tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / GRIGIONI
15 min
Dalla Mesolcina un'interrogazione per salvare le carte giornaliere
Anche il Granconsigliere retico Samuele Censi si oppone alla decisione di abolirle presa da Alliance Swisspass.
LUGANO
31 min
Nasce il movimento di chi si sente tradito… dalla Città
La piattaforma villaggitraditi.ch dedica il primo capitolo alla piscina di Carona e al controverso progetto di “glamping” 
CANTONE
43 min
76 nuovi contagi in Ticino, un decesso
8 i nuovi ricoveri e 4 i dimessi. Salgono gli ospedalizzati, oggi a quota 89.
LUGANO
3 ore
«Non stiamo contattando artisti, troppa incertezza»
Il Covid soffoca la cultura. Carmelo Rifici, direttore artistico del LAC: «Così non si possono fare pianificazioni».
CANTONE
4 ore
La pandemia in Ticino viaggia in Tesla
Le auto elettriche e ibride hanno raddoppiato le vendite negli ultimi mesi. Chi le acquista?
CANTONE
11 ore
Un'alternativa per l'autogestione? «Nel Luganese non c'è»
La risposta del Consiglio di Stato a un'interpellanza della Lega
CANTONE
12 ore
«Così possono vedere le parole e le emozioni»
Le mascherine trasparenti renderanno più semplice l'apprendimento per i ragazzi con problemi di udito.
CANTONE
13 ore
Una marea di volantini per ritrovare Penny
Dopo quattordici giorni, il cane è stato ritrovato. Ora si tratta di rimuovere tutti i manifesti
CANTONE
14 ore
«Sta fallendo più di un ristorante su cento»
I dati del Registro di commercio confermano una triste tendenza. Per Arioldi (Ire) il peggio potrebbe ancora venire
LUGANO
15 ore
Accoltellamento alla Manor, estesa l'accusa principale
Dal tentato omicidio si è passati al tentato assassinio.
CANTONE
01.12.2020 - 14:260

Covid: faccia a faccia tra il mondo culturale ticinese e Bertoli

Al centro del colloquio la difficile situazione in cui si trova il settore della cultura a causa della pandemia.

BELLINZONA - Un incontro (in videoconferenza) per discutere la difficile situazione in cui si trova il settore della cultura a causa della pandemia. È quanto tenutosi oggi tra il direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) Manuele Bertoli - accompagnato dalla direttrice della Divisione della cultura e degli studi universitari Raffaella Castagnola -, e una delegazione di rappresentanti del mondo culturale ticinese. Al centro del colloquio, anche l’applicazione dei nuovi aiuti federali e cantonali specifici per questo ambito.

Pesa il limite di 30 persone - In occasione dell’incontro, il consigliere di Stato ha potuto sentire dai diretti interessati il loro punto di vista sulla complessa situazione del settore, nonché sulle conseguenze particolarmente pesanti vissute dai suoi attori. Non vi è dubbio che i provvedimenti restrittivi adottati dalla Confederazione lo scorso 28 ottobre e dal Cantone il 10 novembre, necessari per contenere il contagio ed evitare il sovraccarico del sistema sanitario, hanno ulteriormente ristretto l’attività culturale ticinese. Pesa in particolare il limite massimo di 30 persone per gli spettacoli, misura ancora recentemente confermata dal Consiglio di Stato sino al 18 dicembre.

Ipotesi di intervento - L’incontro tenutosi oggi ha permesso un franco scambio di opinioni sulle difficoltà e sulle ipotesi di intervento a breve e medio periodo. Durante la discussione è emerso con chiarezza che, dopo le due ondate pandemiche di primavera e autunno e senza ancora sapere con ragionevole certezza quando finirà questa emergenza, il contesto culturale ha bisogno di sostegni particolari, necessari a superare un lungo e difficile periodo per tutte le espressioni artistiche.

Sostegni necessari - Il direttore del DECS, come del resto il Consiglio di Stato, si sono detti «ben consapevoli del fondamentale ruolo svolto dagli attori della scena culturale per il rafforzamento e la crescita sociale, identitaria, culturale ed economica del Ticino e della Svizzera di lingua italiana». Per questo il Canton Ticino ha contribuito da subito a garantire i necessari sostegni finanziari durante questo lungo e difficile periodo, mantenendo gli aiuti ordinari e, in concertazione con la Confederazione, garantendo gli aiuti specifici di settore, ai quali si aggiungono gli aiuti economici indirizzati a tutte le imprese economiche.

Tutte le domande inoltrate da operatori e organizzazioni culturali riferite agli aiuti specifici nella prima fase (aprile-settembre 2020) sono state evase. Un nuovo pacchetto federale di aiuti particolari è stato approvato dal Consiglio federale lo scorso 14 ottobre, dopo che in precedenza il Parlamento aveva approvato la legge federale COVID-19, e il DECS ha già pubblicato la nuova procedura che permette l’accesso ai nuovi finanziamenti della seconda ‘tranche’.

Maggiori informazioni su www.ti.ch/DECS/covidcultura.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Marcob 4 mesi fa su tio
Ma perché negli stadi c’è il limite di 30 persone e nei ristoranti degli stadi stessi ci sono 50 o più persone?
Lore61 4 mesi fa su tio
@Marcob ... Per non copiare... XD
#Cleo 4 mesi fa su tio
Concordo Bertoli🙄 via via, e grazie se lo fai co celerità 👍
Nano10 4 mesi fa su tio
Bertoli via via fo di ball come Ps e socialisti fate solo danno 😡
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-14 11:00:25 | 91.208.130.89