Comune Bellinzona
CANTONE
15.10.2021 - 17:250

Cinque sindaci, un orizzonte unico

Progetto Ticino 2020: dialogo e collaborazione sono le parole chiave per le cinque maggiori città ticinesi

I sindaci di Bellinzona, Chiasso, Locarno e Mendrisio hanno (a titolo personale) pure sostenuto il progetto del nuovo Polo Sportivo degli Eventi di Lugano. «Siamo ormai una Città Ticino».

BELLINZONA - Dialogo e collaborazione continuano a caratterizzare i rapporti tra le cinque maggiori Città ticinesi. Oggi a Bellinzona si è tenuto un incontro tra i Sindaci di Bellinzona, Chiasso, Locarno, Lugano e Mendrisio che è stata l’occasione per fare il punto della situazione generale dei Comuni, con particolare riferimento al Progetto Ticino 2020. Un progetto definito «complesso», ma che nonostante «difficoltà tecniche e politiche» i cinque sindaci hanno deciso di approfondire. 

Sostegno per il PSE - A titolo personale, i Sindaci di Bellinzona, Chiasso, Locarno e Mendrisio hanno inoltre espresso sostegno al progetto del Polo sportivo e degli eventi (PSE), votazione popolare sulla quale i cittadini di Lugano dovranno esprimersi il prossimo 28 novembre.  «È un tassello fondamentale nella creazione in Ticino di una rete d'infrastrutture, impianti e servizi complementari, che la nuova rete di trasporto pubblico, dopo l’apertura della Galleria ferroviaria del Monte Ceneri, può oggi mettere in relazione tra loro in maniera ottimale e fare del nostro Cantone e dei suoi poli quella che ormai possiamo chiamare a pieno titolo “Città Ticino».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 mese fa su tio
Aggregazioni fallimentari , in quanto concepite da politici lontani mille miglia dalla realtà del paese. Territori monstre , non più gestibili, personale non preparato ed in esubero. Altro fallimento il trasporto pubblico: il cantone ha investito e fatto investire milioni: i mezzi sono praticamente mezzi vuoti, tranne le ore di punta, intasano le strade, inquinando non poco. Non parliamo dei treni, lunghissimi e vuoti. Srtade sempre più trafficate. ma dovè il trasferimento dal privato al pubblico? Se si vuole cambiare bisogna praticare altre strade.
loreen 1 mese fa su tio
ma magari chiudessero tutti i piccoli e futili comuni che ci costano un sacco di denaro per mantenere l'amico dell'amico o l'amante di turno.
Nmemo 1 mese fa su tio
In vena di protagonismi personali, sindaci che già arrancano quotidianamente se confrontati con i problemi locali, se ammettono che il Ticino sia una regione-città, con un colpo di pugna costituzionale, propongano di cancellare l’istituzione Comune. Quante poltrone, capi e capetti scomparirebbero. Quante facce impresentabili sarebbero offuscate, quanti soldi sarebbero risparmiati al contribuente.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 16:10:38 | 91.208.130.85