Cerca e trova immobili

LUGANOOCST, l'incontro con l'Ambasciatore d'Italia a Berna

18.06.24 - 11:48
Presente anche il Console generale d’Italia a Lugano Gabriele Meucci
Foto OCST
Fonte OCST
OCST, l'incontro con l'Ambasciatore d'Italia a Berna
Presente anche il Console generale d’Italia a Lugano Gabriele Meucci

LUGANO - L'OCST ha accolto nella sua sede di Lugano l’Ambasciatore d’Italia a Berna Gian Lorenzo Cornado e il Console generale d’Italia a Lugano Gabriele Meucci.

Durante l'incontro, Giorgio Fonio, consigliere nazionale e segretario regionale OCST, ha ricordato «l’amicizia che lega l’Italia e la Svizzera e il grande contributo che le lavoratrici e i lavoratori italiani hanno dato, per esempio nella costruzione delle più importanti infrastrutture in Svizzera».

Per Aldo Ragusa, segretario amministrativo dell’OCST, «è stata l’occasione di presentare le attività e i servizi che il sindacato offre alle lavoratrici e ai lavoratori svizzeri e italiani, immigrati di prima e di seconda generazione».

Si è fatto riferimento anche all'accordo sulla tassazione dei frontalieri: Andrea Puglia, vicesegretario cantonale, ha ricordato l’importante ruolo giocato dall’OCST. Ha inoltre segnalato tre importanti misure di accompagnamento all’introduzione di tale accordo, previste dalle trattative «e ad oggi purtroppo ancora disattese: la questione del “Contributo di partecipazione” al Sistema sanitario nazionale, la disoccupazione dei frontalieri e l’istituzione di un tavolo di lavoro interministeriale».

Nell'incontro con l'ambasciatore, Giuseppe Rauseo, responsabile del Centro di formazione professionale dell’OCST, ha sottolineato come la formazione sia ancora un veicolo importante di «accoglienza e di integrazione anche per le lavoratrici e i lavoratori di origine italiana in Svizzera».

L’ambasciatore, da parte sua, ha ringraziato delle numerose iniziative e si è detto «disponibile ad una collaborazione orientata a migliorare le relazioni con le istituzioni in favore delle lavoratrici e dei lavoratori».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE