Tipress
Il rettore dell'USI Erez e, a destra, il direttore generale della SUPSI Franco Gervasoni
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
21 min
«Mafia gay», la Procura indaga per discriminazione
Pink Cross ha presentato una denuncia contro il direttore di una rivista residente a Lugano
LUGANO
14 ore
Chi ordinò la demolizione? L’inchiesta davanti al muro dei malintesi
Si allontana il reato di "abuso di autorità", mentre per ora rimane l’accusa ai Molinari di "violazione di domicilio"
BELLINZONA
15 ore
«Il sindaco è fan del PSE? Cosa intende fare per favorirlo?»
Scatta l'interpellanza. Mario Branda nel mirino dell'MPS per il suo sostegno al progetto del Polo Sportivo di Lugano
BREGAGLIA (GR)
16 ore
Scontro frontale a Castasegna: un ferito
L'incidente si è verificato sabato mattina nelle vicinanze del valico doganale
MENDRISIO
17 ore
Scuole comunali e spazi: «Qual è la situazione?»
Un'interrogazione del gruppo Lega / UDC / UDF chiede al Municipio lumi sul presente e il futuro
FOTO
CANTONE
18 ore
Premiato l'Osservatorio ambientale
Assegnato il Premio Möbius, che rende merito a una «bella storia digitale»
FOTO
LUGANO
19 ore
In piazza per dire "no" alle restrizioni anti-Covid
Una manifestazione indetta dagli Amici della Costituzione ha luogo oggi a Lugano
Novazzano
1 gior
Dopo la rapina, l'interrogazione: «Chiudere i valichi secondari di sera»
Lo scorso giovedì è stata effettuato un furto a mano armata in un distributore di benzina
CANTONE
1 gior
Nuova Legge sulla ristorazione: più la mandi giù, più torna Su...ter
In dirittura la nuova Lear che rivoluziona l'accesso alla gerenza: «Servono meno corsi e più solidità finanziaria»
CANTONE
1 gior
Certificato Covid elettronico di nuovo funzionante
«Certificato con firma non valida», è ciò che era apparso a molti, forse a tutti, i detentori del Covid-Pass digitale.
LOCARNO
1 gior
L'intenso anno vissuto dal PS di Locarno
Si è svolta ieri sera l'Assemblea ordinaria della sezione, con all'ordine del giorno anche il rinnovo delle cariche.
LUGANO
1 gior
Sanitari non vaccinati licenziati alla Moncucco, rifiutavano i test
«Chi non si sottopone al vaccino e nemmeno ai test non può lavorare in Clinica», così il direttore Christian Camponovo.
CANTONE
1 gior
Rissa alle Semine, c'è anche una denuncia in polizia
La conferma arriva dal Ministero Pubblico. A depositarla un giocatore finito per tre giorni in ospedale.
CANTONE
1 gior
Camera di commercio riunita in assemblea
La Cc-Ti ha tenuto oggi all'Espocentro la sua 104esima Assemblea generale ordinaria.
CANTONE
1 gior
«Preoccupati per il personale sanitario non vaccinato»
L'Associazione dei Comuni in ambito socio-sanitario lancia un grido d'allarme: «Proteggiamo chi è più vulnerabile».
CANTONE
1 gior
Si aprono oggi le porte dello Swiss Virtual Expo
Sono già diversi gli eventi in programma nelle prossime settimane
CANTONE
1 gior
Cinque sindaci, un orizzonte unico
Progetto Ticino 2020: dialogo e collaborazione sono le parole chiave per le cinque maggiori città ticinesi
CANTONE
22.09.2021 - 09:060

Certificato Covid negli atenei, Boas Erez: «Difficili e onerosi i controlli». Gervasoni: «Noi, in linea con l'Università di Basilea»

Da uno scambio di note interne emerge lo scetticismo del rettore dell'USI per la "via" imboccata dalla SUPSI

Ma il direttore generale Gervasoni difende la scelta: «La strategia di controlli a campione che intendiamo implementare è già stata adottata anche in altri Cantoni svizzeri». In particolare cita l'esempio basilese.

LUGANO - Ormai è chiaro non esiste una sola “ricetta” per tornare nelle aule universitarie. Eppure sta creando dibattito tra allievi e docenti la diversa strategia adottata da USI e SUPSI. Questa, si fa per dire, la "vexata quaestio"...

Tornano dunque le lezioni all’Università della Svizzera italiana, ma ripartono con la «regola dei due terzi» di occupazione delle aule, fatta propria dal rettore Boas Erez. Ma riparte anche l’attività di studio e ricerca alla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana, nelle cui sedi dal 20 settembre l’accesso soggiace invece all’obbligo del Certificato Covid. La SUPSI, ha spiegato in una comunicazione interna ai colleghi lo stesso direttore generale Franco Gervasoni, procederà «già a partire dalla prossima settimana con controlli regolari a campione, svolti dal personale adeguatamente formata nel rispetto della protezione della privacy».

Due atenei, due metodi. Ed è sulla difficoltà dei controlli che fa leva invece il rettore Boas Erez, che a sua volta per iscritto a tutti «i membri della comunità dell’Usi», difende la scelta dell’Usi di non aver scelto la via del Certificato Covid obbligatorio e dei conseguenti controlli. «Bisogna sottolineare che le università che avevano scelto questa via avevano in programma di effettuare i controlli a campione. Ora, l’Ufficio federale della salute pubblica (Ufsp) ha indicato ieri che (la mail del rettore dell’USI è stata inviata venerdì 17 settembre alle 12.05, ndr) questo non è compatibile con l’Ordinanza e che i controlli devono essere effettuati sistematicamente (“lückenlos”). È chiaro che i controlli sistematici sono difficili e onerosi da effettuare e a oggi non è chiaro come le nostre consorelle intendono procedere». A scanso d’equivoci, Erez sottolinea che «la scelta della regola dei due terzi non significa che non sosteniamo la campagna di vaccinazione, anzi». L’USI, annuncia il rettore, si sta infatti organizzando per aver delle unità vaccinali sui campus, a disposizione e senza appuntamento.

Fin qui i dubbi di Erez sulla fattibilità, e soprattutto la compatibilità con l’Ordinanza federale, di verificare a campione i Certificati Covid. Dubbi su cui lo stesso direttore generale della SUPSI prende posizione con Tio/20Minuti.

Ai collaboratori la direzione ha chiesto un'autodichiarazione e procederà, dalla prossima settima, «con controlli regolari a campione». Questa modalità è compatibile con i controlli sistematici che, ricordano all'Usi, sono richiesti dall'Ufsp?
«L’impossibilità di svolgere le proprie lezioni occupando solo i 2/3 delle aule, e la contemporanea volontà di riprendere la formazione di qualità in presenza hanno portato la Direzione della SUPSI a decidere l’introduzione dell’obbligo del certificato COVID. Quale misura di sicurezza complementare - prosegue Gervasoni - abbiamo deciso anche di mantenere per ora l’obbligo del porto della mascherina negli spazi interni, misura che abbiamo imparato a conoscere come elemento protettivo particolarmente efficace alla limitazione della diffusione del Covid. La strategia di controlli a campione che intendiamo implementare è già stata adottata anche in altri Cantoni svizzeri. In particolare l’Università di Basilea, cantone in cui si è considerata adeguata l’interpretazione dell’ordinanza federale di attuare controlli a campione del certificato Covid laddove vi è l’obbligo di porto della mascherina. I controlli all’interno della comunità accademica sono già iniziati ieri. Siamo costantemente in contatto con la competente autorità cantonale allo scopo di affinare il dispositivo di controlli e renderlo il più performante e sostenibile possibile, ritenuta la specificità del contesto universitario».

Dal 20 settembre vale per tutti i collaboratori SUPSI l'obbligo del Certificato Covid per accedere alle sedi. La richiesta non vale per gli studenti che seguono la Formazione continua per classi fino a 30 partecipanti (e occupazione massima dei due terzi della capienza delle aule). Qual è il primissimo bilancio da parte di SUPSI?
«Trarre bilanci a poco più di un giorno dall’introduzione dell’obbligo di certificato è prematuro. Tuttavia molte sono state le testimonianze interne positive, che hanno apprezzato il fatto di lavorare e studiare in spazi in cui vi è un minor rischio di diffusione dei contagi ritenuto l’obbligo di disporre di un certificato valido e il contemporaneo obbligo di portare la mascherina negli spazi interni. Eravamo e siamo tutt’oggi consapevoli dei disagi che ciò possa comportare, tuttavia per permettere un insegnamento di qualità in presenza e contribuire alla tutela della salute di collaboratori e studenti siamo convinti unitamente alla maggioranza delle altre istituzioni universitarie svizzere, di aver effettuato la scelta necessaria e opportuna come raccomandato da Swissuniversities».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
uriah heep 3 sett fa su tio
Marco 17 e Rettore Usi! Comunisti !!😩😩con questa mentalità non si va da nessuna parte , solo mettere zizzania e confusione ! Bravi !!
vulpus 3 sett fa su tio
Cari signori direttori. E se evitaste di duellare sulla questione? Non fate che creare confusione tra studenti e non. Questa gara a chi è il più bravo o il più permissivo non è pagante!
lollo68 3 sett fa su tio
Si vuole imporre un certificato quando uno studio americano ha dimostrato che i giovani maschi hanno 4 volte più probabilità di morire per il vaccino che per il Covid19! La Supsi vuole prendersi questa responsabilità? Perché uno studente sano deve fare il tampone ogni 48 ore? Non sono gli asintomatici che contagiano, ultimamente sono i vaccinati!
Güglielmo 3 sett fa su tio
ma il rettore dell'USI era quello che faceva l'avvocato del diavolo per i molinari dai.... Rettore dell'USI...........
Duca72 3 sett fa su tio
Discutere l’obbligo del certificato nei posti chiusi è una perdita di tempo, presto saranno obbligati per legge. Inutile parlare di libertà personali quando si è liberi di scegliere se vaccinarsi o meno , le conseguenze devono essere accettare per rispetto delle persone più deboli.
marco17 3 sett fa su tio
@Duca72 Inutile parlare di libertà personali con chi, come te, non sa nemmeno di che cosa sta parlando.
marco17 3 sett fa su tio
Contrariamente a quanto pensa l'autore dell'articolo esiste la ricetta giusta: sopprimere l'obbligo del vergognoso certificato sanitario! E complimenti al rettore dell'USI che ha saputo resistere all'iniqua introduzione dell'apartheid sanitario.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 09:53:56 | 91.208.130.86