Tipress
BELLINZONA
02.03.2020 - 06:430

A causa del coronavirus annullato il corteo di domenica 8 marzo, ma «la lotta femminile non si ferma»

Il collettivo femminista iolotto invita le donne a promuovere piccole iniziative di lotta e mobilitazione

BELLINZONA - Le disposizioni delle autorità federali per contenere la diffusione del coronavirus impongono il divieto di manifestazioni con una partecipazione superiore alle 1000 persone. Per questo le organizzazioni promotrici hanno deciso di annullare la manifestazione prevista l’8 marzo a partire dalle 14.00 a Bellinzona.

In questi ultimi anni la partecipazione alla manifestazione dell’8 marzo ha sfiorato il migliaio di persone e sull’onda dello sciopero del 14 giugno è realistico pensare che l’affluenza potesse superare questa cifra, fanno sapere le organizzatrici.

Nonostante queste disposizioni, la lotta delle donne non si ferma.

Il collettivo femminista iolotto invita quindi tutte le donne, come del resto avviene a livello nazionale, a promuovere piccole iniziative di lotta e di mobilitazione. «L’obiettivo è quello di disseminare il territorio delle nostre rivendicazioni, dando libero sfogo alla nostra creatività» si legge in un comunicato.

«Le discriminazioni contro le donne non si fermano la domenica, molte di noi sono attive in settori nei quali si lavora anche la domenica con salari bassi e condizioni di lavoro precarie, tutte noi svolgiamo il lavoro di cura e il lavoro domestico non retribuito anche la domenica, siamo vittime di violenze, molestie e soprusi anche la domenica. Per questo anche se l’8 marzo cade quest’anno di domenica sarà per noi una giornata di sciopero dal lavoro produttivo e da quello riproduttivo».

Il prossimo 8 marzo sarà quindi una nuova giornata di protesta e di sciopero. «Sciopereremo insieme contro tutte queste discriminazioni, sciopereremo per noi stesse, per i nostri diritti, ma non solo. Sciopereremo contro questo sistema e per trasformare in profondità la società, per costruire un movimento femminista capace di ripensare e sovvertire l’intera organizzazione economica e sociale» si legge sempre nel comunicato.

L’invito è quindi quello «di mobilitarsi in tutti i luoghi dove possibile, portare le nostre rivendicazioni in modo decentralizzato e far sentire la nostra voce».

Chi volesse partecipare alle azioni promosse dal collettivo iolotto l’appuntamento è alle 14.00 in stazione a Lugano da dove si partirà per una sorta di sciopero itinerante che toccherà alcuni luoghi simbolo delle discriminazioni delle donne.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-27 15:29:09 | 91.208.130.87