tipress
Un mezzo militare alla Carità.
CANTONE
09.12.2020 - 11:160

In corsia arrivano i rinforzi (militari)

Altri 18 militi alla Carità e alla Moncucco. «La situazione difficile durerà mesi»

BELLINZONA - Arrivano i rinforzi. Come in primavera. Il governo ticinese ha chiesto aiuto di nuovo all'esercito, che ha risposto inviando 18 militari in supporto alla clinica Moncucco e alla Carità di Locarno, per fronteggiare la seconda ondata. 

A renderlo noto è il Consiglio di Stato in un comunicato odierno. «La seconda ondata pandemica sta comportando una pressione elevata e prolungata sul sistema sanitario del nostro Cantone» si legge nella nota. Il carico di lavoro per il personale di cura è aumentato «in modo notevole» e la situazione potrebbe «protrarsi per diversi mesi». 

Per questo motivo l'Esercito ha dislocato altri 18 militi - oltre ai 12 già attualmente impiegati a Locarno - per rimpiazzare il personale assente (o in isolamento o in quarantena) e alleggerire i turni. I soldati rimarranno a disposizione per i prossimi 30 giorni. 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-22 19:37:02 | 91.208.130.85