tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
41 min
«Valera verde e senza chimica»
CONFINE / SVIZZERA
1 ora
Svizzero truffato. Il falso intermediario sparisce con la provvigione per lo chalet
CANTONE
2 ore
Aeroporto di Agno, continua l’emorragia di passeggeri
CANTONE
3 ore
Biscotti e abbonamenti "Binario 5" per gli studenti ticinesi
BELLINZONA
4 ore
Schiume sul Lago Maggiore: «Un fenomeno naturale»
TENERO
5 ore
Sport e divertimento per giovani in carrozzella
MAGGIA
5 ore
A Maggia il Tetris è vintage
CANTONE
5 ore
Europa League in tv: gratis la prima partita del Lugano, poi si vedrà
LUGANO
6 ore
«Mio figlio parla solo tramite video»
CANTONE / SVIZZERA
6 ore
Cossi/Condotte SpA: «Milioni di imposte non pagate?»
CADENAZZO
6 ore
Cadenazzo pensa alla videosorveglianza per bloccare i furbetti
CANTONE
7 ore
Annettere Campione d’Italia: «Il Governo la pensa come Gobbi?»
LUGANO
8 ore
«È necessario attenuare il cambiamento climatico»
CANTONE
8 ore
Girardi fa istanza alla Corte d'appello: «Nel mio iPhone 5 c'è la prova »
CANTONE
9 ore
Meno automobilisti in odore di cannabis dal medico del traffico
SANT'ANTONINO
06.06.2019 - 17:010
Aggiornamento : 19:29

Dipendente trafuga accessori marchiati Gucci, denunciato

Portafogli, profumi ed altri prodotti griffati venivano nascosti nel controsoffitto per essere recuperati al momento opportuno e rivenduti. Il danno ammonta a diverse migliaia di franchi

SANT'ANTONINO - Il mercato del lusso fa gola. Lo sa bene il 36enne dipendente della Luxury Goods Logistics (LGL) denunciato negli scorsi giorni (verso la fine di maggio) per aver trafugato, in più di un'occasione, portafogli e altri accessori marchiati Gucci.

Stando a informazioni in nostro possesso il dipendente, frontaliere, una volta impossessatosi dell'oggetto griffato lo nascondeva nel controsoffitto di un locale nello stabilimento di Sant'Antonino per poi recuperarlo al momento opportuno e portarlo a casa.

Non un semplice desiderio di mettere in mostra la "chicca" del celebre marchio di moda, ma una vera e propria attività illecita protratta nel tempo tanto che si stima un danno di diverse migliaia di franchi. Sempre stando a nostre informazioni il soggetto rivendeva i prodotti su piattaforme online per, evidentemente, trarne profitto.

Una perquisizione della Polizia Cantonale, avvenuta negli scorsi giorni, è riuscita a mettere fine all'attività parallela del dipendente, licenziato in tronco.

Assieme a lui, sembrerebbe siano stati licenziati anche altri 4 colleghi e compagni di car-pooling. Non è stato possibile avere conferma di questi ultimi licenziamenti e sapere se siano o meno collegati al furto.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-17 15:21:11 | 91.208.130.89