ULTIME NOTIZIE Ticino
VIDEO
CANTONE
7 min
L’amianto che dorme nelle case: «Prima di svegliarlo fate una perizia»
Il materiale è tornato d’attualità, ma i più ignorano le potenziali “bombe” che si trovano nelle abitazioni costruite prima del 1991. L’esperto: «Il Ticino, purtroppo, è fanalino di coda in materia».
FOTO
BELLINZONA
1 ora
Col furgoncino vola nel riale
Sul posto Polizia e Pompieri, oltre alla Scientifica. Non sono note le condizioni del conducente
CANTONE
12 ore
In bici al lavoro: «Un pieno di benzina adesso mi dura 4 mesi»
La proposta di Patrizia, che ha abbandonato l’auto per abbracciare il “bike to work”: «Sarebbe bello promuovere degli incentivi al chilometro». L'esperto: «Non dimentichiamoci della sicurezza»
LUGANO
13 ore
«Le Iene si sono introdotte in quel salone in modo vergognoso»
Un testimone racconta l'episodio verificatosi nella serata di giovedì da parte degli inviati di Italia 1. Tra scorrettezza e violazioni della privacy a gogo 
CANTONE / SVIZZERA
14 ore
Sostegno a Carobbio, «senza disperdere voti»
Il PS ringrazia Greta Gysin che con la sua rinuncia concretizza l’appoggio unitario alla candidatura
CANTONE
14 ore
PS, Verdi e Mps pronti al referendum contro il credito per Lugano Airport
I partiti contrari al credito cantonale deciso dalla maggioranza della Commissione della gestione e delle finanze del Gran Consiglio
CANTONE
14 ore
Airolo-Pesciüm, cala il sipario su un'ottima stagione estiva
La vendità delle stagionale "3in1" ha fatto segnare un incremento del 73% rispetto al 2018
LUGANO
15 ore
L'Ambasciatrice del Perù in visita a Palazzo Civico
Il Sindaco di Lugano Marco Borradori ha accolto oggi Ana Rosa Valdivieso Santa Maria
TORRICELLA-TAVERNE
15 ore
Una serata da ricordare per i neo-diciottenni del comune
Il Municipio di Torricella-Taverne ha festeggiato giovedì scorso i giovani nati nel 2001
SVIZZERA
16 ore
«In Ticino è stato fatto un buon lavoro»
Christoph Blocher ha commentato i risultati dell'ultima tornata elettorale. A livello nazionale l'arretramento dell'Udc è meno negativo di quanto temesse
LUGANO
16 ore
Caos all'inaugurazione del salone: arrivano Le Iene e la polizia
Storie di ex mogli che sostengono di essere state raggirate. La vicenda riguarda un noto parrucchiere. Grande scompiglio creato dagli inviati della trasmissione italiana
FOTO
MENDRISIO
16 ore
Una raccolta fondi per sistemare la chiesetta sul San Giorgio
L'edificio presenta vistose crepe e problemi strutturali. I lavori sono partiti nelle scorse settimane
COMANO
17 ore
Una miscela di gas esplosivo per forzare il bancomat
Gli autori del tentato furto della scorsa notte sono tuttora in fuga. Le ricerche sono in corso
BELLINZONA
18 ore
Tornano “Sapori e Saperi” e i gustosi prodotti ticinesi
È giunta alla diciottesima edizione la più importante vetrina del settore che riunisce sotto lo stesso tetto le specialità più rappresentative del nostro territorio
VIDEO
CANTONE
18 ore
Le forti piogge sono finite, ma la Maggia è ancora carica
Dopo l’allerta piena per i fiumi, ora tocca ai laghi. Aumenta a vista d'occhio, in particolare, il livello del Verbano
CANTONE
16.05.2019 - 06:000
Aggiornamento : 11:01

Disoccupati a 50 anni: «Proposte al limite della decenza»

Due cinquantenni senza impiego criticano lavoro.swiss, la bacheca online della SECO, e denunciano «il senso di abbandono»

LUGANO - Un disoccupato su quattro, ad aprile, in Ticino aveva più di 50 anni. Ma meno di 60. La giovinezza alle spalle e la pensione ancora troppo lontana, né carne né pesce, si tratta di uomini e donne alla perenne ricerca dell’occasione di riscatto che non arriva. Sono tanti e chiedono concretezza. Così capita che si innervosiscano quando sentono i numeri delle «oltre 33mila segnalazioni fatte dai consulenti degli Uffici regionali di collocamento» e si arrabbiano proprio quando alla Sezione del Lavoro dichiarano che il sito lavoro.swiss «è diventato una vera e propria miniera per chi cerca impiego in Svizzera». Lavoro.swiss è la bacheca ufficiale della Segreteria di Stato dell'Economia (SECO) cui rimandano gli URC.

AAA cameriere - In “miniera” Sergio, 55 anni, ci va tutti i giorni e mai una gioia: «Dopo oltre un anno di accessi quotidiani al lavoro.swiss - racconta a Tio/20Minuti - posso affermare che su una media di 400 proposte giornaliere un buon 70-80% delle offerte sono indirizzate al settore della ristorazione». Senza tacere, prosegue il disoccupato, «che si leggono proposte al limite della decenza. Alcuni giorni fa cercavano un panettiere al 20% cui si richiedeva grande impegno, professionalità e flessibilità negli orari!».

Il magro bilancio - Manca, secondo Sergio, chiarezza sul numero delle proposte degli URC andate a buon fine: «Nel mio caso ad aprile e maggio ho ricevuto dal mio consulente 2 segnalazioni di annunci ai quali rispondere entro 24 ore. Peccato che agli stessi avessi già risposto tre settimane prima quando erano apparsi sul sito… Statisticamente il mio 100% di proposte (cioè 2) vale lo 0%». Annunci vecchi rimbalzati come attuali, sostiene il 55enne: «Ma fanno numero, dimenticando però che il soggetto di questo gioco è pur sempre chi non ha lavoro. Ho percepito l’inutilità dei miei sforzi».

Un prima e un dopo - Dietro un numero, sarà retorico, ma c’è un individuo: «Ho sempre  lavorato nella vendita - racconta Sergio -, settore dove le opportunità sono ben poche. E ancora meno per uno della mia età. Letta la quarta riga, arrivati alla data di nascita, il mio curriculum viene scartato. Anche se nessuno lo ammette». Ci vuole forza e costanza per non mollare: «Bisogna aggrapparsi alla speranza e darsi una disciplina. Dopo il licenziamento ho fatto un anno in cura, finché ho capito che gli effetti collaterali erano troppo pesanti. Tutti i giorni mi aggrappo al fatto di avere una famiglia fantastica».

Curriculì-curriculà - Ma anche un curriculum dorato fa poca luce in miniera. Almeno questa è l’esperienza di Patrick, 50 anni, da poco scivolato in assistenza, uno degli ottomila, nonostante la formazione universitaria e le competenze manageriali nel settore della logistica. «Purtroppo lavoro.swiss non è altro che un ricettacolo di quello che pubblicano le agenzie interinali. Si sente la mancanza - secondo me - di una piattaforma alternativa». Da fresco cinquantenne valuta così la situazione sua e degli altri coetanei senza lavoro: «Il cuore del problema è il senso di abbandono. Perché pesa il fatto di non essere sostenuti verso il ritorno ad una vita professionale. Proprio nell’età in cui potremmo dare il meglio a un’azienda. Invece dal Cantone sentiamo solo tanti slogan che a noi, per dirla all’italiana, “esodati”, servono poco».

La cilindrata degli over 50 - Gli ultracinquantenni costano troppo alle aziende, in termini di salario, contributi sociali, giù giù fino alle vacanze maggiorate. Tutto vero, ma questo è solo un piatto della bilancia. Sull’altro, sottolinea Patrick nella sua apologia di una generazione dimenticata, «c’è la nostra capacità di essere flessibili. Siamo un po’ come un’auto chiavi in mano, un usato che, se trattato bene, è in grado di fare ancora tanti chilometri. Noi siamo affidabili e professionali». Di più, continua, «siamo cresciuti con una diversa mentalità professionale, in cui l’individuo porta un valore aggiunto all’azienda. Ma abbiamo anche, e lo dico senza arroganza, più voglia di lavorare dei giovani. Ed è una motivazione che nasce dal maggior bagaglio culturale, professionale e tecnico». La speranza di Patrick è che gli over 50 senza lavoro uniscano finalmente le forze: «Forse è il momento di trovarci in Piazza della foca. Per farci sentire dal Governo».

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 08:08:34 | 91.208.130.89