CANTONE / SVIZZERALa multicrisi alimenta i pensieri suicidi tra i giovani: «Sono raddoppiati»

25.01.23 - 06:30
Numeri allarmanti in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il direttore di Pro Juventute Ticino, Ilario Lodi.
Deposit / Pro Juventute
La multicrisi alimenta i pensieri suicidi tra i giovani: «Sono raddoppiati»
Numeri allarmanti in Svizzera. Ne abbiamo parlato con il direttore di Pro Juventute Ticino, Ilario Lodi.

BELLINZONA - Pro Juventute lancia l’allarme. Le consultazioni giornaliere per i pensieri suicidi tra bambini e adolescenti svizzeri sono infatti raddoppiate (passando da 3-4 a 7-8 al giorno) rispetto a prima della pandemia. E oltre al suicidio sono in forte aumento anche le richieste d’aiuto per attacchi d’ansia, disturbi alimentari e autolesionismo.

Pro Juventute

A pesare sulla salute psichica dei più giovani non è però stato solo il coronavirus. All’origine dell’aumento dei disagi vi è infatti la cosiddetta multicrisi. Ma in cosa consiste? E da quali fattori (oltre a quelli pandemici) è provocata? Ne abbiamo parlato con il direttore di Pro Juventute Ticino Ilario Lodi, al quale abbiamo pure chiesto come è la situazione nel nostro cantone. «Il quadro non è roseo», ammette, precisando - senza fornire cifre esatte - che «anche i giovani ticinesi sono afflitti dalle stesse problematiche che vivono i loro coetanei nel resto della Svizzera».

Tre fattori principali
Ma partiamo con i tre fattori che hanno maggiormente influito nel deterioramento delle condizioni psichiche dei giovani. Provocando un'autentica esplosione delle richieste di aiuto al team di consulenza della Fondazione (vedi box). «La pandemia, la crisi climatica e la guerra in Ucraina - elenca il direttore di Pro Juventute - hanno generato un clima d'incertezza che è andato a colpire i bambini e i giovani in una fase particolarmente vulnerabile della loro vita provocando effetti psicologici ed educativi che preoccupano molto profondamente».

«Non solo pensieri»
Ma il 2022 non è stato «da record» solo per i pensieri suicidi. Spesso, infatti, Pro Juventute ha dovuto allertare i partner sanitari e la polizia per impedire che dalle parole i giovani passassero ai fatti. «Lo scorso anno è successo ben 161 volte», sottolinea Lodi, precisando che il dato è quasi triplicato rispetto al 2019 (allora erano 57). «Anche gli ospedali psichiatrici del Paese, in particolare quelli di Berna e Zurigo, hanno riscontrato un aumento del 50% dei minorenni che sono stati assistiti in una situazione di emergenza».

«Trasformare l'emergenza in opportunità»
Dati inquietanti, quelli riportati dalla Fondazione e confermati anche dalle autorità federali, che necessitano di soluzioni immediate a livello nazionale. «Il problema riguarda ormai tutta la società e non è più soltanto individuale», sottolinea Lodi precisando che è giunto il tempo d'investire «massicciamente» sul sostegno alle politiche familiari e sui temi dell'infanzia e della gioventù sia in ambito extra-scolastico che lavorativo. «Dobbiamo trasformare questa situazione d'emergenza in un'opportunità d'investimento a medio-lungo termine».

147.ch è il team di consulenza di Pro Juventute che sostiene «gratuitamente» e «in maniera confidenziale» tutti i giovani che hanno «dubbi» e «problemi». Il servizio, raggiungibile 24 ore su 24, è disponibile via chat, telefono, SMS oppure tramite email.

COMMENTI
 
Tracy 1 sett fa su tio
Smettiamo di dire che è il clima e le guerre che ci sono sempre stati e cominciamo nel dire che è stata la gestione della pandemia invece che ha causa nel mondo la miseria, la disperazione, la sofferenza di milioni di persone. La pandemia ha privato la gente del proprio lavoro, della propria libertà e della nostra salute. Il peggio è che ha messo in pericolo la vita dei nostri figli. Questi giorni, tantissimi rapporti sono stati pubblicati e sono abbastanza per riempire una biblioteca. Chiusure delle scuole, misure di confinamento, mascherine, assenza di contatti diretti, servizi di salute mentali perturbati. Tutto questo ha aumentato notevolmente i problemi psicologici nella società (la rabbia, la depressione, l’ansia, molti con pensieri suicidi. Tragicamente dei bambini hanno perso anni si sviluppo educativi e sociali che le condizioneranno per il resto della loro vita. Praticamente i nostri diritti fondamentali sono stati calpestati . In pratica, la nostra libertà e la nostra salute è nelle mani da tecnocratici e delle big- pharma mettendo un bavaglio sulle bocche di chiunque esprime una voce contraria o un parere diverso sul vaccino. Oggi queste elite devono rendere i conti di tutto ciò, dopo 2 anni e mezzo ancora niente, non rispondono, si nascondono nella loro torre d’avorio. Si sono ritrovati a Davos dove possono pianificare la prossima pandemia come vogliono, protetti da poliziotti per evitare che chiunque possa chiedere loro informazioni in merito. La Signora VDL è introvabile quando la commissione chiede dei conti al riguardo. Cosa si sono detti con Pfizer a Davos sull’acquisto dei vaccini per 35 miliardi d’Euro, soldi di tutti noi? Nessuno lo sa. Tutti aspettano delle risposte compresa la corte dei conti. Questa è quello che si può dire con certezza oggi. Qui ci vorrebbe una bella dose di realtà altro che 4/5 dose di vaccini. Svegliatevi
Aka05 1 sett fa su tio
Un compagno di classe di mio figlio, allora dodicenne, si buttò dal ponte della città, probabilmente per colpa della situazione a casa ( separazione) . Capisco che ce l’hai contro i vaccini, ma le motivazioni possono essere purtroppo molteplici. Ah dimenticavo, era settembre 2019… tanto per…
Hatezov lll 1 sett fa su tio
Eccola l ossessionata! Il tuo livello di stu. Pidita,sta raggiungendo llivelli imbarazzanti! Speriamo che al prossimo giro,te ed i tuoi simili,spariate!!
Blackad 1 sett fa su tio
Non esiste solo la pandemia al mondo, consiglio di fare una pausa caffè 😉
Mattiatr 1 sett fa su tio
@Tracy sulla prima parte sono d'accordo, ci sono state problematiche sociali evidenti per tutta la fascia giovane della popolazione in seguito alle misure anti pandemiche. Qualcosina è uscito e sono riuscito a leggerlo, ora bisognerebbe lavorare per un rinormalizzare la situazione, il problema è come (eviterei di risolverla con qualche baggianata alla bonus psicologo).¶ La seconda parte invece, scusa se mi permetto, è un mix di baggianate. Non c'è nessun complotto delle big pharma che anzi, creando un vaccino in tempi record ci hanno parato il c*lo non poco. Io noto di più una classe politica che appena ha visto la possibilità di ottenere un po' più potere del solito ci si è tuffata, Gobbi avrà ancora il sorriso per aver dovuto chiamare l'esercito nella prima fase (fantasie soddisfatte). Inoltre ci sono stati una marea di personalismi, gente che saltava fuori con opinioni improbabili, previsioni di morti, .... La classe politica non è stata in grado di vedere l'ovvio, cioè che i giovani poco erano toccati dalla malattia, malgrado ciò hanno adottato restrizioni pure su di loro con motivazioni talvolta fantasiose. Nessuno è stato in grado di dire che purtroppo i morti in una pandemia sono inevitabili (difatti non li abbiamo evitati) e che bisognava valutare altro oltre alla statistica dei contagi (questo a livello mondiale, non solo svizzero). A livello europeo in particolare c'è stata una perdita di lucidità generalizzata, per fortuna almeno da noi le politiche adottate sono state tutto sommato poco invasive e buone (difatti paghiamo meno gli effetti post crisi). Su questo bisogna fare i complimenti alla regia federale che tutto sommato ha lavorato meglio dei nostri vicini e che avrebbe potuto fare molto peggio.
Tracy 1 sett fa su tio
@Mattiatr, Io non ho mai detto che il vaccino non è servito, molto probabilmente è stato utile nelle persone anziane o con tante patologie, conosco anche pazienti alle quali non è stato consigliato perchè troppo compromesse. Noi in Svizzera dove la popolazione è stata vaccinata al 70% con una dose sta meglio che p.es. la vicina Italia a livello dei decessi. In Africa dove la popolazione non é stata vaccinata contro il Covid non hanno praticamente casi. Chiaro che sarà molto difficile avere dei dati chiari visto che le popolazione hanno vaccinato in momenti diversi e con vaccini diversi. E importante ricordare che in Gennaio del 2022 una notizia della TSR aveva ufficializzato quello che fino ad allora avevamo a malapena osato dire pubblicamente, senza apparire complottista, e cioè che i medici curanti venivano colpevolizzati, redarguiti, anche minacciati di sanzione, (in quasi tutti i cantoni della Svizzera dall'inizio della pandemia, per aver tentato – in tutta coscienza – di alleviare e aiutare i propri pazienti con noti farmaci, accusati dall'ufficialità scientifica di non “ridurre la mortalità o sovraccaricare gli ospedali". A priori di irresponsabilità dei medici curanti. Non ci sarebbe stata alcuna cura possibile per il covid fino a quando non ci fosse stato un vaccino. Pertanto, qualsiasi medico curante che affermasse di offrire sollievo o cura ai suoi pazienti non poteva che essere disonesto e irresponsabile e dovrebbe essere sanzionato o almeno minacciato di sanzione. Ricordate un anno fa, la persona messa in isolamento dopo un test positivo riceveva questa missiva ufficiale “simpatica”, con il seguente passaggio: “Ti consigliamo di informare il tuo medico della tua situazione. Se il tuo stato di salute dovesse peggiorare , ti preghiamo di contattarlo senza indugio o di chiamare il call center per i medici di guardia al n……… oppure troverete tutte le informazioni utili e i comportamenti da adottare durante il periodo di isolamento a questo indirizzo……... Il team responsabile delle indagini di contatto può essere contattato anche al ………Come si è potuto essere così privi di umanità? dopo aver soppresso la fiducia che avevi nel tuo medico di base che eri invitato a "informare", non a consultare, il quale, a quanto pare, non ha il senso delle proprie responsabilità poiché potrebbe rischiare di cercare di aiutarti somministrandoti una cura che conosce bene da anni, ma che era dichiarato inutile o addirittura pericoloso, è meglio che tu rischiavi di curiosare su internet per vedere cosa si dovrebbe fare e poi se ti senti davvero male?? A me pare che questa politica sanitaria era incompatibile con la medicina umana ed é fondamentale non dimenticare questo dato appunto per evitare che ciò possa avvenire in futuro visto che l'UE parla già di nuove pandemia in arrivo
Tracy 1 sett fa su tio
@Hatezov III, fatti un esame di coscienza che quello che scrivi è conforme al tuo Nickname
Tracy 1 sett fa su tio
@Aka05, certo purtroppo i suicidi sono sempre esistiti e esisteranno sempre. Purtroppo è scritto sopra, se hai letto tutto l'articolo, che sono notevolmente aumentati durante la pandemia. Lo scorso anno è successo ben 161 volte, precisando che il dato è quasi triplicato rispetto al 2019 (allora erano 57). «Anche gli ospedali psichiatrici del Paese, in particolare quelli di Berna e Zurigo, hanno riscontrato un aumento del 50% dei minorenni che sono stati assistiti in una situazione di emergenza» quindi?
Hatezov lll 1 sett fa su tio
Prova a digitare morti covid Africa in Google! Giusto per renderti conto delle putt.ana.te che scrivi!
koseidon 1 sett fa su tio
Domanda : ma chi mette in testa ai bambini il tema , la possibiltà che ci si possa suicidare ?
Hatezov lll 1 sett fa su tio
Povera Svizzera! Devastata dalla sinistra!
Geni986 1 sett fa su tio
Sì perché la destra è particolarmente nota per un'accentuata attenzione al benessere del lavoratore, una spiccata sensibilità sulle tematiche familiari e un indiscusso apporto alle casse statali per l'applicazione delle politiche di sostegno alle persone in difficoltà.
Pensopositivo 1 sett fa su tio
Argomenti Hazetov non solo frasi ad effetto...
Hatezov lll 1 sett fa su tio
Certo! Ma non può farlo perché la maggioranza effettiva è di sinistra!
koseidon 1 sett fa su tio
Tre fattori principali: Pandemia: responsabilità e conduzione della crisi in CH: Berset, noto sinistro. Crisi climatica: Crisi guidata dai i movimenti di sinistra (crisi e pensieri apocalittici ancora da confermare) Guerra in Ucraina: guerra scatenata dalla nota madrepatria dei sinistri.
Bilbo 1 sett fa su tio
Certo date un telefono ad un bambino e potrà guardare contenuti 🚫 ai 18, leggere commenti fuori luogo e farsi un immagine del mondo completamente sbagliata perche non ha ancora imparato i principi della vita, semplice
NOTIZIE PIÙ LETTE