Cerca e trova immobili

GAMBAROGNOMensa scolastica, il cambio è servito

23.02.24 - 11:33
Dopo le polemiche, il Municipio ha deciso un cambio di rotta nella fornitura dei pasti nelle sei refezioni dell'istituto scolastico.
Depositphotos (NewAfrica)
Mensa scolastica, il cambio è servito
Dopo le polemiche, il Municipio ha deciso un cambio di rotta nella fornitura dei pasti nelle sei refezioni dell'istituto scolastico.

GAMBAROGNO - Mense scolastiche del Gambarogno, il cambio è servito. Dopo le polemiche sulla qualità del cibo (con mini-boicottaggio) e la raccolta di oltre cento firme da parte di un gruppo di genitori, il Municipio ha attuato un deciso cambio di rotta per la fornitura dei pasti per le sei refezioni dell'istituto scolastico.

Rispetto a metà febbraio la situazione con l'attuale azienda che si occupa del catering si è infatti «ulteriormente aggravata», obbligando di fatto l'Esecutivo a un cambio immediato nel servizio di refezione scolastica. «Da lunedì 26 febbraio i pasti delle mense saranno forniti da un nuovo operatore, che confidiamo possa finalmente soddisfare le aspettative di tutti», sottolinea il Municipio, precisando che questo cambiamento «da molti auspicato» richiederà «un po' di pazienza», visto che il nuovo fornitore avrà «bisogno di tempo per assestare i dettagli del servizio» a tutte le esigenze.

La vicenda - La polemica, ricordiamo, era deflagrata già a fine settembre, poco dopo l'inizio dell'anno scolastico. Gli allievi accusavano il servizio mense di servire «porzioni piccole», «di bassa qualità» e di avere «una scarsa attenzione a chi tra loro soffriva di intolleranze alimentari». Il Municipio, inizialmente, aveva chiesto un po' di pazienza visto che la mensa in questione doveva servire circa 300 pasti al giorno. E per alcuni mesi le cose erano effettivamente migliorate. Prima del tracollo definitivo, della raccolta firme e dell'allontanamento odierno del (ormai ex) fornitore.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Equalizer 1 mese fa su tio
Ditta semi fantasma, se la cerchi su Zefix.ch non esiste, neppure nel Canton Uri.... Quindi il nome? Non combacia con la vera ragione sociale? Ma chi erano questi?

vulpus 1 mese fa su tio
l'informazione è arrivata : il motivo del cambiamento è il fallimento della ditta con la quale il comune aveva fatto il contratto.

Luky 1 mese fa su tio
Sarebbe bello sapere chi forniva i pasti prima del cambiamento

CJ 1 mese fa su tio
Risposta a Luky
Te lo dico io era gestita dal comune … un po’ come in tutti i comuni …. Poi si penso bene di fare un concorso e esternalizzare ad una ditta privata il servizio mensa con l’intento di risparmiare … e ora ci si riprova con un altra azienda …. Trai tu le conclusioni …

CJ 1 mese fa su tio
Risposta a Luky
[url rimossa]

vulpus 1 mese fa su tio
Risposta a Luky
Sarebbe ancor meglio che diano una informazione completa, anche con il nome del nuovo fornitore. Sembra un pò strana la questione che il nuovo fornitore deve impratichirsi. Che sia ancora una scelta al buio? Fino ad alcuni giorni fa sui giornali si affermava che tutto si era sistemato , ora si parla di tracollo. Chi ha ragione?

CJ 1 mese fa su tio
Risposta a CJ
Da un articolo di tio questo scriveva il sindaco … «Miglior rapporto tra qualità e prezzo» – Il sindaco Gianluigi Dellasanta qualche giorno fa ha scritto alle famiglie. Assicurando che la vicenda della mensa sarà presa in seria considerazione da subito. «Abbiamo già constatato un miglioramento – conferma a Tio/20Minuti –. Questa azienda si doveva adattare al contesto. Adesso lo sta facendo. Non è vero che abbiamo giocato al risparmio comunque. Abbiamo scelto la migliore candidatura col miglior rapporto tra qualità e prezzo. I tagli? Quelli fatti finora sono sempre stati giustificati e spiegati». 27 settembre 2023 …. Coi tagli si intendeva i cuochi lasciati a casa dal comune …. Resta il fatto che erano tanto fiduciosi e convinti che era la miglior ditta qualità prezzo … che adesso cambiano ….
NOTIZIE PIÙ LETTE