Cerca e trova immobili

GAMBAROGNOIn cento contro la mensa scolastica: «Cambiate servizio»

19.02.24 - 06:30
È ancora polemica sulla qualità dei pasti. E stavolta diversi genitori si mobilitano. Il sindaco: «Continuiamo a monitorare la situazione».
Depositphotos
In cento contro la mensa scolastica: «Cambiate servizio»
È ancora polemica sulla qualità dei pasti. E stavolta diversi genitori si mobilitano. Il sindaco: «Continuiamo a monitorare la situazione».

GAMBAROGNO - È di nuovo rivolta nel Gambarogno per la mensa scolastica. Stavolta un gruppo di genitori ha raccolto oltre 100 firme già consegnate al Municipio. In sintesi si chiede alle autorità di cessare il rapporto con la ditta di catering che si occupa di confezionare i pasti. E di trovare un'altra soluzione. 

Il precedente – La polemica era già stata sollevata lo scorso settembre. Con allievi e genitori che puntavano il dito contro la presunta scarsa qualità del nuovo servizio mensa, introdotto da poche settimane. In quell'occasione il sindaco e soprattutto il direttore dell'azienda di catering avevano "promesso" un miglioramento. 

«Siamo stufi» – Miglioramento che effettivamente ci sarebbe stato. «Ma solo per alcuni mesi – sostiene la mamma promotrice della raccolta di firme –. Poi sono di nuovo sorti problemi grossi. Nella sede di San Nazzaro ad esempio sono stati recapitati dei polpettoni crudi, che non sono stati serviti. In un altro caso è stata trovata una garza negli gnocchi. A una bimba è stato servito un cibo a cui era allergica. Siamo stufi».  

«I controlli esterni danno risultati soddisfacenti» – Il sindaco Gianluigi Della Santa, contattato da Tio/20Minuti, si dice consapevole della situazione e comprensivo del disagio delle famiglie: «Il Municipio ha adottato misure di controllo della qualità sia del servizio di fornitura dei pasti sia del servizio di refezione. Vi è stato si un polpettone fornito non ben cotto, ma la quotidianità ci risulta essere diversa da come viene mediatizzata. Il vero problema è che un piano alterativo, per fornire 300 pasti giornalieri, è attuabile solo sul medio termine. Per questo semestre dobbiamo continuare a monitorare la situazione, formare il nostro personale, correggere, per garantire dei buoni pasti. Se poi non avremo una situazione soddisfacente, di certo durante l’estate dovremo trovare una nuova soluzione, che però non potrà prescindere dal rispetto della legge, ossia del pubblico concorso».  

In arrivo una risposta ufficiale – Nei prossimi giorni il Municipio preparerà una risposta ufficiale per i genitori arrabbiati. «Una rescissione immediata risulta problematica soprattutto per assicurare la continuità del servizio. I ristoranti del Comune, per le chiusure di riposo settimanale, per le chiusure invernali e per la particolarità del servizio che deve rendere conto anche al Cantone, non risolverebbero il problema a breve. Prendiamo atto del polpettone non cotto, ma la nostra risposta sta nella sorveglianza e nel miglioramento, per non trovarci dall’oggi al domani senza pasti per i nostri bambini. Restiamo ottimisti: con l’impegno di tutte le parti coinvolte e con il supporto delle famiglie, ce la faremo ad arrivare alla fine dell’anno scolastico, momento in cui faremo il punto della situazione».

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Aleksandar88 1 mese fa su tio
Apparte il cibo crudo, la garza negli gnocchi e due settimane fa anche della plastica nel cibo, il problema più grande è che i bambini tornano a casa dopo la scuola e già dalla porta dicono che hanno fame!!!!

Zio-Pino 1 mese fa su tio
Mi chiedo: queste 100 firme raccolte non potevano essere consegnate al Municipio in forma di reclamo, senza coinvolgere la stampa? Chi ha voluto questo ha cercato visibilità. La mamma promotrice, perché non dice nome e cognome? Tutto questo agire "puzza" maledettamente di campagna politica contro un partito o partiti onde favorirne un altro.

vulpus 1 mese fa su tio
Risposta a Zio-Pino
L'unica questione politica che si vede in questa situazione è la dabbenaggine in un concorso mal concepito, finalizzato solo al prezzo "buono". Un concorso senza i dovuti airbag di protezione, che avrebbero permesso in un incarico del genere di rescindere il contratto con l'assuntore inadempiente, dopo un periodo di prova di almeno 6 mesi. E ora si vogliono salvare capra e cavoli, nella speranza che poi si cambi registro a giugno.

Equalizer 1 mese fa su tio
Risposta a Zio-Pino
Mi sembra che sei uno a cui piace mettere la polvere sotto il tappeto, le contestazioni odierne vengono dopo che era già stata notificata al municipio una situazione poco edificante, quindi se questi con intrallazzi vari hanno continuato facendo finta di niente anche le mamme hanno dovuto passare allo step successivo, ed eccole qua. Trovo che hanno fatto benissimo!

Voilà 1 mese fa su tio
Risposta a Zio-Pino
Il problema in questo Cantone è che le varie istituzioni se ne fregano delle reclamazioni, si muovono solo quando una situazione scandalosa diventa di dominio pubblico. E se si muovono solo per paura delle conseguenze elettorali, lo scandalo è doppiamente grave.

vulpus 1 mese fa su tio
Risposta a Equalizer
mi sa che hai sbagliato posizione.

Zio-Pino 1 mese fa su tio
Risposta a Equalizer
Si sbaglia di grosso! Io non ho nessun tappeto. Siicuramente lei ne ha molti!

Voilà 1 mese fa su tio
Risposta a vulpus
E successo qualche anno fa anche dalle nostre parti, quando appaltarono il trasporto dei ragazzi alle scuole media a una ditta meno cara, per poi ritrovarsi con vecchi autobus con cinture di sicurezza non funzionanti e altro. La doppia dabbenaggine è stata quella di cambiare azienda di trasporto quando il Cantone era azionista della precedente.

vulpus 1 mese fa su tio
Sembra che il sindaco metta la faccia sempre anche in altre occasioni. O è un sindaco fago tuto mi o ha una squadra da barabitt.Ma da quanto si legge in giro la capodicastero ha ancora la voglia di mettersi in lista nonostante i paciughi.

Zio-Pino 1 mese fa su tio
Risposta a vulpus
"Vulpus" ha rigiane al riguardo della capo dicastero. Ha sempre fatto e continua ancora a fare "paciughi". Sarebbe meglio che si ritiri e lasci il posto a una persona più competente e affidabile. Per quanto attiene al sindaco è normale che per correggere gli errori degli altri municipali, deve metterci la faccia.

Mike 1 mese fa su tio
Io sono del settore mi piacerebbe sapere il cv o provenienza dei cuochi !!! Mettete cuochi con certificato federale di capacità e vedete già il cambiamento!!

87 1 mese fa su tio
Obbligo di mensa all'asilo per 2 anni... Mensa facoltativa alle elementari. E pensare che negli altri 25 cantoni l'obbligo di mensa non esiste del tutto; l'obbligo è solo ticinese.

Equalizer 1 mese fa su tio
Risposta a 87
Già ma le scuole oltre Gottardo finiscono fra la 13 e le 14, te le vedi le mamme ticinesi ad accudire i loro figli TUTTO il pomeriggio? La maggior parte di loro andrebbe in tilt alla seconda settimana.

Voilà 1 mese fa su tio
Risposta a Equalizer
La maggior parte di loro lavora!

87 1 mese fa su tio
Risposta a Equalizer
Non è necessario obbligare la mensa per l'asilo se i genitori lavorano entrambi. Si può benissimo rendere facoltativa la mensa, come negli altri cantoni, e sarà utilizzata da chi ne avrà bisogno per lavorare o altro. Personalmente trovo inappropriato obbligare la mensa anche a quei bambini che avrebbero la fortuna di mangiare con i genitori (l'infanzia è breve).

87 1 mese fa su tio
Risposta a Voilà
Ciò non toglie che l'obbligo della mensa si può eliminare e dare facoltà di decidere ai genitori se ritengono necessario usufruire del servizio. Chi lavora a turni per esempio potrebbe vedere i figli solo sul momento del pranzo.

Zio-Pino 1 mese fa su tio
Mi chiedo perché si da la colpa al Sindaco! Ogni singolo municipale ha uno o più dicasteri. Il dicastero Educazione a cui sono allacciati la scuola dell'infanzia - elementari - Istituto scolastico e altro sono dirette dalla sola manicipale donna in seno al Municipio. Essa è anche Presidente della Commissione scolastica. A questo punto è lei che deve occuparsi della mensa scolastica e non incolpare il sindaco. Se essa non è competente a dirigere il dicastero lo lasci a municipali capaci. E poi in questa faccenda sicuramente è stata formentata dall'Associazione genitori, che da quando è nata ha sempre creato problemi amministrativi e di gestione a gran parte degli istituti scolastici. E come dice bene il lettore "CJ" che i ragazzi e le ragazze imparino a mangiare di tutto. E che le mamme la smettano di obbligare i propri figli a seguire un'alimentazione creata dai loro "studi alimentari" basate su teorie alternative, che alla fine vanno a creare solo danni ai bambini. Che ci siano delle lacune nei pasti, può darsi e all'ora che intervenga la capo dicastero e non incolpare il Sindaco. E poi.. il municipio è composto da 5 membri.

Voilà 1 mese fa su tio
Risposta a Zio-Pino
Sì, imparino anche a mangiare garze e polpettoni crudi!

Zio-Pino 1 mese fa su tio
Mi chiedo perché si da la colpa al Sindaco! Ogni singolo municipale ha uno o più dicasteri. Il dicastero Educazione a cui sono allacciati la scuola dell'infanzia - elementari - Istituto scolastico e altro sono dirette dalla sola manicipale donna in seno al Municipio. Essa è anche Presidente della Commissione scolastica. A questo punto è lei che deve occuparsi della mensa scolastica e non incolpare il sindaco. Se essa non è competente a dirigere il dicastero lo lasci a municipali capaci. E poi in questa faccenda sicuramente è stata dormentata dall'Associazione genitori, che da quando è nata ha sempre creato problemi amministrativi e di gestione a gran parte degli istituti scolastici. E come dice bene il lettore "CJ" che i ragauzi e le ragazzi imparino a mangiare di tutto. E che le mamme la smettano di obbligare i propri figli a seguire un'alimentazione creata dai loro "studi alimentari" basate su teorie alternative, che alla fine vanno a creare solo danni ai bambini. Che ci siano delle lacune nei pasti, può darsi e all'ora che intervenga la capo dicastero e non incolpare il Sindaco. E poi.. il municipio è composto da 5 membri.

Zio-Pino 1 mese fa su tio
Risposta a Zio-Pino
...è stata formentata dell'Associazione genitori....

Zio-Pino 1 mese fa su tio
Risposta a Zio-Pino
Mi chiedo perché si da la colpa al Sindaco! Ogni singolo municipale ha uno o più dicasteri. Il dicastero Educazione a cui sono allacciati la scuola dell'infanzia - elementari - Istituto scolastico e altro sono dirette dalla sola manicipale donna in seno al Municipio. Essa è anche Presidente della Commissione scolastica. A questo punto sarebbe lei che dovrebbe occuparsi della mensa scolastica e non incolpare il sindaco. Se essa non è competente a dirigere il dicastero lo lasci a municipali capaci. E poi in questa faccenda sicuramente è stata formentata dall'Associazione genitori, che da quando è nata ha sempre creato problemi amministrativi e di gestione a gran parte degli istituti scolastici. E come dice bene il lettore "CJ" che i ragazzi e le ragazze imparino a mangiare di tutto. E che le mamme la smettano di obbligare i propri figli a seguire un'alimentazione creata dai loro "studi alimentari" basate su teorie alternative, che alla fine vanno a creare solo danni ai bambini. Che ci siano delle lacune nei pasti può darsi e all'ora che intervenga la capo dicastero e non incolpare il Sindaco. E poi.. il municipio è composto da 5 membri.

Voilà 1 mese fa su tio
Risposta a Zio-Pino
Fomentata...

Pattipet 1 mese fa su tio
La mensa scolastica è un problema perenne. In ogni circondario vi sono problemi anche nel Luganese. Poi intervengono i genitori e cambia qualcosa ma non per sempre....

Piasial 1 mese fa su tio
Ancora una volta si specula sulla salute delle persone, ancor più grave quella dei bambini.

Panoramix il Druido 1 mese fa su tio
Un corpo estraneo nel cibo è già abbastanza grave; ma il polpettone mezzo crudo è uno scandalo. Si rischia un'intossicazione alimentare seria!

Voilà 1 mese fa su tio
Garza negli gnocchi? Altro che monitoraggio, il sindaco dovrebbe mangiare ogni giorno in quella mensa, ma forse gli da schifo...

Pattipet 1 mese fa su tio
Risposta a Voilà
penso anche io che dovrebbero mangiar in quella mensa, il fatto è che se solo sanno che arriva qualcuno di "importante" tutto cambia (almeno x quel giorno)

flame 1 mese fa su tio
Obbligo di mensa... e il servizio è offerto tramite catering... Ci sono molti asili ancora oggi che non offrono la mensa, nonostante sia "obbligatoria". Mah. Dopo la garza, persino un happy meal ogni giorno sarebbe meglio xD

CJ 1 mese fa su tio
Il sindaco mi sa non vuole propio essere rieletto 😬….. inviperirsi i genitori dei bambini per un risparmio modesto ( privatizzando la mensa ) non dimostra molto fiuto politico ….

don lurio 1 mese fa su tio
Come possibile oggi avere una mensa scolastica. Dovrebbero mangiare quanto imparato a casa. Non vegetariani, non vegani, ecc... ecc..>>>> Mac Donald forse meglio. Vergogna insegnate a mangiare di tutto- Perché no… un gruppo di mamme / papa a volontariato che si intercalano a fare cucina con uno cuoco

CJ 1 mese fa su tio
Risposta a don lurio
Fino all’anno scorso era gestito dal comune cone un po’ in tutti i comuni del ticino o quasi … poi hanno deciso che si poteva risparmiare dandolo in mano ai privati … io non discuto che i privati possano gestire bene una mensa ma costa pure una gestione privata se fatta bene … quindi il santo non vale la pena …se invece ci guadagni molto da qualche parte devono risparmiare e dove rispiarmi ? Sul Personale facendo girare gente in continuo … ecco per me un comune che vuole risparmiare 150k se ricordo bene i numeri inviperendo i genitori onestamente non ha un gran fiuto …

Voilà 1 mese fa su tio
Risposta a don lurio
Già, dovrebbero imparare a mangiare anche le garze...

bradipo 1 mese fa su tio
Risposta a don lurio
Quindi scelte alimentari e eventuali intolleranze non dovrebbero essere tollerate dalle nostre autorità? Da buon onnivoro e allevatore hobbista, ho sempre detestato chi giudica le mia scelte, ma mai mi permetterei dil voler imporre agli altri le mie abitudini....

Lukas82 1 mese fa su tio
Che belli i tempi del asilo con le cuoche e cuochi che cucinavano cibo fresco e interagivano con noi. I tempi cambiano, e purtroppo bisogna adattarsi.

Pattipet 1 mese fa su tio
Risposta a Lukas82
adattarsi va bene, ma mangiando in modo decente e non cosi anche dove andava mia figlia a scuola vi erano problemi e poi ha deciso che chi cucinava per le scuole dell'infanzia avrebbe dovuto cucinare anche per le elementari ed è andata molto meglio

CJ 1 mese fa su tio
Quando un municipio e un sindaco vuole risparmiare sulla mensa scolastica dandola in mano ai privati questo è il risultato … penso sia uno dei pochi comuni in ticino che ha privatizzato la mensa scolastica …. La giustificazione costava troppo allora facciano un bel concorso dove dei privati si fanno la guerra per prenderlo col offerta più bassa … risultato questo ….

TheOsage 1 mese fa su tio
Ma la domanda è: costa davvero di meno una ditta di catering che fa 300 pasti al giorno (che anche a stare stretti almeno 4/5.- fr. a porzione li prenderanno) che un cuoco ed un aiuto cuoco e l'acquisto delle materie prime da cucinare?

bledsoe 1 mese fa su tio
Risposta a TheOsage
Dimenticate qualche piccolo cavillo burocratico: chi si prende la responsabilità, l'onere della pianificazione, la licenza di destra e sinistra, chi controlla e seleziona i fornitori, chi controlla la merce. E se una volta la merce fosse scadente e saltasse fuori che il venditore è il cugino del suocero dell'assistente del sindaco vi immaginate che "catanai" che salta fuori? Son finiti i tempi del pragmatismo e dell'intelligenza, questi sono i tempi di avvocati, auditor e certificatori...

TheOsage 1 mese fa su tio
Risposta a bledsoe
Strano altri comuni ci riescono, almeno qui nel mendrisiotto, soprattutto all'asilo, quindi con bambini ancora più piccoli. E sono riusciti a ovviare a tutte le problematiche di cui fai la lista. Quindi davvero scusami ma il tuo è un non problema, visto che si può star male anche con un pranzo del catering.

Equalizer 1 mese fa su tio
Risposta a bledsoe
Poi se non ricordo male una mensa c'era nel Gambarogno, è stata chiusa a favore di servizi esterni.

Rigel 1 mese fa su tio
Risposta a TheOsage
stavo pensando alla stessa cosa. Non è che nessuno ha una mensa funzionante.

lilla71 1 mese fa su tio
Spendono a favore dei zuchitt con un porto che non era da fare e per la gente del posto si tira la cinghia ?!

Dylan Dog 1 mese fa su tio
Ma perché i ristoranti della zona non si organizzano? 300 coperti dono un bel guadagno, possibile che non si possa organizzare dei turni di lavoro e rinunciare al giorno di chiusura?

bledsoe 1 mese fa su tio
Risposta a Dylan Dog
Non sono sicuro che sia così un bel guadagno: su 300 pasti ce ne saranno un 10% diversi per svariate ragioni (credenze, allergie, intolleranze, etc), che oltre a complicare la pianificazione, creano costi maggiori. Il rischio di problemi è pure da mettere sulla bilancia: un cliente scontento si limita spesso a quello; una mamma scontenta rischia di tirarsene dietro una bella massa con polemiche amplificate.

orsogrizzly 1 mese fa su tio
Boh, forse sarebbe meglio senza pasti per un po' di tempo, che rischiare di mangiare garze...

bradipo 1 mese fa su tio
Misure di risparmio, tagli, agevolazioni fiscali discutibili e corsa alla privatizzazione di parecchi servizi (quasi sempre accettati dai votanti) e ci stupiamo dell'incremento dei risultati... Mah!

Rigel 1 mese fa su tio
Risposta a bradipo
Su questo ti do ragione: vogliamo pagare meno tasse, diminuire il servizio pubblico... ma guai se poi se qualcosa non funziona. La solita storia della botte piena e la moglie ubriaca.

Rosso Blu 1 mese fa su tio
Il bello di oggi è che non si è mai contenti.

Rigel 1 mese fa su tio
Risposta a Rosso Blu
Mi sembra che servire polpettone crudo o cibo a cui si è allergico sia abbastanza grave da richiedere un provvedimento. Non è una lamentela da viziati

vulpus 1 mese fa su tio
Volere è potere dicono. Le soluzioni si possono trovare , anche senza la cartina di tornasole degli esercizi pubblici. Va bene monitorare, ma il monitoraggio va avanti da settembre. Un contratto di questo genere comporta anche delle misure se inadempiente , e questo oramai lo è.

Pinky 1 mese fa su tio
Bisogna battere il chiodo finché é caldo....intervenire subito e non aspettare fino a giugno che ora di lá possono succedere ancora tante cose. Ci vuole tanto mettere dei cuochi nella mensa e cucinare fresco sul momento? Ce ne di gente in disoccupazione che vorrebbe lavorare come si deve!

Boh! 1 mese fa su tio
Risposta a Pinky
Ripeto…. come se fosse così semplice…

Rigel 1 mese fa su tio
Risposta a Boh!
capisco che ci voglia tempo. Capisco ch bisogna sedersine pianificare. Ma pf spiegami perchè non si può iniziare ora a pensare di assumere due cuochi o quello che ci vuole per occuparsi della refezione.

Aaahhh 1 mese fa su tio
Sembra semplice ma non lo è… più menu ogni giorno chi Vegan chi intollerante a chi questo non piace ecc ecc

Chissà 1 mese fa su tio
🥺🥺🤣🤣

Meck1970 1 mese fa su tio
investite in una mensa e date lavoro alla gente del Gambarogno ........

Boh! 1 mese fa su tio
Risposta a Meck1970
…come se fosse così semplice…

Pocahontas 1 mese fa su tio
Risposta a Boh!
Beh...stanziano milioni per cose nettamente più inutili e meno urgenti!!!
NOTIZIE PIÙ LETTE