ULTIME NOTIZIE Ticino
ARBEDO-CASTIONE
2 ore
Officine: «I terreni per il compenso agricolo ci sono?»
CAMORINO
3 ore
Asilanti in sciopero, l’appello a De Rosa: «Chiudete il bunker»
CEVIO
3 ore
Troppo caldo per la funivia San Carlo-Robiei
MURALTO
4 ore
Un telo nero per oscurare la scena del presunto delitto
CANTONE
4 ore
«Biometria 2020», quasi un milione per il progetto
BELLINZONA
4 ore
Con lo striscione in Parlamento per il diritto allo studio
CANTONE
6 ore
Sette milioni per sentieri e percorsi per mountain bike
CANTONE
6 ore
Il Fogazzaro fa scuola: stop alle autorizzazioni "infinite"
LUGANO
7 ore
«Altroché allarmismo, la canicola può uccidere»
CANTONE
8 ore
Mini-blocco dei ristorni: «Benino ma non benissimo»
TENERO
8 ore
Campofelice Camping Village entra nei migliori campeggi d'Europa
CANTONE
8 ore
Ristorni, il Governo trattiene i soldi dovuti da Campione
LUGANO
9 ore
Nuovi defibrillatori a Carabbia e Viganello
LOCARNO
9 ore
Droni, arrivano le nuove regole
LUGANO
9 ore
Lo IUFFP sarà alta scuola pedagogica
BELLINZONA
15.02.2018 - 16:510
Aggiornamento : 17:42

«Sarà la prima interrogazione nata su Facebook»

Un post sul social invita a porre domande su un incarico connesso al caso Argo1. A inoltrare formalmente i quesiti al Governo sarà il deputato Matteo Pronzini

BELLINZONA - È uno dei diritti politici più utilizzati dai granconsiglieri. Talvolta anche uno dei più abusati. Ma se è vero che le domande non sono mai stupide, al massimo possono esserlo le risposte, non dovrebbe far storcere troppo il naso il singolare esperimento che si sta svolgendo sui social. A promuoverlo sulla propria pagina Fb è Cindy Martinoni in un post intitolato «La prima interrogazione parlamentare nata su Facebook». La novità fa passare quasi in second’ordine il tema per cui gli internauti sollecitano chiarimenti dal Consiglio di Stato: il presunto conflitto d’interessi per l’avvocato Maria Galliani al tempo stesso accusatore privato per il governo nel caso Argo1 e difensore di uno dei poliziotti accusati col titolare di Argo di violenza su un giovane migrante.

«Avete domande pertinenti che volete inserire nell’interrogazione? Se sì postatele nei commenti. Forza che stavolta usiamo i social per qualcosa di concreto» incoraggia il post. Dove si legge anche il nome del deputato, Matteo Pronzini dell’Mps, che ha accettato di inoltrare l’interrogazione. Forse per non obbligarlo a fare una sintesi delle domande degli internauti, nel messaggio Fb si precisa anche che a redigere il testo non sarà il parlamentare che a Tio/20minuti conferma di aver dato la propria disponibilità.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-06-26 20:49:35 | 91.208.130.87