Deposit/Pezzani
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE / SVIZZERA
38 min
«Si è trasferito con mio figlio in Italia, sono disperata»
L’ex modella russa Marianna Zhukova ha “lottato” prima con l’ARP, ora non sa se potrà rivedere il suo Gabriel
CANTONE
2 ore
Fine della pausa estiva per il Gran Consiglio
I lavori riprenderanno questo pomeriggio. Sul tavolo il Consuntivo e la CPI per il caso dell'ex funzionario del DSS
CANTONE
2 ore
Strade troppo rumorose: 216 chilometri da rifare
Carlo Celpi, della Divisione delle costruzioni: «Puntiamo su asfalto fonoassorbente e riduzione della velocità».
CANTONE
8 ore
«L'epilessia è stata la causa principale di licenziamento»
Per Fabia, 29 anni, la sua malattia non è un impedimento a una vita normale.
LOCARNO
10 ore
Si "fanno" con il farmaco del cane
Il Caniphedrin procura effetti simili alla cocaina. Ma trovarlo in farmacia è piuttosto facile. Un caso nel Locarnese.
CANTONE
12 ore
I funghi meglio dell'ospedale: «Solo due infortuni in un mese»
La Rega chiamata in causa solo due volte da fungiatt in difficoltà: «Non abbiamo notato nessuna recrudescenza».
FOTO
FAIDO
14 ore
Osco, le immagini dell'auto distrutta
La Polizia cantonale è alla ricerca di testimoni. Il conducente deceduto non è ancora stato identificato
ROVEREDO (GR)
16 ore
Fungiatt ferito in Val del Magin
Il 51enne è scivolato sul ripido terreno, precipitando per diversi metri e finendo nel greto di un torrente
FAIDO
17 ore
Incidente mortale in Leventina. Qualcuno ha visto qualcosa?
L'auto ha fatto un volo di 400 metri, a Osco. Il conducente non è ancora stato identificato
FOTO E VIDEO
ORIGLIO
18 ore
Cinghiali al laghetto: «Non hanno nemmeno più paura dell'uomo»
La preoccupazione di un cittadino: «Ormai abbiamo paura anche a fare una passeggiata la sera»
MASSAGNO
18 ore
Il LUX riparte, tra distanziamento e ristrutturazioni
Posti numerati per ogni proiezione e tracciamento obbligatorio. In sala “Edelweiss Revolution”, “Madame” e "Magari"
FOTO E VIDEO
LUGANO
19 ore
Fumo dalle scuole "vecchie" di Viganello: un'esercitazione
Le fiamme notate all'ultimo piano dell'edificio in via Emilio Rava erano parte di un esercizio dei pompieri volontari
RIVERA
27.01.2020 - 06:030

L'uomo che parla con i fiori da 40 anni colora il Ticino

La maggior parte dei fiori che vedete nei negozi passano dalle mani di Enrico Pelozzi. L'importatore racconta come si vince la concorrenza estera

RIVERA - Dall'età di 15 anni Enrico Pelozzi tratta fiori. Oggi, 51enne, dirige Astroflor, l'importatore all'ingrosso di Rivera che dal 1997 rifornisce i negozi specializzati in Ticino e anche oltre Gottardo.

C'è sempre feeling con il profumo dei petali?
«Sì, certo. La Svizzera italiana vanta una lunga tradizione e nutre un grande rispetto per il nostro settore. Qui il fiore è sicuramente più apprezzato che altrove, la cura è minuziosa e importante, a partire dai fioristi stessi. Oggi si lavora spesso con molti colori e differenti gradazioni. Personalmente prediligo il prodotto naturale, favorendo così una sensibilizzazione all'ambiente».

Come si è adattato il mercato alle continue sollecitazioni?
«Lavoro in questo settore da quasi quarant'anni e negli ultimi cinque il cambiamento è stato drastico, sia in termini di lavorazione, rigorosamente sempre fresca, che di vendita, con l'avvento sul mercato ticinese della concorrenza estera. Si rende necessaria un'attenta e mirata programmazione giornaliera per potersi adattare alle singole esigenze. La clientela è competente e desidera apprezzare l'alta qualità di tutti i prodotti».

San Valentino, la festa degli innamorati, rappresenta il clou della stagione. Sono proprio fasi palpitanti?
«È un momento molto importante per tutti coloro che propongono i fiori, ma non c'è più nulla di scontato neanche per la scadenza del 14 febbraio. Noi anticipiamo questa ricorrenza stipulando contratti con i nostri fornitori già ad ottobre, in modo da poter essere concorrenziali sia dal punto di vista qualitativo che dei prezzi».

La rosa resta la regina, il messaggio profondo che trasmette è intramontabile...
«È amata in tutto il mondo. È il fiore per eccellenza, il più elegante, che si adatta a svariate occasioni e ricorrenze. Non dovrebbe mai mancare…».

La più scura Baccara ha lasciato spazio alla più sgargiante “Red Naomi” e alla  duratura “Explorer”, che dominano il mercato. Quali sono le differenze sostanziali?
«Oggi si punta su queste nuove varianti, provenienti dall'Olanda e dall'Ecuador, perché sono di qualità e di resistenza superiori al passato, con un prezzo inferiore anche del 25% rispetto alla classica Baccara, che ha segnato le storie d'amore più intense».

Quindi il rosso è e resta rigorosamente amore. E gli altri colori?
«È opportuno sottolineare che “Dillo con un fiore” è un messaggio sempre profondo, indipendentemente dal colore e dalla tipologia. Esprime il sentimento personale attraverso un mazzo di fiori a chi viene donato. Ogni colore ha una variante con il suo significato».

Il fiore online ha preso piede?
«È una realtà da tenere in considerazione e che la nostra azienda ha preso atto già da tempo. Abbiamo scelto di rinunciare in quanto la qualità del prodotto non rispecchiava sempre gli standard, priorità di Astroflor. La nostra azienda punta sul contatto diretto, elemento per noi imprescindibile, attraverso il quale cerchiamo di cogliere e soddisfare i bisogni e le necessità».

Ventimila rose rosse sotto il segno dell'amore
Olanda, Ecuador, Kenya, Italia. Sono questi i principali Paesi da cui provengono i fiori che troviamo ogni giorno sul mercato ticinese, coperto al 90% da Astroflor. «Di norma abbiamo due-tre arrivi settimanali, a seconda della tipologia dei prodotti», sottolinea Enrico Pelozzi, responsabile da 23 anni dei commercianti all'ingrosso con sede a Rivera. «Importiamo ogni settimana migliaia di steli di fiori da diversi fornitori, fino ad arrivare a numeri importanti per la festa di San Valentino, con un potenziale di 20.000 rose rosse in due giorni». Al di fuori delle festività principali si raggiungono quantità di 1500-2000 steli settimanali. Il fiore dell'amore e della passione rimane la locomotiva, anche se tulipani (5000) e girasoli (2000) dominano le rispettive stagioni. «In Ticino collaboriamo attivamente con l'Associazione dei fioristi con ottimi risultati. Credo sia importante amare il proprio lavoro per migliorare e mantenere ad alti livelli il nostro settore». 

Foto Pezzani
Ingrandisci l'immagine
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GIGETTO 7 mesi fa su tio
Ma gli rispondo ogni tanto?...... :-)
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-21 08:43:20 | 91.208.130.86