Tipress
Mauro Pini
AIROLO
29.10.2020 - 18:050

«Pronti a sciare da fine novembre»

La stagione bianca che verrà vista da Mauro Pini, direttore degli impianti di Airolo-Pesciüm

Il direttore della Valbianca fa il punto: «Per gli impianti di risalita la restrizione riguarda le distanze e la mascherina mentre si sta in coda. C'è invece più preoccupazione per tutto ciò che concerne l'après-ski dove sottostiamo a direttive in continua evoluzione».

AIROLO - È quasi sicuro che quest'inverno si tornerà a sciare in Ticino. Almeno questa è la convinzione di Mauro Pini, direttore della Valbianca Sa, che gestisce gli impianti di Airolo-Pesciüm. «Per il momento è un sì convinto - ha detto Pini ai microfoni di Radio Ticino. Aggiungendo però, forse a titolo scaramantico, che il Covid mantiene la situazione in divenire...

Sci sì, après... si vedrà - Le maggiori certezze si hanno per la pratica dello sci: «Per quanto riguarda gli impianti di risalita la restrizione concerne l'uso della mascherina e la distanza sociale quando gli sciatori stanno in coda. Abbiamo fatto dei collaudi durante l’estate e tutto ha funzionato benissimo». Il punto dolente tocca invece l’après-ski e il corollario dello svago a bordo pista: «Una stazione turistica comprende anche la gestione della gastronomia. Per ristoranti e ristori sottostiamo a un altro tipo di regime Covid, quindi sotto le direttive di GastroSuisse e GastroTicino. In questo ambito c’è maggiore preoccupazione per un evolversi della situazione quasi giornaliero. Ciò che comporta un adattamento continuo dei piani di protezione e gestione».

Il fondo in quota c'è - In conclusione, a preoccupare di meno è l’utilizzo degli impianti di risalita che, ha ricordato Pini, «sono parificati ai trasporti pubblici. Per quanto concerne la gestione degli après-ski vedremo. È troppo presto, purtroppo, per dire cosa succederà tra un paio di mesi».  Ma quando gli addetti ai lavori prevedono di avviare gli impianti? «Alla fine deciderà San Meteo - dice sorridendo Pini -. Ma l’idea è di aprire a fine novembre con i primi weekend e da dicembre regolarmente fino a Pasqua. Questa è l’intenzione. Poi dipenderà dal cielo. I primi segnali dell’autunno promettono bene. Dai 1800 metri in su ci sono già 30-40 centimetri di neve. Questo dovrebbe garantirci un buon fondo e poi vedremo». Tutti toccano ferro!

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 7 mesi fa su tio
È già qualcosa che il direttore immagini che qualche problema di rischio possa sussistere andando a infilarsi in una cabina per fare sport. È pura fantasia finalizzata alla cassa supporre “l’après-sci” a distanza sociale e minimizzando i rischi di contagio.
MrBlack 7 mesi fa su tio
Volete organizzare il dopo-sci? Ma Ischgl non vi ha insegnato nulla? A sentire certe affermazioni vien voglia di evitare Airolo quest’anno e farsi qualche km in più.
seo56 7 mesi fa su tio
Questi pensano solo al dio denaro..
Duca72 7 mesi fa su tio
Adesso spiegatemi perché non se ne può fare a meno ? In tutta Europa sono attenti a tutto e noi andiamo a sciare? Sarebbe ora di entrare in Europa forse molto spesso faremmo meglio .
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-15 03:10:09 | 91.208.130.85