Immobili
Veicoli

UCRAINA/TICINOZelensky a Lugano? «Non so se ci saremo»

11.04.22 - 16:18
Per l'estate è in programma la Conferenza per le riforme dell'Ucraina, ma «attualmente è difficile fare previsioni».
tipress
Fonte ats akr
Zelensky a Lugano? «Non so se ci saremo»
Per l'estate è in programma la Conferenza per le riforme dell'Ucraina, ma «attualmente è difficile fare previsioni».
Così Olga Stefanishyna, vice premier ucraino e ministro per l'integrazione euro atlantica sull'evento che avrà luogo il 4-5 luglio.

KIEV/LUGANO - Il 4-5 luglio a Lugano è in programma la Conferenza per le riforme dell'Ucraina. La Svizzera vuole mettere a disposizione dell'Ucraina il know-how, l'impegno e la posizione unica di Paese europeo neutrale che non è membro dell'Ue e della Nato.

L'Ucraina sarà una Svizzera dell'Europa orientale o, come ha detto di recente Zelensky, un grande Israele? «La nostra sensazione è che oltre che essere coinvolta nella guerra, l'Ucraina sia a un punto di svolta, in questo senso positivo, in molte trasformazioni e riforme e che il mondo si stia sostanzialmente aggiornando - risponde all'agenzia di stampa italiana Adnkronos Olga Stefanishyna, vice premier ucraino e ministro per l'integrazione euro atlantica -. L'Ucraina non è un Paese che ha solo bisogno di essere sostenuto e aiutato. Ora noi siamo il Paese che sta dettando l'agenda. Pertanto sono sicura che l'Ucraina non diventerà né la Svizzera, né l'Israele dell'Europa orientale, l'Ucraina diventerà un paese che non avete mai visto prima. E questo sarà dove il centro dell'Europa nascerà».

«È importante capire che anche se un accordo bilaterale sarà firmato dal presidente dell'Ucraina e da quello della Federazione Russa, non significa che la Russia sparirà dai nostri confini - precisa - Questo è il criterio con cui stiamo negoziando: noi dobbiamo essere sicuri che questa guerra non si ripeta. Dalla guerra in Cecenia ad altri conflitti, la Russia è permanentemente coinvolta e in stato di guerra. Dunque a questo riguardo la neutralità fa parte delle negoziazioni bilaterali, ma nella consapevolezza di nuove possibili aggressioni».

Alla domanda sulla loro presenza a Lugano, il vice premier ha spiegato: «Spero che entro luglio la guerra sia finita. Confido che la supereremo con forza e poi faremo i road-show in ogni possibile conferenza per mobilitare le risorse e sostenere il mio Paese. Non so se saremo a Lugano, è davvero complicato dirlo adesso. La nostra filosofia è che continuiamo a pianificare, ma vista la situazione non diamo garanzie perché è assolutamente imprevedibile come si svilupperà la situazione. Abbiamo i nostri piani e ci stiamo assicurando che un giorno questa conferenza si svolgerà, sicuramente in Svizzera o ... in Ucraina», risponde.

A fine gennaio, prima dell'inizio dell'invasione militare russa, il presidente della Confederazione Ignazio Cassis ticinese aveva dichiarato che non vi sarà alcuna ripercussione delle attuali tensioni sulla quinta conferenza sulla riforma ucraina, che si terrà a Lugano nel mese di luglio, sempre che non ci sia un deterioramento verso un conflitto.

NOTIZIE PIÙ LETTE