Imago
La rabbia monta a pochi passi dal confine.
CONFINE
09.03.2021 - 11:210

Val Vigezzo rossa e inascoltata sui vaccini di massa

Il presidente dell'Unione Montana critica l'atteggiamento della Regione Piemonte e porta l'esempio di Viggiù.

«È la prova concreta che esistono Comuni di serie A e Comuni di serie B».

RE - «Abbiamo nuovamente sollecitato la Regione, ma senza alcun riscontro per ora. Di vaccinare tutta la popolazione non se ne parla». È critico Paolo Giovanola, presidente dell'Unione Montana Valle Vigezzo, l'ente che raggruppa i sette comuni della valle laterale dell'Ossola, che si trovano in zona rossa dal 27 febbraio.

La richiesta dei primi cittadini è rimasta, almeno per ora, inascoltata. Gli amministratori vigezzini evidenziano come la valle - 7'000 abitanti - «non sia stata ascoltata mentre in Lombardia, Viggiù, piccolo paese di 5'000 abitanti al confine con la Svizzera, sta diventando, dopo i contagi, il primo comune "covid-free"».

«È la prova concreta - spiegano - che esistono Comuni di serie A e Comuni di serie B e le soluzioni adottate per debellare il virus lo confermano».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-17 01:52:28 | 91.208.130.89