Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
52 min
Idroelettrico: Ticino e Vallese uniti per rafforzare la formazione
HYDRO Exploitation SA e AET hanno siglato un accordo di collaborazione che prevede scambi interaziendali
LUGANO
1 ora
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
CANTONE
1 ora
«È scattata la corsa ai rialzi dei salari dei capisezione?»
L'MPS chiede conto a Gobbi sugli scatti di classe annunciati dal Dipartimento dell'Istituzioni sull'onda del Territorio
BELLINZONA
1 ora
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
2 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Fallimenti, Ticino in controtendenza
In Svizzera sono in aumento, mentre nel nostro cantone sono in calo (-7%)
CANTONE
3 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
CANTONE / SVIZZERA
3 ore
Un problema tecnico affligge le FFS
Le Ferrovie sono confrontate con un disguido a livello nazionale (ma non in tutte le stazioni).
LUGANO
4 ore
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
LOCARNO
6 ore
Colpo di spugna alla Santa Chiara: disdetta all'ex direttrice e altri 3 medici
Tre allontanati con effetto immediato. Il quarto dovrà lasciare a fine anno. Contestate loro gravi manchevolezze
Massagno
6 ore
Per Elisa ci vogliono 18 milioni
L'edificio ha un valore di stima peritale di 18 milioni e mezzo
CANTONE
14.10.2021 - 08:040

Il Tribunale federale respinge il ricorso dell'AI sui termini d'attesa per aumentare la prestazione

La donna, patrocinata da Consulenza Giuridica Andicap, riporta una vittoria che fa giurisprudenza

Il nodo della lite era il termine d'attesa di 3 mesi per vedersi riconosciuto l'aumento dell'assegno grandi invalidi per minorenni. L'Ufficio assicurazione per l'invalidità del Canton Ticino interpretava la legge alla lettera, mentre Lucerna ha dato ragione alla madre del piccolo.

GIUBIASCO - È una di quelle sentenze in cui è il principio che conta ed è senza ombra di dubbio una vittoria importante per le famiglie con figli affetti da disabilità. Oggetto della lite, il termine d’attesa di 3 mesi a partire dal quale scatta l’aumento dell’assegno per grandi invalidi (AGI) per minorenni dell’AI. 

La richiesta di aiuto - Con sentenza del 27 settembre scorso, a Lucerna, la II Corte di diritto sociale del Tribunale federale ha dato ragione alla mamma di un bambino affetto da un disturbo congenito (il piccolo è nato nel dicembre 2014) dello spettro autistico. Nel giugno 2018 la madre inoltra richiesta all’Ufficio assicurazione per l’invalidità del Canton Ticino (UAI) per l’ottenimento di un AGI, una prestazione per coloro che hanno bisogno di aiuto negli atti ordinari della vita. Nella domanda si sottolinea come il bambino necessiti di un importante aiuto per il compimento di tutti gli atti ordinari della vita; ovvero per mangiare (dal gennaio 2016), per spostarsi/mantenere dei contatti sociali (da dicembre 2016), per vestirsi/svestirsi, per alzarsi/sedersi/coricarsi, per la cura del corpo, per fare i propri bisogni (da dicembre 2017), come pure abbisogni di una sorveglianza personale continua.

La strada del tribunale - La macchina burocratica si mette in moto. Nell’agosto 2019, sulla base anche di una serie di accertamenti medico-amministrativi, l’UAI riconosce al bambino un AGI di grado lieve dal 1. dicembre 2018 e dal 1. marzo 2019 di grado medio. Ad occuparsi della vicenda è anche il Tribunale delle assicurazioni del Canton Ticino che nel giugno 2020 riconosce all’assicurato un AGI di grado elevato dal 1. dicembre 2018. L’UAI si oppone e siamo alla decisione di Lucerna che dà ragione al bambino.

Attendendo l'aumento di prestazione - Ma è una vittoria anche per Consulenza giuridica andicap, servizio che ha patrocinato la madre e che proprio sulle età limite per poter ottenere queste prestazioni sta conducendo delle battaglie giuridiche importanti. «In generale per un aumento dell’assegno grandi invalidi o di una rendita - rileva Paolo Albergoni, giurista responsabile di Consulenza giuridica andicap - l’AI segue la regola che se c’è un peggioramento non si può da subito aumentare la prestazione, ma occorre attendere 3 mesi per vedere se il peggioramento perdura. L’AI interpretava questa nozione alla lettera anche per l’AGI minorenni, per il quale è necessario dimostrare che la necessità di aiuto è durata un anno, e i giudici federali hanno confermato che durante questo anno di attesa la necessità di aiuto non deve già essere della stessa intensità come alla fine di questo periodo. L’aumento del grado è possibile sin da subito, se a giustificarlo è il raggiungimento delle cosiddette età limite e non un vero e proprio peggioramento, in quanto il bambino già presenta da tempo una situazione di salute stabilizzata con delle importanti limitazioni». 

Lottando per dei limiti a misura di bambino - A monte della lotta per vedersi riconosciuto il diritto all’assegno, c’è poi la questione di queste età limite. «Per l’adulto è tutto più semplice - nota il giurista -, poiché si presuppone che sia in grado da solo di mangiare, vestirsi, coricarsi… per un bambino invece decisivo è stabilire a partire da quando, senza un problema di salute, è autonomo in tutto o in parte nello svolgere tali atti. Per ottenere l’AGI va sempre fatto il confronto con un bambino senza problemi di salute. Anni fa, proprio dal Tribunale federale, abbiamo ottenuto un abbassamento a 3 anni dell’età limite per l’atto dell’igiene personale. L’AI, invece, con direttiva federale fissava tale età limite a 6 anni». La sentenza più recente, pur non avendo lo stesso peso, stabilisce comunque l’aumento da subito dell’assegno. Una decisione che rappresenta ossigeno per molte famiglie.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-27 12:17:08 | 91.208.130.89