Tipress
+ 2
ULTIME NOTIZIE Ticino
ASCONA
4 ore
«Traffico ticinese paralizzato ovunque, non ci si muove più»
Lo sfogo della deputata Michela Ris, che invita i cittadini a ricorrere al car sharing e al telelavoro: «Nel 2020 con Alptransit le cose miglioreranno? Dipende da dove si abita»
CANTONE
5 ore
Fino a 60 centimetri di neve in Vallemaggia
Allerta a nord. Ma da domenica il tempo migliora e la prossima settimana torna il sole
BIASCA
6 ore
Allarme su Fb: «Rapitori di bimbi in paese». La scuola: «È un fake»
Un post su Facebook mette in ansia i genitori. All’origine ci sarebbe un fatto reale, un automobilista che ha avvicinato una bimba chiedendole il nome e poi è ripartito
CANTONE
7 ore
Solo un distretto risparmiato dai radar
La prossima settimana niente controlli mobili a Blenio. Ben 15 le località controllate nel Luganese
CANTONE
8 ore
DFE e "responsabilità sociale delle imprese": «La tragicommedia continua»
L'MpS, critico, interroga il Governo su livelli salariali e condizioni di lavoro
BIOGGIO
8 ore
Il Municipio festeggia i 18enni
Dopo la celebrazione per l'importante passaggio alla maggiore età, la serata è proseguita con uno show e una cena
CANTONE
8 ore
Nasce il Ginnasio Liberalconservatore GLC
«In questo modo AreaLiberale e l’UDC Ticino portano i cittadini in Parlamento e il Parlamento tra i cittadini»
LOCARNO
8 ore
Lettere anonime a Dadò: «È la 150esima. Un'ossessione»
Da anni uno stalker l'avrebbe preso di mira. «Invito questa persona a dedicare il suo tempo ad altro e a sé stesso. Probabilmente ne ha bisogno»
NOVAGGIO
14.03.2019 - 11:330
Aggiornamento : 14:47

A fare il botto in tre: rubate alcune decine di migliaia di franchi

Nuovi dettagli sul bancomat esploso stanotte. I malviventi hanno rubato un'auto poi ritrovata in zona. Il portavoce Raiffeisen parla delle contromisure: «Equilibrate per non danneggiare la clientela»

NOVAGGIO - Hanno agito in tre persone. E si sono spostati a bordo di un’auto rubata in zona e ritrovata in zona. Si mettono a fuoco i contorni del colpo avvenuto questa notte ai danni del bancomat di Novaggio. Un colpo col botto, ma non altrettanto il bottino: i malviventi si sarebbero impossessati di alcune decine di migliaia di franchi. Il rifornimento che la banca Raiffeisen aveva messo in pancia all’apparecchio per la clientela notturna.

Stesse modalità - L’ora fatidica per il botto è quasi sempre la stessa: tra le 2 e le 3 di notte. E non è un fenomeno tutto ticinese. L’ultimo caso, solo pochi giorni fa, a Puplinge nel canton Ginevra, mentre a febbraio sono stati fatti esplodere i bancomat a Schönenbuch (Basilea Campagna) e Alle (canton Giura). Stesso orario, e stessa banca: la Raiffeisen ed è quasi inevitabile poiché la cooperativa è quella che fa della ramificazione sul territorio (anche nelle zone più periferiche) una propria caratteristica.

Il terzo colpo in pochi mesi - In Ticino, con Novaggio, è il terzo caso: dopo i colpi a Coldrerio, il 23 novembre, con bottino stimato tra 200 e 300 mila franchi e ad Arzo, il 30 novembre. Un quarto colpo, nella notte del 6 febbraio all’interno del supermercato Migros di Taverne, presenta caratteristiche differenti: vetrata esterna infranta e banconote macchiate dallo speciale inchiostro verde rilasciato dall'apparecchio forzato dai ladri.

Le contromisure - Coloranti a parte, contro le bande dell’esplosivo ci si arma anche in modo drastico, come ricorda Gian Luca Cantarelli, addetto stampa di Raiffeisen Svizzera: «Le banche Raiffeisen del Mendrisiotto hanno adottato la contromisura per cui nelle ore notturne, e in alcuni momenti del fine settimana, non vengono lasciate banconote all’interno dei bancomat. Ma è la singola banca che sa cosa provoca la chiusura notturna in base all’utilizzo esistente».

Il danno è il vero problema - Come dire, anche nelle contromisure ci vuole misura, per non danneggiare la clientela abituata a rifornire il proprio portafoglio 24 ore su 24. Dopodiché per le banche, «che sono assicurate - precisa il portavoce - il vero problema resta il danno materiale che per un certo periodo rende inagibile il servizio con disagi nei confronti dell’utenza e del personale stesso della banca». Sebbene la vulnerabilità dei bancomat (soprattutto nelle zone discoste) pare ormai un dato di fatto, gli istituti presi di mira sono alla costante ricerca di contromosse: «C’è un gruppo di coordinamento, non solo della Banca Raiffeisen, ma di tutti i responsabili della sicurezza delle varie banche che si aggiornano in base a nuove soluzioni e tecnologie da adottare...» dice Cantarelli.

Tipress
Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-23 01:21:50 | 91.208.130.85