Ti-Press (archivio)
BRISSAGO
23.12.2020 - 11:050

Brissago difende il suo ufficio postale

Il Municipio non vede di buon occhio la trasformazione in filiale in partenariato e medita il ricorso alla PostCom.

«Non possiamo in particolare accettare la politica generale di riorganizzazione messa in atto da parte della Posta, che sfavorisce i Comuni periferici, la loro attrattività e conseguentemente lo sviluppo economico».

BRISSAGO - Brissago non vuole rinunciare al suo ufficio postale. La sua chiusura e la conseguente apertura di una filiale in partenariato è un'idea che non piace per nulla al Municipio del Comune Locarnese che potrebbe decidere di ricorrere alla Commissione federale delle Poste (PostCom).

La decisione dell'esecutivo è stata presa a seguito di un incontro con i rappresentanti della Posta tenutosi il 12 ottobre. «Abbiamo valutato attentamente l'ipotesi formulata e non possiamo che esprimere una posizione contrario», spiega il Municipio di Brissago in una nota. «Non possiamo in particolare accettare la politica generale di riorganizzazione messa in atto da parte della Posta, che sfavorisce i Comuni periferici, la loro attrattività e conseguentemente lo sviluppo economico. Per gli abitanti e i commercianti del paese la presenza di un ufficio postale assume una funzione centrale e irrinunciabile».

La soluzione proposta, quella dell'apertura di un'agenzia in partenariato, non piace per nulla al Municipio. «Riteniamo non soddisfi adeguatamente i criteri di un servizio pubblico che tale si possa ancora chiamare. I servizi offerti sono limitati e questa soluzione ribalta peraltro la responsabilità della prestazione sul partner privato o sull’ente comunale».

Il Municipio è inoltre «preoccupato» per gli attuali dipendenti e chiede alla Posta le «dovute garanzie di protezione» per gli attuali posti di lavoro presso la filiale di Brissago.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Equalizer 11 mesi fa su tio
Questi hanno gli attributi non come i municipali di Gordola, maledetti...
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-27 00:43:43 | 91.208.130.85