Messaggio, sottoposto prima al Gran Consiglio, poi alla Commissione della legislazione, poi ancora al plenum, fino alla messa in vigore della norma. «Ma siamo nell'anno elettorale - ha commentato scherzosamente Pagani rivolgendosi a Gobbi - e le cose potrebbero andare più lente o più velocemente». L'eventuale nomina di un procuratore straordinario viene intesa dal Consiglio di Stato come «una misura d’urgenza per recuperare gli incarti di carattere finanziario datati e evadere quanto lasciato in eredità dal precedente procuratore generale» ha però precisato il direttore del DI.

I numeri - A chi chiedeva perché non nominare un procuratore permanente, modificando la legge, ha risposto Pagani: «Il Consiglio di Stato dovrebbe poter nominare un magistrato in caso di comprovato sovraccarico dell’ufficio. I tempi per mettere a posto un ufficio giudiziario non sono quelli della politica». Fornire un numero certo di incarti pendenti non è invece possibile: «Ad esempio Luraschi è un mese che sta leggendo i dossier per capire cosa gli è caduto sulla testa» ha precisato il procuratore pubblico .

Il dossier Argo 1 - Uno degli incarti "scottanti" è sicuramente quello sul caso Argo 1. «Quello “di natura istituzionale” (ipotesi di reato corruttivo, concessione di vantaggi, infedeltà della gestione pubblica) sta per essere chiuso» ha assicurato Pagani. Alla fine del mese di settembre ci sarà ancora un interrogatorio. «Se lo faccio è perché è necessario» ha precisato. «Se non emergesse nulla di trascendentale, l’inchiesta potrà essere considerata agli sgoccioli».

Una decisione su quell’incarto potrebbe quindi arrivare «tra fine ottobre e metà novembre». Ma «non vi dirò mai cosa ho in testa di decidere» ha concluso.

Commenti
 
vulpus 1 anno fa su tio
Hanno continuato a tagliare sulla giustizia. Ora sono nella ca... e avanti, dopo un colloquio chiarificatore arriva il procuratore straordinario.Ma se hanno anni di ritardo, è mai possibile che i politici debbano sempre e solo cercare di risparmiare dove è necessario spendere?
lo spiaggiato 1 anno fa su tio
Se i procuratori invece che scassare i maroni per delle bagatelle si occupassero di mandare avanti la giustizia il ministero pubblico non necessiterebbe di potenziamenti...
seo56 1 anno fa su tio
Procuratore straordinario in carica per 5 anni....ennesima buffonata!! Sarà un amico degli amici.... di male in peggio!!
KilBill65 1 anno fa su tio
Dopo tanto....Sarebbe ora di avere un po' risposte a riguardo!!!....Sperando di avere una verita' un po' piu' cristallina!!....
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-21 06:32:57 | 91.208.130.86