screenshot Telegram
Alcuni post recenti dal gruppo Ride Ticino
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
1 ora
«Prima calcolavamo solo i casi gravi, ora tutti»
Covid-19: numeri di nuovo in crescita. Ma pochi ospedalizzati. Perché? Il medico Christian Garzoni fa "chiarezza".
CANTONE
1 ora
Tutti in acqua in barba al Covid
Segnalazioni da Lugano, Bellinzona e Verzasca. I responsabili assicurano: «Nessun caso problematico. Monitoriamo sempre»
FOTO
CENTOVALLI
12 ore
Intragna, si scontra in curva con un camion
L'incidente è avvenuto attorno alle 18 di questo pomeriggio. Sul posto soccorsi e polizia
FOTO / VIDEO
MORBIO INFERIORE
13 ore
Il ramo si spezza e cade sulla strada
È accaduto questo pomeriggio in zona Balbio, a Morbio Inferiore
CANTONE
15 ore
«Non lasciamo soli gli allievi»
Il PS invita il DECS a prevedere doposcuola e corsi di recupero per gli allievi penalizzati dal lockdown
CANTONE
16 ore
Collettivo R-esistiamo: nei centri per migranti condizioni da «lager»
Il gruppo fa riferimento anche al caso di un ragazzo che si è gettato dal centro della Croce Rossa a Paradiso
CANTONE
16 ore
«Oltre 450 persone in isolamento in Ticino»
Il DSS fa il punto della situazione sull'evoluzione epidemiologica in Ticino del Covid-19
FOTO E VIDEO
TENERO-CONTRA
18 ore
Il cielo al posto della televisione
È stata presentata oggi l'innovativa struttura del Camping Tamaro Resort di Tenero.
LOSONE
19 ore
Scavando dietro i mucchi di una sabbia scomoda
Silo & Beton Melezza SA: i politici e (ex) funzionari cantonali che ruotano attorno alla famiglia Pinoja
MELIDE
20 ore
Confermato il Milan Junior Camp
Dopo il grande successo della scorsa stagione, i Rossoneri raddoppiano i turni
CANTONE
21 ore
I casi ticinesi tornano in doppia cifra
Non si verificavano così tante infezioni dal 21 maggio. Invariati i decessi che sono fermi a quota 350 dall'11 giugno.
CANTONE
06.02.2020 - 19:240
Aggiornamento : 23:05

Il gruppo anti-radar con 17mila furbetti: «Ma rischiamo qualcosa?»

I ticinesi si riversano in massa nelle community di Whatsapp e Telegram per sfuggire ai controlli di polizia. Ne abbiamo visitata una

LUGANO - Sembra una partita a guardie e ladri. «Poliziotto nascosto subito dopo la Verbanella a Minusio, in cima alla salita». «Poliziotto con pistola in autostrada, dopo l'aeroporto di Lodrino». I messaggi si susseguono senza sosta, nella chat. La Polizia ticinese non fa tempo ad allestire un posto di blocco, che tac: la notizia viene condivisa da migliaia di automobilisti. Corre da un capo all'altro del cantone, su un'infinità di telefonini che – in teoria – nessuno dovrebbe utilizzare al volante.

17mila iscritti - «Radar t21 dopo la galleria Mappomorettina Locarno». «Controllo Serocca d’Agno, strada principale». Basta scaricare l'app di Telegram, e iscriversi al gruppo “Segnalazioni Ticino”, per entrare nell'affascinante mondo degli internauti anti-radar. Siamo il numero 17073. I furbetti sono tantissimi, ed è solo uno dei tanti gruppi illegali creati, cancellati e ricreati sui social dagli automobilisti ticinesi per scambiarsi informazioni e sfuggire ai controlli di polizia.

Tre gruppi bloccati - Almeno tre gruppi, molto attivi fino a poco tempo fa – Radar e controlli Ticino, @Controlli e radar Ticino, Controlli e radar Ticino – sono stati soppressi nel mese di dicembre. Gli utenti hanno traslocato in blocco, e hanno ricominciato altrove a postare senza sosta. 

Le "retate" della polizia - Il gioco è vecchio come il mondo, del resto. Nel 2018 a una "retata" online della Polizia grigionese seguì una pioggia di multe salate – fino a 1000 franchi – per un centinaio di membri di un gruppo social. Nel canton Berna di recente 200 persone sono state denunciate al Ministero pubblico per lo stesso motivo. Nel gruppo ticinese tra i tanti messaggi – una trentina al giorno – per fortuna c'è anche chi esita. «Ma rischiamo qualcosa?» si chiede un utente.

«Diverse denunce in Ticino» - La risposta è sì. In Ticino le autorità non ci vanno leggere. «La segnalazione di controlli sia tramite i social media sia con metodi tradizionali, da parte di privati, è illegale» spiegano dal Comando della cantonale. «Siamo al corrente di queste pratiche». Le denunce sono fioccate anche a sud delle Alpi nei confronti di un numero non precisato di gestori e membri delle chat "pirata". Gli accertamenti, sottolinea la Polizia, «richiedono tuttavia molteplici sforzi a fronte di complessità di natura giurisdizionale e tecnica». 

Da Facebook a Telegram - Sì, perché i furbetti si fanno sempre più furbi. Abbandonato Facebook – con il famigerato gruppo “Radar Ticino” bloccato nel 2016 – sono migrati in blocco prima su Whatsapp e, più di recente, su Telegram. L'applicazione russa garantisce l'anonimato agli autori dei post, e non a caso è sempre più apprezzata da gruppi criminali e terroristi islamici.

Non solo radar - I gruppi «sono un problema per la sicurezza del territorio in generale» sottolineano dalla Cantonale, che monitora attentamente il fenomeno. «In molti casi i posti di blocco segnalati non hanno nulla a che vedere con controlli di velocità. Rendendoli pubblici si va a minare, ad esempio, l'efficacia di un dispositivo messo in atto a seguito di una rapina». 

Informazioni delicate - Nel gioco insomma i "ladri" potrebbero anche esserlo in senso letterale. Da chi non paga il biglietto sui mezzi pubblici – e segnala «controllori sugli Autopostali in zona Lamone Vezia Savosa» – a chi l'ha fatta più grossa ancora. E zitto zitto approfitta delle informazioni per farla franca. Una compagnia di cui probabilmente, tra i 17073 iscritti al gruppo, pochi vorrebbero veramente far parte.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 07:36:11 | 91.208.130.87