Cerca e trova immobili

CANTONETutti i numeri della stagione estiva di caccia al cinghiale in Ticino

08.08.23 - 09:37
Il maggior numero di abbattimenti nel Luganese, e a settembre si riparte con la venazione in altura.
Depositphotos (johan10)
Tutti i numeri della stagione estiva di caccia al cinghiale in Ticino
Il maggior numero di abbattimenti nel Luganese, e a settembre si riparte con la venazione in altura.

BELLINZONA - 880 cacciatori per 1'100 prede, è questo il bilancio della stagione della caccia estiva al cinghiale, aperta il 2 giugno e conclusasi lo scorso lunedì 31 luglio. Come confermato dal dipartimento del territorio il distretto con più abbattimenti è stato il Luganese (556), seguito dal Locarnese (234), Mendrisiotto (173), Bellinzonese (100) e Riviera (27).

Il periodo venatorio, spiega il DT, «è stato introdotto per la prima volta quest’anno con lo scopo di cercare di contenere ulteriormente la popolazione dei cinghiali prima che molti individui possano causare gravi danni alle coltivazioni agricole e alle proprietà private. In secondo luogo la riduzione degli effettivi di questa specie rientra nelle misure preventive contro una potenziale epidemia di peste suina africana, il cui virus è ben diffuso nella vicina penisola italiana».

La caccia si è svolta nei mesi di giugno e luglio su quasi tutto il territorio cantonale, esclusi i distretti di Blenio, Leventina e Vallemaggia, con modalità differenti, nel rispetto delle normative federali. «In ottemperanza agli obbiettivi gestionali, la pressione venatoria su questa specie deve rimanere elevata», conferma il Dipartimento.

A breve, viene ricordato, partirà la stagione di caccia alta durante la quale sarà possibile cacciare il cinghiale (oltre che il cervo, il capriolo e il camoscio) dal 2 al 16 e dal 22 al 26 settembre 2023.

Un’ulteriore fase di caccia è prevista, come consuetudine, nel periodo tardo autunnale/invernale tra il 18 novembre 2023 e il 21 gennaio 2024 limitatamente ai giorni di sabato, domenica e mercoledì. 

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Anna 74 10 mesi fa su tio
Voil grazie mille per l'informazione

Anna 74 10 mesi fa su tio
F/A-19 sarebbe meglio che tu imparassi a a leggere perché si legge molto bene

F/A-19 10 mesi fa su tio
Risposta a Anna 74
Ah ok, comunque in italiano si dice: sarebbe meglio se non ci fosse più la caccia. Tutto li.

Anna 74 10 mesi fa su tio
Risposta a F/A-19
ok

Anna 74 10 mesi fa su tio
sarebbe meglio che non ci sarebbe più la caccia

F/A-19 10 mesi fa su tio
Risposta a Anna 74
Sarebbe anche bello se tu imparassi a scrivere correttamente, non ti si può leggere!

Voilà 10 mesi fa su tio
Risposta a Anna 74
Anna 74, se non ci fosse più la caccia sarebbe un disastro anche per gli animali, per via delle malattie. A Ginevra l'hanno proibita ma chiamano dei guardacaccia francesi per contenerne il numero.

chiodone50 10 mesi fa su tio
non capisco il perché della caccia autunnale / invernale ( cassetta ? ) non sarebbe più semplice allungare la stagione di caccia alta e eventualmente aumentare il numero di capi cacciabili ? ci sarà una spiegazione qualcuno può illustrarmela ? grazie

tibex 10 mesi fa su tio
Risposta a chiodone50
caccia invernale al cinghiale perché il bosco è spoglio e quindi le condizioni di visibilità sono nettamente migliori, facilitando il contenimento della specie. Caccia tardo autunnale al cervo aperta solo a giovani e capi di sesso femminile per equilibrare il rapporto di sesso e età, in base alle catture di settembre e con un numero massimo in base alla zona di caccia. Inoltre viene svolta dopo la migrazione autunnale dei cervi e solo sotto un dato limite altimetrico, dove vi è una maggiore concentrazione durante l'inverno.
NOTIZIE PIÙ LETTE