TiPress - foto d'archivio
CANTONE
30.11.2020 - 14:570

«No alle aperture straordinarie dei negozi in dicembre»

Lo chiede una lettera aperta indirizzata al Consiglio di Stato dal sindacato UNIA

BELLINZONA - Martedì 8 e domenica 13, 20 e 27 dicembre. In vista delle festività, seppur "straordinarie" a causa della pandemia di coronavirus, si valutano le solite aperture straordinarie dei negozi. In attesa di una decisione, è il sindacato UNIA a fare il primo passo, rivolgendosi direttamente al Governo: «Nel rispetto delle direttive sanitarie che chiedono di limitare i raggruppamenti e del personale già spremuto all'inverosimile, negozi e centri commerciali dovrebbero restare chiusi per almeno un giorno a settimana. Il sindacato chiede quindi di revocare tutte le autorizzazioni di aperture straordinarie domenicali e festive di dicembre».

In particolare, UNIA si fa paladino dei diritti del personale di negozi, costretto in alcuni casi a lavorare tutto il mese di dicembre con soli tre giorni liberi (6, 25 e 26) a causa dei «noti problemi di assenze per malattia e quarantene».

Il sindacato mette sotto gli occhi del Consiglio di Stato la situazione in negozi e centri commerciali: «i controlli alle entrate sono spariti, i numeri massimi per filiale non sono più rispettati, i semafori e altri sistemi di filtraggio sono soltanto un ricordo». E «non ci sono nemmeno i controlli».

Infine, una frecciatina per nulla velata: «Il personale è abbandonato a sé stesso, tanto "al lavoro non ci si ammala", come ripete il mantra padronale del Cantone. Come se sei persone attorno al tavolo di un ristorante o di una casa privata avessero più possibilità di contagiarsi che 60 in un negozio o 600 in un centro commerciale».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 10 mesi fa su tio
Quelli dell'UNIA sono gli unici al mondo che se prelevano 300'000 franchi dalla cassa pensione per acquistare una casa, non perdono un franco quando in pensione ci andranno. In quelle condizioni è facile chiedere l'impossibile una settimana si un'altra si. Hanno le "ciapett" al caldo e qualche cosa devono pur fare ;-((
Meck1970 10 mesi fa su tio
Poi il personale lo pagherà l'UNIA o chi vuole che si chiuda tutto.
Tato50 10 mesi fa su tio
@Meck1970 Ma come può uno dell'UNIA che guadagna solo 10'000 franchi al mese pagare il personale se non arriva a fine mese lui ? ;-)))
#Cleo 10 mesi fa su tio
io sono d'accordo che quest'anno visto la situazione le Domeniche dovrebbero rimanere chiusi i negozi e o centri commerciali, in più ho sentito che vogliono aprire i negozi o centri commerciali la Domenica 27 Dicembre, ma cosa c'entra il Natale è passato ma perché aprire i negozi basta. cosa non fa fare il dio denaro. Bisogna tutelare tutta la categoria di commesse, cassiere e tutto il personale nei centri .
Luca 68 10 mesi fa su tio
lasciamo chiuso, per una volta anche il personale può godersi le feste senza stress
Tato50 10 mesi fa su tio
@Luca 68 Massì dai, lasciamo a casa anche tutti quelli che lavorano a Natale e a Capodanno; le categorie sono tante ;-(
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 09:00:28 | 91.208.130.87